Come e quando applicare il teorema di Bayes in probabilità

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Per poter fare il calcolo delle probabilità, generalmente ci si avvale di varie tecniche, come ad esempio il famoso Teorema di Bayes. Questo specifico teorema deriva esattamente da due importantissimi teoremi: il teorema della probabilità composta e il teorema della probabilità assoluta. Prestando la dovuta attenzione riuscirete a comprendere da soli questo argomento ritenuto spesso complesso, in modo tale da evitare di rivolgervi ad un professore specializzato per farvi impartire alcune lezioni private, il più delle volte troppo costose. È ovvio che così facendo, non solo avrete la soddisfazione di essere riusciti a comprendere l'argomento da soli, ma avrete anche la possibilità di risparmiare notevoli somme di denaro. Dunque, continuate a leggere gli interessanti passi di questa utile guida per imparare in modo appropriato come e quando applicare il teorema di Bayes in probabilità.

27

Occorrente

  • nozioni su probabilità condizionata
  • Teorema delle probabilità totali
37

La prima considerazione da fare risulta essere precisamente quella sulle modalità in cui il teorema è applicabile. Dato un insieme di n eventi incompatibili (I1, I2... In) individuanti una partizione dello spazio campione, se esiste un evento (denominiamolo ad esempio E) tale che la somma delle intersezioni di tale evento con gli n eventi che costituiscono la partizione generi esattamente l'evento E allora potrete applicare tale teorema il quale vi permetterà di conoscere precisamente la probabilità condizionata ad E di uno degli eventi n nota la probabilità dell'evento i-esimo.

47

A sua volta potrete scrivere la probabilità dell'intersezione tra A ed E come la probabilità dell'intersezione tra E ed A, che per la probabilità condizionata risulta essere esattamente uguale a P. Di tali eventi la probabilità risulta essere nota e quindi anche dell'intersezione sarà nota. La probabilità dell'evento E, è per il teorema delle probabilità totali uguale a: P (E|A) P (A) (P (E|B) P (B)... P (E|In) P (In). Adesso cercando di sintetizzare la dissertazione teorica appena enunciata praticamente attraverso un esempio.

Continua la lettura
57

Esso può essere visto come, la somma delle intersezioni tra l'evento E e l'evento Ei con i=1...4. A tale punto basterà riunire facilmente punti 2 e 3 per ottenere la probabilità desiderata P (Ei|E)=P (E|Ei) P (Ei)/(P (E|E1) P (E|E2) P (E|E3) P (E|E4). A questo punto, non vi rimane che provare ad applicare voi stessi questo particolare teora, cercando dunque di cpire se avrete colto tutte le informazioni necessarie e fondaementali per poter applicare il teorema senza problemi. Caso contrario, continuate a documentarvi sul web e, se proprio non trovate una spiegazione chiara e semplicficata, allora in quel caso dovrete necessariamente rivolgervi a chi di dovere.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come applicare il teorema di Norton

Il teorema di Norton afferma che è possibile semplificare qualsiasi circuito lineare, a prescindere da quanto esso sia complesso, ricavando un circuito equivalente con un solo generatore di corrente e resistenza collegati in parallelo ad un carico. Come...
Università e Master

Come applicare il teorema di Clapeyron

Il teorema di clapeyron afferma che: "il lavoro di deformazione di un corpo elastico lineare sollecitato da forze agenti staticamente è pari alla metà del lavoro che tali forze compirebbero per gli spostamenti effettivi se conservassero costantemente...
Università e Master

Appunti: calcolo delle probabilità

Il calcolo della probabilità rappresenta una disciplina indipendente, che venne inizialmente sviluppata per i giochi d'azzardo. Ed è proprio da qui che ebbe inizio lo studio sistematico nascente nel Seicento, per risolvere alcune problematiche sui dadi...
Università e Master

Come calcolare la probabilità di eventi consecutivi

La probabilità si riferisce a dei casi incerti e aleatori che possono verificarsi oppure no. Il classico esempio nell'ambito della probabilità è quello delle palline nell'urna. Si parla di un'evento aleatorio quando, ad esempio, si vuole estrarre una...
Università e Master

Come dimostrare il teorema di Rolle

Il teorema di Rolle afferma che se, in un intervallo chiuso e limitato, una funzione è continua e contemporaneamente derivabile all'interno dello stesso intervallo e se ancora, agli estremi dell'intervallo, la suddetta funzione presenta valori identici,...
Università e Master

Teorema di Bolzano: dimostrazione

Il "Teorema di Bolzano" (o "teorema degli zeri per le funzioni continue") prende il nome dal matematico e filosofo boemo Bernard Bolzano, vissuto tra il XVIII ed il XIV secolo. Tale teorema (da non confondere con il "teorema di Bolzano-Weierstrass" sulle...
Università e Master

Teorema di Stokes: dimostrazione

Nella geometria differenziale, ossia lo studio di oggetti geometrici come curve e superfici, il Teorema di Stokes è un enunciato riguardante l'integrazione delle forme differenziali. In particolare è volto a generalizzare i teoremi di calcolo vettoriale...
Università e Master

Teorema di Bézout: dimostrazione

La matematica è una materia piuttosto complessa e di non facile comprensione per la maggior parte degli degli studenti. Per poterla capire a fondo sono necessari diversi anni di studio ed esercizio, soprattutto per la gran quantità di teoremi di cui...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.