Come Effettuare La Duplicazione Di Un Cubo Con Il Metodo Di Menecmo

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Menecmo (380 a. C. circa – 320 a. C. Circa) è stato un matematico greco antico, studioso di geometria. Egli nacque probabilmente ad Apeconesso, località della Tracia che oggi fa parte della Turchia, ed è noto per la sua basilare scoperta delle sezioni coniche e per aver dato una soluzione a quello che allora era un annoso problema: quello della duplicazione del cubo; per farlo egli si servì della parabola e dell'iperbole. Il metodo di Menecmo sulle sezioni coniche è nota essenzialmente grazie ad un epigramma di Erastotene e alla scoperta di suo fratello Dinostrato sulla quadratrice per costruire un quadrato di area uguale ad un cerchio dato (cioè per la scoperta di un procedimento per risolvere il problema della quadratura del cerchio). Proclo afferma anche che Menecmo era un allievo di Eudosso. Nei passi della guida a seguire troverete la corretta spiegazione su come effettuare la duplicazione di un cubo con il metodo di Menecmo.

25

Occorrente

  • folgio, matita, squadrette
35

La duplicazione del cubo è uno dei grandi problemi matematici dell'antichità. Si dice che sull'isola di Delo vi era un altare dedicato ad Apollo di forma cubica. Un giorno il dio chiese agli abitanti di raddoppiare il volume dell'altare e da questa richiesta è nato il relativo problema matematico. Per effettuare la duplicazione di un cubo, è necessario tracciare un sistema di assi cartesiani xy utilizzando le squadrette e una matita. Disegnate la parabola avente l'equazione riportata nella figura. Il punto M di coordinate (a, a), appartiene alla parabola in questione. Il valore a indica il lato del cubo. Per rappresentare la parabola basta dare dei valori ad x e poi trovare i corrispondenti valori di y. Ad esempio: se diamo ad x il valore 1, y sarà uguale a 1/a.

45

Più valori utilizzate e più precisa risulterà la vostra parabola. Ora disegnate la parabola avente come equazione la seconda espressione (sempre dando dei valori ad x e calcolando il rispettivo valore di y) riportata nella figura precedente. Le due parabole sono riportate nella figura seguente, dove è stato rappresentato anche il punto M. Abbassate la perpendicolare sull'asse delle x nel punto Q.

Continua la lettura
55

Si ha che OQ è un segmento di lunghezza pari ad a (lato del cubo) per la radice cubica di 2. Come abbiamo detto in precedenza, a è il lato del cubo da duplicare. In questo modo OQ rappresenta il lato di un cubo di volume doppio. Quindi, il cubo avente il lato pari ad OQ ha volume doppio rispetto al cubo di lato ON. Oltre a questo metodo, Menecmo ne propose anche un altro utilizzando però un'iperbole al posto della prima parabola.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come dimostrare il metodo delle potenze

Per metodo delle potenze intendiamo un complesso di operazioni matematiche atte a calcolare, in una matrice, l'autovalore dominante. Per autovalore intendiamo, in matematica, e precisamente in algebra lineare, un vettore, che moltiplicato per uno scalare,...
Università e Master

Come disegnare un pezzo in proiezione con il metodo americano

In ambito di disegno industriale esistono due diversi metodi di rappresentazione delle proiezioni ortogonali che sono quello del primo diedro, o metodo europeo, e quello del terzo diedro, o metodo americano. Quindi è molto importante sincerarsi sempre...
Università e Master

Come disegnare una proiezione con il metodo europeo

Nell'ambito del disegno industriale esistono due metodi diversi per ottenere una proiezione ortogonale. Essi differiscono solo per la posizione delle varie viste: il metodo europeo (chiamato anche 'metodo del primo diedro'), il metodo americano (o 'del...
Università e Master

Calcolo delle rimanenze: metodo del lifo

Il metodo del lifo valuta l'ammontare dell'inventario finale in un periodo di reporting. Questo è utile nelle seguenti situazioni: per periodi di intervalli tra i conteggi dell'inventario fisico e quando non è più presente l'inventario ed è necessario...
Università e Master

Come imparare il metodo Feuerstein

I problemi legati al mondo dell'apprendimento sono davvero tanti e, per questo motivo, è essenziale ritrovare il metodo giusto per poter gestire queste problematiche e migliorare le capacità di apprendimento di tutti coloro i quali si trovano in difficoltà....
Università e Master

Come risolvere un circuito col metodo potenziali nodali

Per risolvere un circuito col metodo potenziali nodali, è necessario utilizzare la legge di Ohm, in moda da rilevare le correnti sconosciute dai potenziali nodi e dalle fonti di tensioni quando è necessario. Per tutte le correnti sconosciute, bisogna...
Università e Master

Come Determinare La Composizione Di Miscele Gassose Con Il Metodo Di Assorbimento

I metodi di cui la chimica analitica si avvale per determinare la composizione di miscele gassose sono sostanzialmente due: il metodo di assorbimento e il metodo di combustione. Generalmente i gas inerti, quali l'azoto e i gas nobili (ad esempio elio,...
Università e Master

Come trovare il giusto metodo di studio

All'interno della presente guida, andremo a occuparci di studio. Lo faremo, come abbiamo già indicato chiaramente nel titolo che accompagna la guida stessa, per addentrarci su una tematica che ritengo essere d'importanza fondamentale: il metodo di studio....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.