Come Effettuare Una Addizione Elettrofila Di Acidi Alogenidrici Ad Un Alchene

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Nella famiglia degli alcheni ci sono molteplici reazioni ed esse aprono vari scenari che sono molto vasti e anche complessi in buona parte dei casi. Soffermandoci su come effettuare un addizione elettrofila di acidi alogenidrici ad un alchene, la prima cosa da tenere a mente è che il tutto avviene tramite la regola di Markovnikov. Si parte dagli acidi protici forti, come ad esempio l'acido trifluoro, l'acido solforico e gli acidi alogenidrici, che con gli alcheni reagiscono in maniera molto semplice. Ovviamente va ricordato che gli acidi forti hanno la loro presenza nella catalizzazione delle addizioni degli acidi deboli. Se volete scoprire come effettuare una addizione elettrofila di acidi alogenidrici ad un alchene, continuate a leggere la guida che segue.

25

Per riuscire a ricordare questa parte della chimica, è giusto procedere ripetendo tutto ciò che riguarda la stereochimica degli alcheni, soffermandosi sul doppio legame di C= C e ovviamente su ciò che comporta la sua reattività. L'alogenuro alchilico è il prodotto generato dalla reazione di un alchene con un acido alogenidrico. Il procedimento che segue ha bisogno della giusta attenzione, quindi seguitelo per bene. Il 2 metilpropene ossia (CH3)2C=CH2 è l'alchene che viene utilizzato, mentre invece l'HBr viene utilizzato come alogenuro.

35

Quello che avviene al primo stadio della reazione è l'azione di far attaccare dagli elettroni del doppio legame l'idrogeno dell'HBr, formando un carbocatione (CH3)2C CH3 e un anione Br. Ovviamente come abbiamo detto nell'introduzione in alto, questo avviene tramite la regola di Markovnikov, che dice proprio che l'idrogeno va sempre e comunque a legarsi al carbonio del'alchene meno sostituito, mentre il carbonio più sostituito assume della carica positiva.

Continua la lettura
45

Lo stadio successivo riguarda il procedere della reazione, attaccando con il bromo carico negativamente con il carbonio carico positivamente. Dall'interazione di cariche si otterrà l'alogenuro alchilico (CH3)2CBr-CH2. Di certo la chimica non sarà la materia più facile tra le tante esistenti a questo mondo. Senza dubbio occorre una ricca dose di dedizione e di applicazione delle varie regole che essa comporta, ma servendosi della propria intelligenza e applicando i giusti insegnamenti ricevuti finora, si arriverà a dei risultati che magari all'inizio non si pensava di poter raggiungere ma che poi infondo ci si riesce con molta pratica.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come effettuare una ossidazione blanda di un alchene

Studiare non e sempre facile, soprattutto alcune materie come la chimica, di difficile comprensione. Ci vogliono anni per riuscire ad impararne tutti i segreti e le sfumature. La chimica è una materia fondamentale grazie alla quale sono state fatte le...
Università e Master

Come Fare Una Addizione Di Hbr Agli Alchini Secondo Markovnokov

Gli Alchini sono formati da atomi di idrogeno e carbonio uniti tra di loro. Queste unioni sono chiamate legami covalenti e se intendiamo studiarle, ma non conosciamo le basi per comprendere il concetto è importante ricorrere all'addizione dell'HBR sugli...
Università e Master

Come Effettuare Una Addizione Nucleofila Alchilica

L'addizione coniugata di un gruppo alchilico rappresenta precisamente una reazione della chimica organica: essa risulta essere piuttosto simile all'addizione nucleofila di Grignard. Infatti, anche la Grignard utilizza particolari reagenti e allunga la...
Università e Master

Appunti di chimica: idratazione degli alcheni

In questa guida andremo ad esaminare un argomento abbastanza difficile da comprendere ed leggermente ostico. Tratteremo, infatti, di alcuni appunti fondamentali di chimica, sperando di essere di supporto a tutti gli studenti di chimica. Nel dettaglio,...
Università e Master

Chimica: idroborazione di un alchene

Nella chimica organica, moltissime sono le reazioni che coinvolgono gli alcheni. Tra di esse sono particolarmente importanti le reazioni di idratazione che li portano a reagire con diverse sostanze per formare degli alcol. L'idroborazione seguita da ossidazione...
Università e Master

Come Effettuare Una Addizione Di Alogeni Ad Un Alchino

In chimica le operazioni tra i vari elementi non possono essere effettuate a caso, ovviamente dietro ogni addizione tra sostanze diverse c'è una formula imprescindibile, che è fondamentale conoscere soprattutto per capirne il meccanismo e prevederne...
Università e Master

Come fare un'adizione di HBr ad un alchene in presenza di perossidi

Se avete bisogno di un aiuto con la chimica organica, questa guida fa sicuramente al caso vostro. In questa guida vedremo Un'adizione di HBr (ovvero di acido bromidrico, che come voi ben saprete è un acido forte che si dissocia completamente) ad un alchene....
Università e Master

Come Fare Una Idratazione Acido Catalizzata Di Un Alchene

In questa guida andrete a capire come fare una idratazione acido catalizzata di un alchene. Per l'appunto si tratta di una reazione chimica. E come in tutte le reazioni chimiche si ha uno scambio di energie chimiche. Pertanto ci sono scambi di elettroni...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.