Come Effettuare Il Saggio Di Lucas

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

In chimica analitica classica ed organica, il saggio di Lucas è un saggio chimico per distinguere se un alcol incognito è primario, secondario o terziario. Il saggio funziona solo per gli alcoli a basso peso molecolare solubili nel reattivo di Lucas, ovvero solo quegli alcoli la cui catena alifatica presenta meno di 6 atomi di carbonio. Normalmente, gli alcoli in primari, secondari e terziari vengono classificati a seconda che l'atomo di carbonio che reca il gruppo funzionale caratteristico sia ulteriormente legato ad uno, due o tre atomi di carbonio. Queste tre tipologie di alcol presentano un diverso tipo di reattività, sia dal punto di vista cinetico che per quanto riguarda i prodotti che è possibile ottenere da essi. Per determinare la struttura di un alcol incognito, è utile sottoporlo a dei saggi che consentano di poterne scoprire la classe di appartenenza. Ecco come effettuare il saggio di Lucas.

27

Occorrente

  • reattivo di Lucas
  • 5 provette
  • 1-butanolo
  • 2-butanolo
  • cicloesanolo
  • 2-metilpropanolo
37

Per effettuare il saggio di Lucas su 4 alcoli diversi, porre 2 ml di reattivo di Lucas in provette differenti. In ciascuna provetta, saggiare uno dei seguenti alcol: 1-butanolo, 2-butanolo, cicloesanolo e 2-metilpropanolo. Nella quinta provetta lasciare solo il reagente, il quale servirà per fare il confronto. Per effettuare il saggio, è sufficiente aggiungere 5 gocce di alcol al reattivo, agitare la provetta e misurare il tempo che la soluzione impiega per diventare torbida o che si separa in due fasi.

47

Quando un alcol terziario viene sottoposto al saggio di Lucas, si ottiene una dispersione torbida oppure può verificarsi la formazione di una seconda fase. Nel caso degli alcol secondari, la soluzione che si forma è inizialmente limpida, per poi diventare torbida dopo circa 5 minuti a causa della formazione dei cloruri alchilici. Bisogna attendere diverse ore prima di ottenere la formazione dei cloruri alchilici dagli alcoli primari.

Continua la lettura
57

Il saggio in questione prevede il trattamento dell'alcol con il cosiddetto "reattivo di Lucas", una soluzione di cloruro di zinco disciolto in acido cloridrico concentrato. Tale saggio consente di distinguere la tipologia di alcol in base alla diversa velocità con la quale esso viene trasformato dal reattivo nel relativo cloruro. Gli alcoli che reagiscono più velocemente sono quelli terziari; infatti, non si fa neanche in tempo ad osservarne la dissoluzione che già sono presenti i cloruri alchilici corrispondenti.

67

La reazione prevede la formazione di un carbo-catione intermedio R+, la cui stabilità determinerà la velocità della reazione. L'ambiente acido della soluzione promuove la deidratazione dell'alcol con la conseguente formazione del carbo-catione con netta carica positiva che subirà l'attacco nucleofilo dell'anione di cloruro, con conseguente formazione del cloruro alchilico corrispondente.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non dimenticare di annotare ciò che avviene in ciascuna provetta.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come costruire la successione di Padovan

La successione di Padovan, derivata da quella di Fibonacci, fu inventata da Richard Padovan che però ne conferisce l'invenzione ad Hans van der Laan, monaco olandese. Padovan la presentò nel 1994 in un proprio saggio e il matematico Ian Stewart la riprese...
Superiori

Come dare il nome agli alcoli

La chimica si avvale di una nomenclatura che ci permette di risalire alla composizione di alcune sostanze. Come per tutte le materie scientifiche, ogni elemento è contraddistinto da formule e da schemi che ci permettono di classificarli in determinate...
Università e Master

Come effettuare il saggio di Hinsberg

Nelle ammine primarie e secondarie, l'atomo di azoto dell'ammino-gruppo è legato a degli atomi d'idrogeno. Da questo deriva che tali ammine possono essere acilate e formano le corrispondenti ammidi. In modo analogo, le ammine primarie e secondarie reagiscono...
Università e Master

Come Sintetizzare Un Etere Da Un Alcol

Gli eteri sono dei composti costituiti da due gruppi alchilici legati insieme mediante un atomo di ossigeno. A temperatura e pressione ambiente, tendono ad essere più volatili degli alcoli perché a differenza di questi ultimi, non possono creare legami...
Università e Master

Come Formare Gli Acetali

Gli acetali sono dei composti organici che derivano da una reazione reversibile di aldeidi con un alcol. Gli acetali, nella sintesi organica, risultano stabili e poco reattivi in ambienti neutri e molto basici. Ciò significa che proteggono adeguatamente...
Superiori

Come scrivere un saggio

All'interno di questa specifica guida, andremo a parlare di saggi. Entrando più nel dettaglio, come avrete già compreso attraverso il contenuto del titolo stesso della guida, andremo a spiegarvi Come scrivere un saggio. La domanda che dobbiamo necessariamente...
Superiori

Come fare un saggio breve

Il saggio breve è uno degli strumenti più utilizzati dagli insegnanti, soprattutto nei gradi più alti di istruzione. Si distingue dal tema in quanto chi lo scrive espone in maniera approfondita una tematica o un argomento aggiungendone il proprio punto...
Università e Master

Come effettuare l'esperimento di riconoscimento degli anioni

L'anione è un elemento chimico formato da degli atomi che hanno acquisito uno o più elettroni che l'hanno trasformato in uno ione negativo: infatti il loro nome deriva appunto dalla migrazione del loro anodo quando si trovano all'interno di un campo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.