Come e quando usare "the" in inglese

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

L'inglese, oggi nel XXI secolo, è la lingua franca per eccellenza, usato nei rapporti internazionali - sia diplomatici che scientifici - e nei contatti tra popolazioni di idioma differente. È una necessità imprescindibile conoscerlo in un mondo globalizzato come il nostro, dove le relazioni con genti di altri Paesi sono sempre più frequenti e dense - nel lavoro, nei viaggi all'estero o anche solo per chi gioca online. Non è molto complesso a livello grammaticale ed oggi partiremo da uno dei concetti base, un elemento essenziale: l'articolo inglese determinativo "the".

24

Usato davanti a sostantivi numerabili e non

Usato davanti a sostantivi numerabili e non, esprime che la persona o cosa di cui si parla è ben nota e non una qualsiasi. Ad esempio nella frase: "The T-shirt is very nice" (La maglietta è molto bella), a quale maglietta ci riferiamo? A quanto pare non una qualunque - ma di una in particolare - forse quella che vogliamo comprare perché è di nostro gusto. Inoltre mantiene sempre la stessa forma per il maschile, femminile, neutro, singolare e plurale: "The man" ("L'uomo"), "The woman" ("La donna"), "The apples" ("Le mele"").

34

L'articolo determinativo risulta sgradevole a volte

Per un italiano che "mastica" l'inglese sono frequenti alcuni errori con l'articolo determinativo che risultano sgradevoli per chi lo ascolta. Nel discorso se state parlando di una famiglia o di una coppia di coniugi ricordate di anteporlo: "The Houstons" ("Gli Houstons"). Anche quando si tratta di un'intera categoria di persone: "the Italians" ("Gli italiani"); o di un'intera categoria di oggetti o animali, espressi alla forma singolare: "The dog is a pet" ("Il cane è un animale da compagnia"). Non usatelo con i nomi propri e i titoli: " Tom is a goodboy" ("Tom è un bravo ragazzo"); e con le lingue, le materie di studio, gli sport, i pasti, i colori e le malattie: "I hate Maths "("Odio la matematica"). Ricordate queste regole e avrete fatto un passo avanti verso la conoscenza dell'inglese.

Continua la lettura
44

Attenzione a non sbagliare l'utilizzo del "the"

Bisogna star bene attenti a non sbagliare l'utilizzo di questa importantissima parte del discorso, altrimenti potrebbe confondere e cambiarne il senso. Per non cadere in errore si devono ricordare alcune regole. So che impararle a memoria può essere noioso, ma se si vuole sapere l'inglese è indispensabile. Quindi scaldate le menti. Un sostantivo che per la prima volta nel periodo è stato introdotto con "a/an" (articolo indeterminativo), quando poi viene menzionato nuovamente è preceduto dall'articolo determinativo: "I saw a man whit his wife. The man was looking his cellular phone" ("Ho visto un uomo con sua moglie. L'uomo stava guardando il suo cellulare"). Spesso si parla di cose e persone che solo noi conosciamo, mentre chi ascolta non ne sa niente; anche in questo caso si utilizza il "the": "I want to go to the park" ("Voglio andare al parco"); il parco da me conosciuto e che di solito frequento, al contrario non potrebbe esserlo per chi ascolta. Se si ragiona in senso generico deve essere evitato il suo utilizzo: I want a book" ("Voglio un libro"); potrebbe essere un libro qualsiasi, non è specificato quale.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Gli articoli determinativi nella lingua spagnola

La lingua spagnola non si rivela particolarmente ostica per il nativo italiano, in virtù di un lessico sorprendentemente simile e grazie ad una sintassi generalmente non dissimile da quella italiana. Pertanto l'apprendimento di questa bellissima lingua...
Lingue

Come usare l'articolo indeterminativo in spagnolo

Al giorno d'oggi, la conoscenza di una o più lingue estere, è diventata di fondamentale importanza. Tra le lingue straniere comunemente più parlate e richieste, troviamo l'inglese, il francese, il tedesco e lo spagnolo, una lingua latina molto simile...
Elementari e Medie

Grammatica: gli articoli determinativi e indeterminativi

La scuola elementare ha un ruolo fondamentale per la crescita didattica dell'alunno, soprattutto per quanto riguarda la grammatica italiana. Imparare le regole grammaticali in questa fase è importantissimo, poiché in seguito diventa tutto più difficile...
Lingue

Come usare col dativo le preposizioni tedesche

Studiare le lingue è un modo utile per passare il tempo e per comprendere lo stile di vita di popolazioni differenti. Le lingue sono tantissime, ma per tutte all'inizio bisogna imparare le regole fondamentali. Le preposizioni rappresentano una parte...
Elementari e Medie

Ortografia: l'uso corretto di accenti ed apostrofi

Come tutti noi ben sappiamo, l'ortografia e la grammatica italiana sono tra le più complesse che si conoscano, almeno all'interno dell'Unione Europea. L'italiano è una lingua difficile sia per gli stranieri, che per i piccoli italiani che affrontano...
Lingue

Lingua danese: una guida

Imparare una lingua vuol dire mettersi alla prova e comprendere fin dall'inizio le sue particolarità. Quando ci si approccia ad un nuovo linguaggio, occorre capirne la grammatica e la sintassi o memorizzarne un certo numero di vocaboli. Avvicinarsi ad...
Superiori

Gli aggettivi possessivi in inglese

Indipendentemente dalla grammatica a cui ci si riferisce, l'aggettivo possessivo viene utilizzato per indicare uno stato di possesso, relativo a qualcosa e da parte di qualcuno. Tuttavia è doveroso precisare che se non cambia la sua funzione, naturalmente...
Elementari e Medie

Come fare l'analisi grammaticale

L'analisi grammaticale prevede l'associazione di una parte del discorso alle varie parole presenti all'interno di una frase. L'obiettivo è quello di analizzare tutte le singole parti di un discorso, andando ad individuare verbi, pronomi, aggettivi, sostantivi,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.