Come discutere un'equazione parametrica di primo grado con il metodo diretto

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Un'equazione è l'equivalenza tra due espressioni letterali. La soluzione o radice si ottiene attribuendo alle incognite dei particolari valori numerici. Se i coefficienti di un'equazione di primo grado sono funzioni di una o più variabili, anche le radici saranno funzioni di tali variabili. Risoluzione e svolgimento non sono condizioni sufficienti a definire esaurientemente le equazioni. Quello che le rende, certamente, più intriganti è la cosiddetta "discussione", ossia il confronto della radice con un numero assegnato arbitrariamente detto parametro. La discussione parametrica richiede la conoscenza di base del concetto e del calcolo delle equazioni e delle disequazioni di primo grado. Con l'aiuto di qualche esempio, vediamo insieme come discutere un'equazione parametrica di primo grado, con il metodo diretto.

27

Occorrente

  • Quaderno
  • Penna
37

Supponete di dover discutere l'equazione parametrica di primo grado 2x + k = 0. K è un numero arbitrario, definito parametro che farà variare l'uguaglianza in funzione della sua variazione. Ipotizzate, come assunto incorreggibile, che x sia maggiore di 2. L' esercizio è di facile soluzione: dovrete calcolare quei valori che assegnati al parametro k definiranno una soluzione pari a x > 2. Con le regole fondamentali delle equazioni di primo grado calcolate il valore dell'incognita.

47

2x = 1 - k da cui x = (1 - k) / 2. Per ipotesi il vostro esercizio poneva x > 2, quindi basterà porre la vostra soluzione in questa condizione. Procedete dunque impiantando una disuguaglianza di primo grado (1 - k) 2 > 2. Risolvete con le regole di base delle uguaglianze di primo grado 1 - k > 4. Da qui si ottiene - k > 4 - 1. Continuate a risolvere la disuguaglianza estrapolando k e rendendolo positivo. Ricordate che il cambio del segno di k farà cambiare il segno anche alla disuguaglianza - k > 3 per cui k < - 3.

Continua la lettura
57

Questo significa che esiste almeno un numero che soddisferà la vostra equazione iniziale 2x + k - 1 = 0 per x > 2. Significa, inoltre, che essa verrà verificata da tutti quei valori che spaziano da - 3 al - infinito. Per accertarvi di ciò, basterà discutere la soluzione parametrica. Fate quindi la prova con il metodo diretto. Scegliete un valore arbitrario di k minore di - 3 e sostituitelo nell'equazione. Ipotizzate di scegliere k = - 4. Otterrete 2x = 1 più 4 da cui x = 5 / 2. Il valore - 4, minore di - 3, soddisfa la vostra ipotesi che poneva x > 2. Procedete, analogamente con la verifica scegliendo un valore maggiore di - 3. Questo è discutere un'equazione parametrica di primo grado, con il metodo diretto.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Comparate con la guida inerente allo svolgimento e a quella della soluzione di un'equazione di primo grado per meglio comprendere le varie tipologie di studio delle uguaglianze -

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come risolvere un'equazione di terzo grado

Capita prima o poi di doversi misurare con un'equazione di terzo grado e di non capire come riuscire a risolverla. Scopriamolo insieme. Prima di pronunciare la solita frase "a cosa mi servirà mai nella vita saper risolvere un'equazione di terzo grado?",...
Superiori

Come scomporre un'equazione di grado superiore al secondo

La matematica è una disciplina che per molte persone può rappresentare un vero e proprio ostacolo. Quando non riusciamo a capire come si eseguono alcune operazioni possiamo cercare online fra le moltissime guide presenti che ci spiegheranno i vari passaggi....
Superiori

Come risolvere un'equazione di secondo grado

Un'equazione di secondo grado è sicuramente un po' più difficile da risolvere rispetto a un'equazione di primo grado; per riolvere queste equazioni bisogna applicare una formula che è bene imparare a memoria perché ricorre in numerose applicazioni....
Superiori

Come trovare il massimo in un'equazione di secondo grado

Le equazioni di secondo grado sono dette anche equazioni quadratiche e sono operazioni algebriche che contengono una sola incognita (detta x) e che compare con grado uguale a 2. La formula caratteristica di tale equazione è ax²+bx+c =0. Lo studio dei...
Superiori

Come risolvere un'equazione di primo grado

La matematica è una delle materie cardini del sistema scolastico soprattutto se si è scelto un orientamento di tipo scientifico, tuttavia può costituire un ostacolo anche per gli studenti più volenterosi. Se non spiegata bene è difficile capirla,...
Superiori

Come trovare il minimo in un'equazione di secondo grado

Se sei alle superiori e la matematica non è proprio il tuo forte o semplicemente hai bisogno di una dritta, questa guida ti potrà essere utile. La matematica è impegno e concentrazione, è conoscere e seguire in ogni dettaglio i vari step per risolvere...
Superiori

Equazione quadratica: metodo di calcolo

In matematica, tra le varie equazioni, esistono anche le equazioni dette quadratiche, o di secondo grado. Consistono in equazioni in cui l'esponente massimo è x al quadrato. La formula di base completa di quest'equazione è ax^2 + bx + c = 0, con a diverso...
Superiori

Come risolvere un'equazione di primo grado e applicarla ai giochi di logica

In matematica, dicasi equazione l'uguaglianza tra due oggetti, che possono essere di natura diversa. Gli esercizi potranno anche essere noiosi, ma se imparate a risolvere un'equazione ragionando nella maniera corretta, avrete già appreso i tre quarti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.