Come Disegnare Un Tetto A Padiglione

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Ogni volta che voi studenti o di scuole medie o di scuole superiore ovviamente non essendo professionisti nel campo del disegno tecnico quando vi viene chiesto di disegnare edifici o case quando arrivate al momento cruciale cioè quando dovete disegnare il tetto vi trovate in serie difficoltà. E bene con questa semplice e specifica guida qui di seguito questo problema non vi sorgerà più quando andrete a disegnare e potrete avere un disegno degno delle vostre capacità. Vi illustrerò appunto come svolgere il disegno di un tetto a padiglione.

26

Occorrente

  • Squadrette e riga
  • Matita
  • Compasso
  • Foglio da disegno
36


Per semplificarvi i compiti in questo passo verrà spiegato procedimento più semplice per disegnare il vostro tetto. Un tetto a padiglione è composto da più di due falde (Si dicono falde le varie superfici visibili nel tetto e sono separate da delle giunzioni). Di seguito sarà illustrato un esempio molto semplice con sei linee con dimensioni messe a caso. Ad ogni numero viene indicata la linea di falda. Le linee sono: - LINEA 1 = 8 cm- LINEA 2 = 4 cm- LINEA 3 = 12 cm- LINEA 4 = 6 cm- LINEA 5 = 12 cm - LINEA 6 = 6 cm

46

Aiutandovi con il compasso con la punta molto ben temperata in modo da avere un disegno ordinato e pulito, unite i punti che avete tirato della bisettrici (LINEA CHE DIVIDE L’ANGOLO) in tutti i vertici che si sono venuti a formare. Apprestatevi a disegnare tutte le bisettrici in modo da farle incrociare tra di loro se nel caso non si dovessero incontrare con nessun’altra bisettrice lasciatela stare temporaneamente. Il risultato per il momento sarà questo, due bisettrici non sono unite e le altre quattro sono tutte incrociate con le altre.

Continua la lettura
56

A questo punto potete notare visibilmente che avete due linee di falda la LINEA 2 e la LINEA 6 che non sono separate e non formano nemmeno un angolo questo succede perché sono tra di loro parallele. Se avete due linee di falda parallele dovete trovarvi la metà che le divide cioè nel caso in cui avete eseguito le istruzioni perfettamente corrisponde al vertice di due bisettrici che è il punto uno e non dovete fare altro che disegnare la linea parallela che parte proprio dal punto uno e che si unisce ad una bisettrice qualsiasi. Adesso vi sarete trovati un disegno composto da tre falde complete dato che si unisce al punto tre.

66

Eseguite lo stesso procedimento questa volta però a differenza del passo precedente partendo dal punto due, dove vi troverete di avere due linee di falda non unite la LINEA 3 e la LINEA 5 e prendete la linea parallela che si trova a metà tra la LINEA 3 e la 5. Poi separate le due linee la 3 e la 6 e noterete che ci sta ai vertici 3 e 4 una parte non unita e le due linee non sono parallele a differenza di quelle in precedenza. Se avrete seguito alla lettere passo dopo passo questa semplice guida avrete un disegno perfetto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come disegnare una proiezione con il metodo europeo

Nell'ambito del disegno industriale esistono due metodi diversi per ottenere una proiezione ortogonale. Essi differiscono solo per la posizione delle varie viste: il metodo europeo (chiamato anche 'metodo del primo diedro'), il metodo americano (o 'del...
Università e Master

Come Disegnare La Pelecoide

In questa breve guida vedremo come fare per riuscire a disegnare correttamente una tra le più celebri curve matematiche dell'antichità: la pelecoide. Il termine "pelecoide" in greco significa "a forma di scure". Tale curva, infatti, si ispira ad uno...
Università e Master

come disegnare l'evoluta di una parabola

Parabola è una linea piana costituita da punti tutti equidistanti da un determinato punto fisso (messa a fuoco) e una data linea fissa (direttrice). Si tratta di una sezione conica tagliata da un piano parallelo a uno degli elementi del cono stesso....
Università e Master

Come disegnare delle ombre In Prospettiva Conica E Ortogonale

L'ombra di un punto sulla superficie si determina, in generale, costruendo l'intersezione con il punto luminoso che passa per esso. Se il raggio incontra la superficie in più punti, avrete l'ombra nella prima intersezione. In questa guida vi verrà spiegato,...
Università e Master

Come disegnare il triangolo di Penrose

Quando parliamo di illusioni ottiche, ci addentriamo in un mondo magico che partendo da presupposti e regole geometriche ci suggerisce immagini virtuali, nella realtà non esistenti, ma frutto della nostra immaginazione. Vediamo su questa mia semplicissima...
Università e Master

Come disegnare la curva di Peano

Cercando su internet, e scrivendo "curva di Peano" si trovano varie curve che hanno la proprietà di riempire una porzione di piano. Ovviamente non è possibile disegnarle (a meno che non si disegni un quadrato tutto nero), perciò in genere sono disegnate...
Università e Master

Come disegnare un pezzo in proiezione con il metodo americano

In ambito di disegno industriale esistono due diversi metodi di rappresentazione delle proiezioni ortogonali che sono quello del primo diedro, o metodo europeo, e quello del terzo diedro, o metodo americano. Quindi è molto importante sincerarsi sempre...
Università e Master

Come disegnare il triangolo di Sierpinski

Il triangolo di Sierpinski è considerato uno dei frattali più famosi al mondo, ovvero una figura non intera in cui è possibile notare, se ingrandita, l'elemento di partenza in scala. Prende il nome proprio dal matematico che per primo ne scoprì le...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.