Come distinguere i metalli nella tavola periodica

Tramite: O2O
Difficoltà: difficile
17

Introduzione

La chimica è una materia molto complessa. Per studiare la chimica sin dai primi anni di liceo, viene utilizzata la classica tavola periodica, ovvero uno schema dettagliato di elementi chimici divisi in base al loro specifico numero atomico e in base al loro numero di elettroni presenti all'interno di ogni orbitale atomico. La tavola periodica, è utile per capire i vari gruppi di elementi chimici divisi in gas, non metalli e metalli. Per capire come individuare i metalli ad esempio, è necessario sicuramente studiare approfonditamente la materia, ma è indispensabile anche capire alcuni trucchi immediati. Ma come è necessario dunque distinguere i metalli all'interno della tavola periodica?

27

Occorrente

  • Libri di chimica
  • Tavola periodica
37

Studiare i metalli

Per capire la tavola periodica e nello specifico la sezione che riguarda i metalli, c'è da dire che all'interno dello schema della tavola, i metalli sono posizionati sulla parte sinistra e su tutta la parte centrale. In primis bisogna capire cosa sono i metalli e perché vengono schematizzati in questo modo. I metalli non sono altro che elementi chimici che si distinguono per la loro lucentezza e soprattutto, perché sono degli ottimi conduttori di calore e anche di elettricità. Ogni metallo è composto da singoli atomi e i metalli presenti sono davvero moltissimi (più di 100). L'unico metallo liquido è il mercurio, mentre il resto dei metalli, ha una consistenza solida.

47

Capire le proprietà

I metalli nella tavola periodica, comprendono dei sottogruppi ovvero i metalli alcalini e i metalli alcalino-terrosi. I metalli più conosciuti da individuare nella tavola periodica in maniera immediata, sono sicuramente l'oro, l'argento, il rame, il ferro, il titanio e per finire l'alluminio. Ogni proprietà fisica di un metallo, dipende sicuramente dal legame unico presente al loro interno chiamato "legame metallico". I metalli in generale presenti nella tavola periodica, sono metalli reattivi, hanno una conducibilità elettrica elevata, un punto di fusione elevato e hanno una reattività chimica con i non metalli.

Continua la lettura
57

Distinguere i metalli dai semimetalli

Per non confondervi le idee, all'interno della tavola periodica, bisogna nettamente distinguere non solo i metalli (situati sulla parte sinistra) dai non metalli, ma bisogna anche distinguerli dai semimetalli, presenti su una linea di separazione che divide i metalli dai non metalli. I semimetalli, non sono altro che elementi chimici che hanno caratteristiche e proprietà simili sia ai metalli, che ai non metalli e sono: il silicio, l'arsenico, il germanio, il tellurio, l'astato, il boro, l'antimonio, ecc.).

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Studiate approfonditamente la chimica prima di cimentarvi a capire i vari elementi.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Nozioni sulla tavola periodica di Mendeleev

La tavola periodica degli elementi - nota anche come tavola periodica di Mendeleev - nacque dalla necessità di rappresentare uno schema di ordinamento attraverso cui classificare tutti gli elementi chimici conosciuti.Quando, nel 1869, il chimico russo...
Superiori

Come memorizzare gli elementi della tavola periodica

Gli studenti che basano il proprio metodo di studio sulla comprensione del programma e del tema che viene trattato hanno difficoltà ad imparare a memoria. L'ostacolo più duro è costituito da quelle materie che sono ricche di formule che devono essere...
Superiori

Come riconoscere i metalli dai non metalli

Il titolo che accompagna la guida è molto chiaro, e ci fa comprendere immediatamente la tematica che verrà trattata nei prossimi passi. Andremo, infatti, a spiegarvi in pochi passi come poter riuscire a riconoscere i metalli dai non metalli. Cominciamo...
Superiori

Caratteristiche e proprietà dei metalli

Se fate parte della schiera di studenti che dovranno studiare durante il periodo estivo perché sono stati rimandati in qualche materia di sicuro non vi invidio.Senz'altro tra di voi ci sarà chi è costretto a studiare la chimica. So cosa starete pensando:"...
Superiori

Come calcolare la trasmittanza termica periodica

Nel corso dei cinque anni delle scuole superiori l'algebra, o la fisica, è una delle materie più toste da affrontare. Infatti bisogna aguzzare l'ingegno e la logica per risolvere i problemi. Come calcolare la trasmittanza termica periodica è uno dei...
Superiori

Come determinare il valore di una funzione periodica

In matematica si approfondisce lo studio dello spazio come luogo di punti, segmenti e figure geometriche. Le varie formule che ci insegnano alle scuole superiori, ossia le funzioni, ci restituiscono un grafico. Esso occupa delle specifiche porzioni del...
Superiori

Come studiare la conducibilità termica dei metalli

La chimica e la fisica sono due discipline che consentono di conoscere e di studiare i vari fenomeni che accadono ogni giorno in natura e tramite esse è possibile anche riprodurli in laboratorio o attraverso dei semplici esperimenti. Tra le tante nozioni...
Superiori

Come determinare il numero di neutroni in un elemento

La scienza ha sempre ricercato delle spiegazioni semplici e logiche per la descrizione di ogni fenomeno naturale. Nulla di più semplice e allo stesso tempo affascinante della chimica, il cui studio si basa sullo studio degli elementi, racchiusi nella...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.