Come disegnare il triangolo di Sierpinski

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Il triangolo di Sierpinski è considerato uno dei frattali più famosi al mondo, ovvero una figura non intera in cui è possibile notare, se ingrandita, l'elemento di partenza in scala. Prende il nome proprio dal matematico che per primo ne scoprì le proprietà. Ci sono tuttavia una serie di metodi per poter realizzare questo frattale. Il triangolo denominato di Sierpinski è uno dei primi frattali della storia della matematica. Nella guida che segue vi sarà spiegato proprio come disegnare il triangolo di Sierpinki in poche e semplici mosse. Per realizzare questo triangolo basta avere a portata di mano un foglio di carta, una matita, una squadretta e un compasso. Vediamo insieme il procedimento da seguire.

26

Occorrente

  • Compasso
  • Foglio di carta
  • Matita
  • Squadretta
36

Disegno di un triangolo

Come prima cosa pendete un foglio di carta e cominciate a disegnate il triangolo. Nello specifico partite da un triangolo equilatero (detto assioma); avete la possibilità di costruirlo aiutandovi con il compasso. Al primo passo il triangolo di partenza viene suddiviso in quattro triangoli di dimensione minore, tra i quale viene rimosso l'elemento centrale, ovvero quello i cui lati siano i segmenti congiungenti i punti medi dei lati del triangolo precedente. La procedura viene in seguito ripetuta su ogni singolo triangolo, sino ad ottenere il risultato finale.

46

Il segmento e il vertice

Disegnate prima un segmento e, successivamente, puntate l'ago prima sul vertice sinistro e poi su quello destro. In entrambi i casi, occupatevi di tracciare un piccolo arco al di sopra del segmento. Nel punto in cui i due archi si incontrano, procedete tracciando un punto. Questo punto sarà il vertice del vostro triangolo equilatero. A questo punto segnate i punti medi dei tre lati e congiungeteli. In questo modo, otterrete un triangolo equilatero centrale con la punta rivolta verso il basso. In totale avrete quattro triangoli equilateri: uno è quello appena descritto, gli altri tre sono costituiti dal vertice rivolto verso l'alto.

Continua la lettura
56

Il punto medio

Ripetete quindi l'operazione precedente marcando il punto medio dei lati dei vari triangolini. In ognuno dei tre triangolini disegnate un ulteriore triangolino equilatero con la punta rivolta verso il basso. Avrete in questo modo in totale tre triangolini con la punta verso l'alto e quattro triangolini con la punta rivolta verso il basso. Ripetete questa operazione fino a quando la vista e gli strumenti utilizzati ve lo consentiranno. Se procedete in questa maniera fino all'infinito otterrete il triangolo di Sierpinski. Buon lavoro.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • In totale avrete quattro triangoli equilateri: uno è quello appena descritto, gli altri tre sono costituiti dal vertice rivolto verso l'alto.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Teorema del baricentro del triangolo: dimostrazione

La geometria, come la matematica, sono due materia molto difficili da studiare ed in alcuni casi se non si è portati per lo studio di queste discipline, può essere necessario un piccolo aiuto per la comprensione degli argomenti più complessi. Su internet...
Università e Master

Come Disegnare Il Setaccio Apolloniano

In questa guida vedremo come fare per riuscire a disegnare correttamente il setaccio apolloniano, uno dei più noti frattali. Un frattale è una curva irregolare che viene costruita mediante una serie infinita di operazioni, chiamate iterazioni. Questa...
Università e Master

Come Disegnare Un Tetto A Padiglione

Ogni volta che voi studenti o di scuole medie o di scuole superiore ovviamente non essendo professionisti nel campo del disegno tecnico quando vi viene chiesto di disegnare edifici o case quando arrivate al momento cruciale cioè quando dovete disegnare...
Università e Master

Come disegnare l'albero di Pitagora

In questa breve e semplice guida vi sarà spiegato un esempio estremamente conosciuto di frattale, che corrisponde al noto Albero di Pitagora. Prima di iniziare a realizzarlo, però, sarà necessario sapere che cos'è un frattale. Si tratta essenzialmente...
Università e Master

Come disegnare una proiezione con il metodo europeo

Nell'ambito del disegno industriale esistono due metodi diversi per ottenere una proiezione ortogonale. Essi differiscono solo per la posizione delle varie viste: il metodo europeo (chiamato anche 'metodo del primo diedro'), il metodo americano (o 'del...
Università e Master

Come Disegnare La Pelecoide

In questa breve guida vedremo come fare per riuscire a disegnare correttamente una tra le più celebri curve matematiche dell'antichità: la pelecoide. Il termine "pelecoide" in greco significa "a forma di scure". Tale curva, infatti, si ispira ad uno...
Università e Master

Come disegnare su Autocad, comandi basilari

Autocad è uno tra i più importanti software CAD, ovvero dei software di progettazione e disegno assistiti da calcolatore. I software CAD oggi sostituiscono quasi del tutto i disegni manuali rendendo questa operazione più veloce e gli elaborati più...
Università e Master

come disegnare l'evoluta di una parabola

Parabola è una linea piana costituita da punti tutti equidistanti da un determinato punto fisso (messa a fuoco) e una data linea fissa (direttrice). Si tratta di una sezione conica tagliata da un piano parallelo a uno degli elementi del cono stesso....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.