Come disegnare il grafico di una funzione

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Quando si parla di grafico di una funzione, ci si riferisce a quell'insieme di punti, rappresentato all'interno del piano cartesiano, in cui all'ascissa "x", viene associata l'ordinata "y", facendo riferimento al valore del dominio della funzione stessa. In questa guida cercheremo di fornire una spiegazione dettagliata del procedimento da effettuare per svolgere uno studio di funzione e per sapere come disegnare il rispettivo grafico. Ovviamente, per comprendere al meglio la materia della guida, è necessario avere delle conoscenze matematiche di buon livello.

25

Occorrente

  • Quaderno
  • Penna
  • Righello
  • Calcolatrice
35

Il dominio della funzione

Iniziamo determinando il dominio della funzione in questione: se abbiamo un denominatore, dobbiamo scegliere un numero diverso da 0; se ci troviamo dinanzi ad una radice quadrata o di esponente pari, poniamo il suo radicando maggiore o uguale a 0; se abbiamo un logaritmo, poniamo il suo argomento con un numero maggiore o uguale a 0. In questo modo capiremo in quali parti del piano la funzione esiste e in quali invece no. Fatto ciò dovremo servirci della derivata prima della funzione per trovare i punti di massimo e di minimo assoluti o relativi. In questo modo, trovando appunto la derivata prima e assegnandole un valore maggiore di 0, otterremo i punti nei quali la funzione passa da essere crescente a decrescente o viceversa; in corrispondenza di tratto crescente, avremo derivata positiva, mentre in caso di tratto decrescente, avremo derivata negativa.

45

I punti di discontinuità

A questo punto potremo iniziare a ricercare eventuali asintoti per analizzare l'andamento della funzione vicino a punti di discontinuità, procedendo in direzione del segno più o del segno meno infinito. Se dal dominio avremo ricavato dei punti critici, troveremo gli asintoti verticali corrispondenti eseguendo il limite da destra e da sinistra in quel punto; guardando invece i limiti per "x" tendente a più o meno infinito, troveremo asintoti verticali; nel caso trovassimo asintoti orizzontali, potremo provare a verificare l'esistenza di asintoti obliqui attraverso l'apposita formula.

Continua la lettura
55

La derivata seconda

L'ultimo passo da compiere, è quello di ricavare la derivata seconda. Fatto questo potremo segnare i flessi, ovvero tutti quei punti in cui cambia la concavità della funzione. Essa passerà infatti dall'essere concava a convessa o viceversa; osservando il grafico saremo quindi in grado di stabilire il segno della nostra seconda derivata: nel caso di tratto convesso, avremo derivata seconda positiva, nel caso di tratto concavo, derivata negativa.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come creare grafici di funzioni matematiche

Disegnare e rappresentare il grafico di funzioni matematiche è un'operazione difficile e non molto veloce. Per riuscire a disegnare in un sistema di riferimento cartesiano l'andamento di una funzione occorre una buona conoscenza matematica e una praticità...
Superiori

Come studiare una funzione Matematica

Una funzione è un insieme di operazioni matematiche eseguite su uno o più ingressi (variabili), che si traduce in un'uscita. Una semplice funzione potrebbe restituire l'ingresso più uno. Tale funzione sarà simile: Y = X + 1In questo caso, X nel valore...
Superiori

Come Fare un corretto studio di funzione

Questo tutorial vi spiegheremo come dover affrontare uno studio corretto di funzione, in modo generico. I calcoli ed i parametri vanno infatti adattati volta per volta a quello che chiede l'esercizio. È un procedimento che cambia dal tipo di equazione...
Superiori

Studio di funzioni goniometriche

Imparate a studiare le funzioni goniometriche è molto utile per via dell'importanza che esse rivestono in moltissimi ambiti sia della matematica, nell'ambito dell'elettronica ed elettrotecnica, della meccanica e delle telecomunicazioni. Queste funzioni...
Superiori

Come trovare punti di flesso obliquo

L'argomento principale attorno a cui si concentrano molte prove d'esame di matematica è lo studio di funzione. Questo particolare esercizio, oserei dire anche abbastanza lungo, consiste nella rappresentazione su di un grafico cartesiano della funzione...
Superiori

Appunti matematica: studio della funzione a una variabile

Si avvicina il tempo degli esami e diventa opportuno fare un po' di ripasso dei principali argomenti di matematica. Un argomento che vediamo spesso nelle prove di esame è quello dello studio di funzione, dove, partendo da un'equazione data, lo studente...
Superiori

Come trovare i punti di flesso di una funzione

In Analisi Matematica, lo studio di funzione è una delle operazioni fondamentali per studiare il comportamento di qualunque funzione, che sia lineare, esponenziale o trigonometrica. Consta di vari passaggi che vanno eseguiti secondo un certo ordine,...
Superiori

Come disegnare il grafico di una funzione esponenziale

Come avrete già notato tramite la lettura stessa della nostra guida, ora andremo, in quattro passi, a spiegarvi come poter riuscire a disegnare il grafico di una funzione di tipologia esponenziale. Cominciamo immediatamente a valutare questa tematica...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.