Come Effettuare Una Addizione Nucleofila Alchilica

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

L'addizione coniugata di un gruppo alchilico rappresenta precisamente una reazione della chimica organica: essa risulta essere piuttosto simile all'addizione nucleofila di Grignard. Infatti, anche la Grignard utilizza particolari reagenti e allunga la catena carboniosa principale della struttura in questione. In chimica, un nucleofilo non è altro che una particolare e specifica struttura chimica, la quale generalmente partecipa a una reazione cedendo una coppia di elettroni a un altro elletrofilo, il quale accetta la coppia di elettroni formando così un legame. In particolare, gli elettroni facenti parte della coppia, possono essere formati da due atomi non condivisi; oppure elettroni di core, cioè non sono elettroni di valenza. Quindi, tali nucleofili reagiscono con specifiche specie, dando in questo modo origine, nella maggior parte dei casi, ad addizioni di altre specie. Attraverso questa guida vi spiegheremo, passo dopo passo, come bisogna procedere per effettuare il modo semplice e corretto una addizione nucleofila alchilica.

26

Cominciamo subito col dire che l'addizione coniugata di un gruppo alchilico è sicuramente una delle più importanti reazioni che si conoscono e che vengono utilizzate in chimica organica. Questa, infatti, allungando la catena di carbonio e piazzando un residuo alchilico in posizione quattro rispetto al carbonile, risulta essere la più versatile delle procedure. L'addizione coniugata di un gruppo alchilico si ottiene trattando il chetone o l'aldeide alfa-beta insaturo con un reagente a base di litiobiorganorame. Facendo reagire precisamente una molecola di ioduro rameoso con due molecole di un reagente biorganorame si avrà come risultato l'ottenimento del reagente perfetto per tale reazione di addizione.

36

Dunque, possiamo dire che in chimica l'addizione nucleofila rappresenta più specificatamente una reazione di addizione, dove all'interno di un composto viene rimosso precisamente un legame pi greco, attraverso la creazione di due ulteriori e nuovi legami grazie all'aggiunta di un nucleofilo. Inoltre, queste particolari reazioni di addizioni fanno riferimento solamente a dei composti chimici aventi atomi con legami multipli.

Continua la lettura
46

Per concludere, è bene ricordare che questa reazione procede bene con i gruppi alchilici primari, secondari e addirittura terziari. Inoltre, rispondono bene anche i residui arilici e alchenilici. Purtroppo è, invece, inutilizzabile con i residui appartenenti ai gruppi alchinilici. Ad ogni modo, la cosa fondamentale da sapere è che con tale procedimento non si verifica la presenza di sottoprodotti.

56

Guarda il video

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Consultate un libro di chimica ed esercitatevi in laboratorio
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come Effettuare Una Addizione Di Alogeni Ad Un Alchino

In chimica le operazioni tra i vari elementi non possono essere effettuate a caso, ovviamente dietro ogni addizione tra sostanze diverse c'è una formula imprescindibile, che è fondamentale conoscere soprattutto per capirne il meccanismo e prevederne...
Università e Master

Chimica organica: sostituzione nucleofila

La chimica è una materia affascinante e vasta, ma di non facile comprensione per la maggior parte degli studenti. Infatti per capirla al meglio ci vogliono anni e anni di studio, e soprattutto per riuscire a padroneggiarla come si deve. In riferimento...
Università e Master

Come Fare Una Addizione Di Hbr Agli Alchini Secondo Markovnokov

Gli Alchini sono formati da atomi di idrogeno e carbonio uniti tra di loro. Queste unioni sono chiamate legami covalenti e se intendiamo studiarle, ma non conosciamo le basi per comprendere il concetto è importante ricorrere all'addizione dell'HBR sugli...
Università e Master

Come Idratare Le Aldeidi E I Chetoni

L'idratazione, ovvero l'aggiunta di una molecola d'acqua, è un processo che avviene naturalmente in molti organismi e sistemi biologici ogni secondo. Con questa guida ci occuperemo di spiegarvi, in particolare, come bisogna procedere per idratare le...
Università e Master

Come Effettuare La Reazione Di Cannizzaro

La reazione di Cannizzaro serve per effettuare un tipico processo della chimica inorganica che effettua la formazione di particolari prodotti chimici molto importanti per l' industria chimica e molto apprezzata per la versatilita' delle miscele di prodotti...
Università e Master

Come Effettuare La Riduzione Di Aldeidi E Chetoni

Le aldeidi sono dei composti organici speciali in grado di introdurre, nella loro struttura, il gruppo funzionale formile. Quest'ultimo costituisce semplicemente l'acile dell'acido formico. I seguenti composti organici vengono solitamente creati in natura...
Università e Master

Come Preparare Le Ammine Coniugate

In questa guida o articolo, che dir si voglia, abbiamo deciso di imparare tutti i nostri lettori, il come poter preparare le ammine coniugate, nella maniera più semplice e veloce possibile, senza rischiare d'incorrere in degli errori a volte anche catastrofici....
Università e Master

Come Effettuare Un'Apertura Di Epossido In Ambiente Basico

Gli epossidi vengono classificati come eteri, nonostante le tante differenze. Per ambiente basico si intende una soluzione nella quale il pH (ovvero la concentrazione di ioni H+) è minore di 7.In questa semplice ed altrettanto utile guida scopriremo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.