Come dividere un angolo retto in tre angoli da 30°

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

La definizione di un angolo è la parte di piano compresa tra due semirette che presentano un vertice in comune. Un angolo retto misura 90°, ed è pertanto l'esatta metà di uno piatto. Il suo utilizzo in geometria piana è abbastanza diffuso e fondamentale per lavorare con le figure geometriche a due dimensioni. Il concetto di angolo è prettamente connesso a quello delle linee, delle semirette, dell'ampiezza e dei vertici. La sua realizzazione viene effettuata per mezzo dell'utilizzo di righe e di squadre, mentre la misurazione si effettua grazie all'utilizzo del goniometro. In questa semplice ed esauriente guida, andremo a spiegare come è possibile dividere un angolo retto, cioè da 90°, in tre parti uguali. In definitiva, vedremo come ottenere tre angoli acuti di 30° ciascuno. L'operazione è abbastanza semplice ed immediata da mettere in pratica, e non richiede di alcuna misurazione degli angoli, né di calcoli matematici. Infatti, è sufficiente l'utilizzo di una matita, di un foglio quadrettato da 0.5 cm e di un compasso. Possiamo, ora, all'atto pratico.

26

Occorrente

  • Foglio bianco a quadretti di 0,5 cm
  • Compasso, matita, righello, goniometro
36

Per prima cosa, è necessario tracciare un angolo retto, denominandolo con le lettere "AOB". Per farlo, è fondamentale utilizzare un apposito goniometro, oppure, se non si ha a disposizione questo strumento, si può delineare il segmento orizzontale "OA", in cui la lettera "O" sta ad indicare il vertice. Invece, la lettera "A" si riferisce al termine della semiretta. Successivamente, si può innalzare una linea perpendicolare di uguale lunghezza a questa, nel suo punto estremo "O". Segnalare l'estremità corrispondente, con la lettera "B". Una volta che è stato tratteggiato l'elemento richiesto, occorre prendere un compasso, per poi aprirlo dell'ampiezza che si desidera, senza preoccuparsi di misurarla. A seguire, è necessario tracciare un arco che intersechi i segmenti "OA" e "OB".

46

A questo punto, occorre individuare questi punti come "1" e "2". Si avrà ottenuto una figura pressoché simile a quella che abbiamo mostrato in foto. È opportuno mantenere la medesima apertura del compasso, per poi puntare quest'ultimo su "1". In seguito, tracciare una curva fino ad intersecare il precedente semicerchio. Quindi, identificare, in questa maniera, il punto "3". La medesima procedura deve essere ripetuta, mantenendo la stessa apertura, e puntando il compasso su "2".

Continua la lettura
56

Il prossimo passo consiste nel segnare il punto "4". Utilizzando il righello, dapprima occorre unire il vertice "O" con il punto "3", e poi il medesimo con il punto "4". Si ottengono, rispettivamente, le rette "r" ed "s" che dividono l'angolo retto "AOB" in 3 parti uguali, ciascuna delle quali presenta un angolo di ampiezza pari a 30°. È buona regola ripassare, mediante l'ausilio di un carboncino o di un pastello nero, sia l'angolo retto che le semirette che lo intersecano.

66

Per concludere, vi diamo una piccolissima curiosità. Nell'antica Grecia i matematici non riuscirono a risolvere, con una sola riga ed un compasso, il problema della trisezione di un angolo, definito secondo il postulato che riportiamo di seguito: "Dato un angolo arbitrario, costruire un angolo la cui ampiezza sia la terza parte del primo". Successivamente, è stato invece scoperto che questo teorema è applicabile soltanto agli angoli retti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Appunti: angoli e loro misure

La guida che andremo a sviluppare dal prossimo passo andrà a concentrarsi sulla geometria. Infatti, proveremo a buttar giù degli Appunti base che si occuperanno di chiarire la tematica relativa agli angoli e le loro misure. Chi ha scelto un indirizzo...
Superiori

Come calcolare l'ampiezza di un angolo supplementare

Nella geometria è presente tanta matematica, con tante formule e teoremi da ricordare. Tuttavia se si seguono le lezioni con concentrazione si può eccellere e apprezzare la geometria. Fra le prime conoscenze da acquisire troviamo gli angoli. Questo...
Superiori

Appunti: geometria del piano

Si definisce geometria del piano quella parte della geometria che si occupa dello studio di oggetti "a due dimensioni", appartenenti quindi a un piano. Fanno parte di questa categoria: i punti, i segmenti, le rette, le semirette, gli angoli e tutte le...
Superiori

Angolo convesso e concavo

La matematica è una materia piuttosto amplia e ricca di argomenti che richiedo molto studio e molta pratica per essere appresi a dovere. Come potremo notare, questo argomento sarà veramente molto semplice da apprendere, per cui mettiamoci subito al...
Elementari e Medie

Come tracciare in modo corretto gli angoli retti

Durante l'anno scolastico, le materie come la geometria o la matematica, richiederanno a tutti i bambini la capacità di tracciare angoli retti in più situazioni. A partire già dalla scuola dell'obbligo, diventa fondamentale conosere la funzionalità...
Superiori

Come disegnare un triangolo rettangolo dati l'ipotenusa e un cateto

Il triangolo rettangolo consiste in un triangolo nel quale l'angolo formato da due lati, definiti cateti, è retto, ossia di 90° (oppure π/2 radianti). Il lato opposto all'angolo retto viene comunemente definito come ipotenusa. L'ipotenusa è per il...
Superiori

Come disegnare la mediana di un triangolo

Prima di comprendere come disegnare la mediana di un triangolo, conosciamo quest'ultimo in modo da fare un distinguo tra le parti che lo compongono: l'altezza di un triangolo relativa ad un suo lato è il segmento condotto dal vertice opposto perpendicolarmente...
Superiori

Teorema degli angoli opposti al vertice: dimostrazione

Per superare un test di matematica occorre studiare bene le regole. Nel caso del teorema degli angoli opposti al vertice spiegheremo la dimostrazione. Dati due angoli opposti al vertice, i lati dell'uno sono i prolungamenti dei lati dell'altro. Da questa...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.