Come Effettuare La Taratura Di Un Termoscopio

tramite: O2O
Difficoltà: facile
18

Introduzione

Inventato da Galileo Galilei, il termoscopio è uno strumento di origini molto antiche che ancora oggi viene utilizzato per valutare lo stato termico di un corpo ma privo di una scala graduata. Esso può infatti tornare utile per esempio nel caso in cui si vuole confrontare la temperatura di due oggetti ma senza misurarla. Inoltre, il termoscopio può essere facilmente trasformato in un termometro, ovvero un dispositivo in grado di dare un misura precisa della temperatura. In questa breve guida, ci occuperemo di spigare in maniera dettagliata come effettuare la taratura di un termoscopio.

28

Occorrente

  • asta di supporto
  • morsetti
  • pennarello indelebile
  • fornello (di qualunque tipo)
  • ghiaccio
  • termoscopio
  • asta millimetrata
38

Al fine di ottenere la taratura di un termoscopio il primo passo da compiere, sarà quello di trovare i valori di 0 gradi e 100 gradi che rappresentano le misure di riferimento. Questo tipi di operazione, risulta di facile esecuzione inquanto le temperature costituiscono il punto di fusione e di ebollizione dell'acqua. Quando avremo determinato i valori, ottenere le temperature intermedie risulterà molto semplice. Nei passi che seguono, vedremo nei dettagli quali operazioni compiere al fine di tarare con la massima precisione possibile il nostro strumento.

48

Prima di iniziare, munitevi di una buona dose di pasienza e concentratevi sul lavoro da svolgere inquanto anche piccoli errori potrebbero falsare i risultati. Provvedete a montare il dispositivo di supporto del termoscopio, fissandolo con estrema cura tramite l'utilizzo di un'opportuna guarnizione. Mescolate dell'acqua e ghiaccio ed amalgamate con cura fino al raggiungimento di un equilibrio termico. Fatto ciò, immergete il bulbo dello strumento nella miscela e aspettate qualche minuto in modo che il livello di mercurio si stabilizzi. Con l'uso di un pennarello, segnate il livello che corrisponderà alla temperatura di 0 gradi. Questo è il primo passo fondamentale da svolgere!

Continua la lettura
58

Proseguendo nel nostro intento, portate l'acqua ad ebollizione ed immergete il bulbo del termoscopio all'interno. Aspettate che il livello sia stabile e poi segnate la temperatura che corrisponderà a 100 gradi. A questo punto, misurate la distanza tra le due misure che avete annotato, utilizzando un'asta millimetrata. Dividete il risultato ottenuto per cento ed otterrete un termometro graduato.

68

In fine per assicurarvi che la procedura svolta abbia avuto il risultato corretto, potete effettuare una semplice misurazione di controllo. Potrete infatti utilizzare un comunissimo termometro per misurare la temperatura dell'ambiente in cui vi trovate e quella esterna. Poi ripetete la stessa operazione con il termoscopio e confrontate i risultati per valutare il margine di errore.

78

Come avete potuto dedurre leggendo questa breve guida, effettuare la taratura di un termoscopio è un lavoro molto semplice ed alla portata di tutti. Unica accortezza da non sottovalutare è la precisione dei diversi passaggi che potrebbero falsare i risultati se non eseguiti in modo corretto.

88

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come si calcola la portata di un fluido

La fisica è una materia vasta ed interessante allo stesso tempo, e di non facile comprensione. Per capirla a fondo è necessario studiare molto e a fondo per carpirne ogni singolo aspetto. Bisogna quindi partire da solide basi per poter accedere ad argomenti...
Università e Master

Come riconoscere errori casuali edf errori sistematici

Ogni volta che ci si accinge a fare una misurazione bisogna tenere in considerazione che tale operazione porta con se una incertezza. È questo il motivo per il quale si ripete almeno tre volte e si fa una media. In realtà esistono due tipi di errori,...
Università e Master

Come determinare il numero di formolo nelle bevande

Nella seguente guida proverò a spiegarti tramite una serie di passi guida come determinare il numero di formolo nelle bevande, cioè a dire il numero complessivo di amminoacidi riscontrabili in una bevanda o in un succo di frutta. Tale calcolo è stato...
Università e Master

Come determinare il pH nelle bevande e nei succhi

l pH consiste in una scala di misura dell'acidità oppure della basicità di una soluzione acquosa. Il termine "pH" è stato introdotto nel lontano 1909, dal chimico danese Søren Sørensen. Il termine p (operatore) simboleggia due operazioni matematiche,...
Università e Master

Come Usare Uno Sclerometro

Lo sclerometro è lo strumento per le prove di durezza del calcestruzzo; le prove eseguite con questo attrezzo non sono ufficialmente riconosciute per le molteplici varianti che possono influire sui risultati (umidità, particolarità non standard del...
Università e Master

Dosaggio Del Dna Con Metodo Colorimetrico

Il dosaggio del Dna è un passo importante dell'analisi scientifica, perché permette di specificare la quantità di materiale genetico estratto da una determinata cellula. Attraverso questo metodo, potremo capire come fare per calcolare la sua concentrazione...
Superiori

Come costruire una curva di titolazione di un acido forte con una base forte

La titolazione è un metodo analitico che impiega una soluzione standard per determinare la concentrazione di un'altra soluzione. Si ottiene aggiungendo alla soluzione di concentrazione incognita un'altra di composizione nota, in modo da determinare una...
Superiori

Fisica: il principio zero della termodinamica

Nell'Ottocento venne chiarito il concetto di temperatura. Chiariamo fin da subito che per "temperatura" non si intende un'idea soggettiva collegata alle percezioni sensoriali di caldo e freddo. La temperatura di un corpo, infatti, aumenta o diminuisce...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.