Come disegnare un diagramma di Bode a mano

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Oggi parleremo di un diagramma ideato per progettare dispositivi di controllo aventi l'obiettivo di regolatori standard. Essendo un sistema lineare determinato da una risposta in frequenza, questa può essere rappresentata in diversi modi. Uno di questi è il diagramma di Bode. La funzione di risposta in frequenza a valori complessi, possiamo rappresentare il diagramma di Bode con due grafici: uno per l'ampiezza e uno per la fase. Se ci interessa questo tipo di diagramma sarà importante riuscire a disegnarlo mano, per poter avere un quadro completo e dettagliato della situazione della risposta in frequenza. Vediamo dunque come disegnare a mano un diagramma di Bode.

26

Occorrente

  • Carta semi-logaritmica, matita, penna
36

Considerare la scala logaritmica

Il diagramma delle ampiezze e delle fasi vengono tracciati considerando la scala semi-logaritmica. La scala logaritmica permette infatti, di rappresentare in modo compatto un intervallo esteso di frequenze. Inoltre, i prodotti di più funzioni di risposta armonica, si trasformano in una somma delle relative ampiezze in dB; per cui, il diagramma complessivo, sarà dato dalla somma di tutti i diagrammi che lo vanno a comporre.

46

Calcolare le funzioni

Sommando poi i contributi delle singole componenti otteniamo il diagramma asintotico della funzione G (s). Il contributo del termine K è costante ed ha modulo pari a -7,96 dB e fase pari a -3,14 (pigreca). Sulla pulsazione 1 agiscono lo zero instabile (1-s) e il polo stabile 1/(1+s), per cui i loro contributi si elidono nel diagramma delle ampiezze. Nel diagramma delle fasi il loro contributo si somma, per cui per la pulsazione che tende all'infinito il valore sarà pari a -3,14. La coppia di poli complessi determina sul diagramma delle ampiezze un'attenuazione di -40 db/decade a partire dalla pulsazione pari a 5. Il contributo al diagramma delle fasi è negativo di ampiezza complessiva -3,14 al variare della pulsazione. Questi calcoli sono essenziali per determinare quale siano le funzioni necessarie al tracciamento del diagramma e quindi indispensabili da monitorare e gestire con cura, attenzione e dettaglio.

Continua la lettura
56

Tracciare il diagramma

In generale, per tracciare un diagramma di Bode, bisognerà individuare nella funzione G (s) tutte le pulsazioni in cui si ha un cambiamento di pendenza (che coincidono con zeri reali, poli reali e pulsazioni naturali delle coppie di poli e zeri complessi e coniugati di G (s)). A questo punto è sufficiente considerare che gli zeri stabiliscano un incremento di pendenza (rispettivamente di +1 e +2), mentre i poli (reali o complessi coniugati) stabiliscano un decremento di pendenza (rispettivamente di -1 e -2). Con questi facili consigli e mantenendo alta la vostra attenzione, riuscirete dunque a tracciare a mano un diagramma di Bode pratico e funzionale ai vostri calcoli.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Nel caso in cui sulla stessa pulsazione agisca sia un polo che uno zero, non avremo alcun cambiamento di pendenza.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come tracciare un diagramma di Nyquist

Il diagramma di Nyquist detto anche polare, è l'alternativa al diagramma di Bode. Esso prende il nome da colui che lo inventò, Harry Nyquist, il quale, fra i vari studi si occupò anche, della Teoria delle Telecomunicazioni e della Teoria del Controllo....
Università e Master

Come realizzare un diagramma di Nichols in Matlab

Con il diagramma di Nichols viene rappresentata graficamente, su un piano cartesiano, la funzione di trasferimento G (s). E poiché si tratta di una rappresentazione non agevole per chi non ha conoscenze approfondite dell'argomento, oggi vi spiegheremo...
Superiori

Matematica: il criterio di Nyquist

Determinare la stabilità asintotica nella realtà di un sistema dinamico in retroazione, è possibile grazie al criterio di Nyquist, attuabile nel campo della matematica per quanto concerne la teoria dei sistemi. Secondo quanto si legge nell'enunciato...
Superiori

Scienze: il diagramma di Hertzsprung-Russell

Il diagramma di HertzSprung-Russel è un utilissimo "strumento" teorico per lo studio delle stelle. Esso infatti mette in relazione la temperatura effettiva (riportata sull'asse delle ascisse) e la luminosità (riportata sull'asse delle ordinate) delle...
Università e Master

Come costruire il diagramma di Bruckner

In questa guida affronteremo un argomento ostico per molti studenti universitari, ovvero il diagramma di Bruckner, utile nell'analisi matematica e per la rappresentazione grafica dei volumi: ne potete osservare un esempio illustrato nell'immagine. La...
Superiori

Come leggere il diagramma HR

La massa di una stella ed il suo percorso evolutivo possono essere calcolati attraverso il rapporto presente tra due grandezze fisiche: luminosità e temperatura. Durante la loro vita, infatti, le stelle si trasformano a seconda del percorso dipeso dalla...
Università e Master

Come costruire il diagramma di Lexis

Il diagramma di Lexis è uno schema grafico inventato da Wilhelm Lexis, noto economista e statista tedesco. Esso consiste nella rappresentazione grafica tramite l'utilizzo di un diagramma cartesiano, la quale costruzione è abbastanza semplice, di fenomeni...
Superiori

Come costruire il diagramma di Gantt

Forse non tutti conoscerete una funzione che si chiama "diagramma di Gantt": il diagramma di Gantt è un tipo di strumento di supporto per il management di un progetto, che prende il suo nome a memoria dell'ingegnere americano H. L. Gannt, vissuto a cavallo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.