Come distinguere il predicato verbale dal predicato nominale

Tramite: O2O 30/12/2020
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il predicato nominale ed il predicato verbale sono delle componenti abbastanza importanti nell'ambito della grammatica italiana. La loro distinzione è essenziale per poter svolgere una corretta analisi logica. Infatti, quando si eseguono gli esercizi di analisi logica bisogna individuare prima il predicato verbale o nominale e successivamente il soggetto e le espansioni. Prima di passare alla loro distinzione è fondamentale prendere però in considerazione il termine predicato. Esso deriva dal latino "praedicatum" ed indica ciò che è affermato. Quindi può essere inteso come ciò che si dice del soggetto. Come si può ben capire il soggetto ed il predicato (verbale oppure nominale) ad esso riferito sono i due elementi assolutamente indispensabili di una frase. Leggendo questo breve tutorial si possono avere alcuni utili consigli e delle corrette informazioni su come è possibile distinguere il predicato verbale dal predicato nominale. Ecco allora di seguito tutte le indicazioni necessarie per un corretto riconoscimento.

26

Occorrente

  • Quaderni
  • Penne
  • Matite
  • Evidenziatori
36

Predicato verbale

Il predicato verbale è costituito da un verbo che definisce una relazione tra il soggetto e l'oggetto che sono presenti all'interno di una frase. In parole semplici il predicato verbale chiarisce cosa fa ed in che condizioni si trova il soggetto della frase. Esso esprime quindi l'azione che compie il soggetto. Il predicato verbale concorda nella persona, nel numero e spesso anche nel genere con il soggetto. Può avere forma attiva oppure passiva. Nel primo caso il soggetto compie l'azione: "Il cane mangia la carne". Mentre nel secondo caso il soggetto subisce l'azione. A volte in una frase il verbo può essere sottinteso ad esempio: "Ieri, un giorno indimenticabile". È opportuno ricordare che quando il verbo essere significa stare, trovarsi oppure appartenere ha anch'esso funzione di predicato verbale.

46

Predicato nominale

Il predicato nominale si forma con il verbo essere ed indica una proprietà del soggetto o, meglio, specifica: chi è, come è, cosa è. Proprio per questo la sua forma canonica coincide con il verbo essere. Il predicato nominale non ha valore predicativo, ma svolge la funzione di collegamento tra il soggetto e la parte nominale che può essere un aggettivo oppure un sostantivo. Questi ultimi hanno la funzione di definire le qualità, le modalità o le caratteristiche del soggetto a cui si riferiscono. Ad esempio "Il cane è un mammifero". Il cane (chi?) ? soggetto; è un mammifero (cos'è?) ? predicato nominale. Inoltre, ci sono altri verbi detti copulativi che assumono lo stesso valore del verbo essere. Ad esempio sembrare, parere, divenire, diventare. Anche in questo caso, in assenza della parte predicativa, il verbo copulativo da solo non permette alla frase di avere un significato compiuto, né di avere informazioni concrete sul soggetto.

Continua la lettura
56

Differenze tra loro

Un metodo abbastanza utile per distinguere il predicato verbale da quello nominale è il senso della frase. Un verbo predicativo (predicato verbale) non ha necessariamente bisogna di essere seguito da un aggettivo, da un complemento oggetto oppure da un complemento di altro genere. Il verbo copulativo (predicato nominale con il verbo essere o altro verbo), affinché la frase abbia un senso compiuto deve necessariamente essere seguito da un aggettivo oppure da un sostantivo. Esempio "Mario ha mangiato" è una frase di senso compiuto, mentre "Mario è diventato...", presa di per sé, non ha alcun senso. In definitiva quando i verbi non possono stare da soli, (cioè essi non si possono separare dall'aggettivo o dal sostantivo che lo segue) ci si trova, senza ombra di dubbio, di fronte ad un predicato nominale. Se si tengono presente tutte le informazioni della guida quasi sicuramente si riesce a distinguere facilmente in una proposizione il predicato verbale da quello nominale.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Eseguire prima l'analisi grammaticale, poi l'analisi logica.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come distinguere il complemento oggetto da quello di termine

L'analisi logica può risultare talvolta difficile, specialmente per chi è alle prime armi. Andiamo ad analizzare due tra i complementi più utilizzati e presenti negli esercizi di analisi logica, e ci soffermeremo sui metodi per riconoscerli velocemente...
Elementari e Medie

Come distinguere attributo e apposizione

Districarsi nella giungla della grammatica italiana, tra coniugazioni dei verbi, varietà di articoli, aggettivi e sostantivi, non è di certo un'impresa facile per chi si approccia per la prima volta all'apprendimento della nostra lingua. Tuttavia, sebbene...
Elementari e Medie

Analisi grammaticale: l'attributo

Quando ci accingiamo a svolgere l'analisi grammaticale di un testo, ci accorgiamo che ogni singola parola utilizzata ha una funzione che determina il suo ruolo all'interno del discorso. Articoli, preposizioni, nomi, pronomi, avverbi e tante altre parti...
Elementari e Medie

Come individuare il complemento predicativo del soggetto

Per ogni studente italiano, per non parlare degli stranieri, imparare la grammatica italiana è assai arduo, questo perché la nostra lingua e ricchissima di regole, a volte semplici e intuitive, altre volte oscure e che vanno imparate lentamente con...
Elementari e Medie

Come insegnare la grammatica italiana ai bambini

Una delle materie più difficili per ogni bambino è certamente la grammatica. Impararla richiede molto tempo e molta pazienza, e bisogna essere particolarmente bravi ad insegnarla, altrimenti i bambini crescendo potrebbero avere difficoltà a comunicare...
Elementari e Medie

Consigli per redigere un verbale di riunione

Il verbale è un documento redatto a scopo di testare fatti e dichiarazione. La stesura di un verbale dipende dal tipo di argomentazione e dalla sua articolazione. Infatti ogni testo di tipo espositivo e di discussione, richiede caratteristiche formali...
Elementari e Medie

Analisi logica: il complemento di termine

L'analisi logica è quel procedimento che permette di identificare le varie funzioni delle parole che compongono la frase. Per mezzo di questa possiamo riconoscere quale sia quell'elemento nella frase che compie l'azione (il soggetto), di quale azione...
Elementari e Medie

Come riconoscere il complemento di specificazione e di denominazione

Le frasi sono composte da più componenti ed è attraverso l' analisi logica che è possibile individuare la loro funzione all' interno della frase stessa. I primi elementi da individuare in una frase sono: soggetto, predicato verbale o nominale, (a...