Come e quando usare "the" in inglese

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

L'inglese, oggi nel XXI secolo, è la lingua franca per eccellenza, usato nei rapporti internazionali - sia diplomatici che scientifici - e nei contatti tra popolazioni di idioma differente. È una necessità imprescindibile conoscerlo in un mondo globalizzato come il nostro, dove le relazioni con genti di altri Paesi sono sempre più frequenti e dense - nel lavoro, nei viaggi all'estero o anche solo per chi gioca online. Non è molto complesso a livello grammaticale ed oggi partiremo da uno dei concetti base, un elemento essenziale: l'articolo inglese determinativo "the".

24

Usato davanti a sostantivi numerabili e non

Usato davanti a sostantivi numerabili e non, esprime che la persona o cosa di cui si parla è ben nota e non una qualsiasi. Ad esempio nella frase: "The T-shirt is very nice" (La maglietta è molto bella), a quale maglietta ci riferiamo? A quanto pare non una qualunque - ma di una in particolare - forse quella che vogliamo comprare perché è di nostro gusto. Inoltre mantiene sempre la stessa forma per il maschile, femminile, neutro, singolare e plurale: "The man" ("L'uomo"), "The woman" ("La donna"), "The apples" ("Le mele"").

34

L'articolo determinativo risulta sgradevole a volte

Per un italiano che "mastica" l'inglese sono frequenti alcuni errori con l'articolo determinativo che risultano sgradevoli per chi lo ascolta. Nel discorso se state parlando di una famiglia o di una coppia di coniugi ricordate di anteporlo: "The Houstons" ("Gli Houstons"). Anche quando si tratta di un'intera categoria di persone: "the Italians" ("Gli italiani"); o di un'intera categoria di oggetti o animali, espressi alla forma singolare: "The dog is a pet" ("Il cane è un animale da compagnia"). Non usatelo con i nomi propri e i titoli: " Tom is a goodboy" ("Tom è un bravo ragazzo"); e con le lingue, le materie di studio, gli sport, i pasti, i colori e le malattie: "I hate Maths "("Odio la matematica"). Ricordate queste regole e avrete fatto un passo avanti verso la conoscenza dell'inglese.

Continua la lettura
44

Attenzione a non sbagliare l'utilizzo del "the"

Bisogna star bene attenti a non sbagliare l'utilizzo di questa importantissima parte del discorso, altrimenti potrebbe confondere e cambiarne il senso. Per non cadere in errore si devono ricordare alcune regole. So che impararle a memoria può essere noioso, ma se si vuole sapere l'inglese è indispensabile. Quindi scaldate le menti. Un sostantivo che per la prima volta nel periodo è stato introdotto con "a/an" (articolo indeterminativo), quando poi viene menzionato nuovamente è preceduto dall'articolo determinativo: "I saw a man whit his wife. The man was looking his cellular phone" ("Ho visto un uomo con sua moglie. L'uomo stava guardando il suo cellulare"). Spesso si parla di cose e persone che solo noi conosciamo, mentre chi ascolta non ne sa niente; anche in questo caso si utilizza il "the": "I want to go to the park" ("Voglio andare al parco"); il parco da me conosciuto e che di solito frequento, al contrario non potrebbe esserlo per chi ascolta. Se si ragiona in senso generico deve essere evitato il suo utilizzo: I want a book" ("Voglio un libro"); potrebbe essere un libro qualsiasi, non è specificato quale.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.