Come effettuare il saggio dello specchio d'argento

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

In questo articolo vogliamo cercare di fornire un aiuto concreto a tutti quegli studenti che durante l'anno scolastico, dovranno studiare questo genere di argomento, in maniera tale da essere agevolati e più propensi all'apprendimento. Nello specifico cercheremo di capire ed imparare insieme come poter effettuare il saggio dello specchio d'argento o anche detto Il saggio di Tollens. Per effettuare l'operazione descritta lungo questa guida, si prevede l'impiego del reattivo di Tollens: una soluzione ammoniacale di ioni argento.

27

Primo passo

Trattando un'aldeide con il Reattivo di Tollens, è risaputo che si ossida all'acido corrispondente mentre il reattivo sarà poi ridotto ad argento metallico. I chetoni, a parte qualche particolare eccezione, non vengono ossidati dal reattivo.
Nell'esecuzione del saggio, abbiate cura di usare vetreria assolutamente pulita e soluzioni diluite dei reagenti.

37

Secondo passo

Se si opera seguendo queste piccole precauzioni, si avrà modo di osservare nel migliore dei modi l'argento che si va a depositare nelle pareti del contenitore sotto forma di specchio.
Se ciò non dovesse avvenire significa che l'argento depositato sarà certamente sotto forma di precipitato di colore nero.

Continua la lettura
47

Terzo passo

La cosa primaria alla quale pensare per portare avanti il saggio, è quella di preparare il Reattivo di Tollens. Per far ciò dovete pulire bene la provetta con dell'acqua e con sa sapone in modo da igienizzarla; dopo di che procedete ad un risciacquo impiegando dell'acqua distillata.

57

Quarto passo

Fatto ciò passate al prossimo step: mettete nella provetta 2 mL di soluzione di nitrato d'argento al 5% ed aggiungete immediatamente 0.5 mL di soluzione di idrossido di sodio. Continuate mescolando il tutto e aggiungete idrossido di ammonio al 2% (quanto basta perché si sciolga del tutto il precipitato. Continuate l'operazione senza smettere di mescolare.

67

Quinto passo

Se dopo aver riempito la provetta fino a metà noti che il precipitato non si è sciolto, non aggiungete altro idrossido di ammonio! Lasciate che il precipitato sciolto si depositi e fate decantare la soluzione limpida che è poi quella che userai per il saggio. Versate il reattivo di Tollens in parti uguali in cinque provette: una di queste vi servirà come confronto.

77

Ultimo passo

Eseguite il saggio sui seguenti composti, mettendone 2 gocce in ogni provetta: acetone, benzaldeide, formaldeide e 3-pentanone. Agitate le provette e poi fate riposare per almeno 10 minuti. Annotate quello che succede in ciascuna provetta e traete le vostre conclusioni.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come effettuare il saggio di Hinsberg

Nelle ammine primarie e secondarie, l'atomo di azoto dell'ammino-gruppo è legato a degli atomi d'idrogeno. Da questo deriva che tali ammine possono essere acilate e formano le corrispondenti ammidi. In modo analogo, le ammine primarie e secondarie reagiscono...
Università e Master

Come scrivere un saggio di candidatura per una borsa di studio

Sempre più università, Master, corsi di formazione e scuole di specializzazione mettono a disposizione dei giovani, che vogliono intraprendere gli studi, delle borse di studio: esse sono un aiuto economico e un'ottima occasione per aiutare gli studenti...
Università e Master

Errori da evitare nella stesura di un saggio breve

Il saggio breve è una prova di esame che si sostiene all'esame di stato. Esso è corredato da diversi documenti che il candidato deve analizzare. È indirizzato a persone competenti, quindi bisogna utilizzare un linguaggio formale o addirittura specialistico....
Università e Master

Come effettuare l'esperimento di riconoscimento degli anioni

L'anione è un elemento chimico formato da degli atomi che hanno acquisito uno o più elettroni che l'hanno trasformato in uno ione negativo: infatti il loro nome deriva appunto dalla migrazione del loro anodo quando si trovano all'interno di un campo...
Università e Master

Come Effettuare l'analisi dei polifenoli dell'olio extravergine di oliva

L'olio extravergine d'oliva, è il condimento più sano che esiste in natura. Difatti è consigliato ed inserito in tutti i piani alimentari, a scapito di altri meno nobili. Per altro, la nostra nazione ha il vanto di averne la maggiore produzione sia...
Università e Master

Come Effettuare Il Test Di Fibonacci Su Un Numero

Quasi tutti conoscono il procedimento per costruire la successione di Fibonacci partendo dai primi due numeri, noti per definizione, e ricavando il numero successivo a seguire. Le cose si complicano però se, dato un numero naturale, ci viene richiesto...
Università e Master

come effettuare il t-test per gruppi indipendenti

Il t-test è uno dei più diffusi test statistici utilizzati per confrontare e relazionare fra di loro due gruppi di soggetti che si vogliono andare ad esaminare. Esso permette di verificare se il valore medio di una distribuziine si discosta significativamente...
Università e Master

Come Effettuare L'Elettroporazione

Nella guida che seguirà parleremo di un tema davvero particolare, che potrebbe interessarvi, sto parlando dell'Elettroporazione. Entrando più nello specifico, come noterete dal titolo che accompagna questa guida, ora andremo a spiegarvi Effettuare L'Elettroporazione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.