Come e quando usare i verbi say e tell

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La lingua Inglese è considerata lingua franca internazionale, è lingua madre ufficiale per oltre 60 tra paesi e territori indipendenti (in alcuni casi al pari di altre lingue come accade ad esempio a Singapore, dov'è considerata lingua ufficiale assieme a Malay, Huayu, Mandarino e Tamil). Ufficiosamente, l'inglese è la lingua natia per oltre 500 milioni di persone e seconda lingua principale per altri 700 milioni ma all'atto pratica è la lingua che tutto il mondo, con le dovute differenze e vari livelli, studia. È una lingua pluri-centrica, ne esistono infatti diversi standard internazionali riconosciuti come corretti con differenze lessicali, grammaticali e sintattiche a volte anche marcate ma reciprocamente comprensibili (inglese americano, britannico, australiano, etc...). Una delle principali difficoltà d'apprendimento consiste nel capire quando usare verbi apparentemente molto simili, come ad esempio say e tell.

27

Occorrente

  • dizionario di lingua Inglese
37

Traduzione

Pur considerando le relative sfumature (che analizzeremo più avanti), la principale traduzione "secca", nero su bianco, è uguale per entrambi. Sia "to tell" che "to say", significano "dire". In questo caso la scelta di quale utilizzare, sia nella lingua parlata che scritta, dipende interamente da contesto e interpretazione dei concetti che si vogliono esprimere.

47

Contesto

Il contesto in cui viene utilizzata una parola piuttosto che un'altra fa la differenza. In linea di massima, tell viene usato molto più spesso per i discorsi indiretti: "He told me he was tired" (mi ha detto che era stanco) e preclude l'utilizzo della preposizione. "Tell me" è corretto mentre "Tell TO me" non lo è a meno che al verbo non faccia seguito un elemento che sostituisce l'oggetto della frase come ad esempio IT. Quindi immaginando la seguente conversazione facciamo due esempi distinti: "I know a story" - "Tell me the story", questa forma è corretta. "I know a story" - "Tell IT to me", anche questa forma è corretta. In questo caso abbiamo sostituito l'oggetto della frase (the story) con IT (esso/essa). Discorso inverso per Say. È corretto dire "Say to me", non è corretto dire "Say me".

Continua la lettura
57

Interpretazione

Come precedentemente menzionato, sebbene entrambi abbiano come significato principale "dire", ci sono sfumature diverse. To Say significa riferire, dire, menzionare, riportare, mentre To Tell ha una sfumatura diversa, significa raccontare, esporre. Per esempio, "Tell me a story", raccontami una storia, ma anche "Tell me the truth", raccontami (esponi, metti in chiaro) la verità. Viceversa potremo dire, "Say something!" (dì qualcosa, riferisci qualcosa, esprimi qualcosa).

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Nel dubbio, è buona norma fidarsi dell'istinto in base al "suono" della parola nella frase
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Cinese: i verbi ausiliari

I verbi ausiliari sono di fondamentale importanza. La loro funzione si indirizza all'attribuzione di un determinato significato alla forma verbale di una frase. Ciò avviene in combinazione dei verbi ausiliari con un altro verbo. L'utilizzo dei verbi...
Lingue

Francese: i verbi ausiliari

I verbi ausiliari in francese sono molto simili a quelli della lingua italiana. Infatti, come per la lingua francese, i verbi ausiliari vengono utilizzati per definizione in combinazione ad altre voci verbali per dare uno specifico significato alla forma...
Lingue

Come memorizzare verbi irregolari in inglese

La lingua inglese è sicuramente tra le lingue più diffuse e studiate al mondo. Infatti sono molti i benefici che possiamo trarre dalla conoscenza di questa lingua, che vanno dall'essere facilitati nella ricerca del lavoro fino ad arrivare al miglioramento...
Lingue

Come formare il participio passato in francese: verbi regolari e irregolari

Il passato prossimo, chiamato "passè composè" in francese, si utilizza per descrivere situazioni o stati passati, che si sono già conclusi. Nella lingua parlata si preferisce usare il passè composè al posto del passè simple. Come formare il passè...
Lingue

Francese: i verbi pronominali

La grammatica francese è molto vasta, come la grammatica italiana, in quanto presenta molti termini che vengono analizzati nelle diverse analisi, come quella grammaticale, logica e del periodo. L'analisi grammaticale analizza ogni singola particella...
Lingue

Francese: i verbi riflessivi

Con pochi e semplici passaggi vi sarà spiegato come utilizzare i verbi verbi riflessivi nel linguaggio parlato in Francia. Il francese, facente parte delle lingue discendenti dal latino, appartiene anche al gruppo delle lingue indoeuropee; essa può...
Lingue

Spagnolo: la coniugazione dei verbi al presente

Vogliamo aiutare tutti i nostri lettori, che amano le lingue straniere, a conoscerle meglio e quindi essere in grado di utilizzarle, quando se ne avrà necessità ed anche quando lo si desidera. Nello specifico vogliamo aiutare tutti a capire ed imparare...
Lingue

Tedesco: la coniugazione dei verbi deboli

La coniugazione dei verbi deboli e i tempi verbali in generale sono tuttavia uno degli argomenti più semplici da affrontare quando si decide di studiare la lingua tedesca. Il tedesco non è una lingua semplicissima da studiare. Eppure, studiando bene...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.