Come Dimostrare La Digestione Ai Bambini

Tramite: O2O 20/09/2018
Difficoltà: media
17

Introduzione

Insegnare qualcosa ai bambini non è per nulla semplice. E'necessario avere molta pazienza e soprattutto un metodo semplice, ma allo stesso tempo abbastanza efficace. La cosa migliore è insegnare le materie tramite il divertimento. Così non si annoieranno e le informazioni rimarranno più impresse nella loro memoria. Un argomento che può essere difficile da trattare con i bambini, specialmente quelli delle elementari, è la digestione. La digestione ha la funzione di creare, attraverso la trasformazione del cibo che introduciamo, l'energia necessaria al corpo umano per svolgere le attività della giornata. Il tubo digerente si divide in vari tratti diversi tra loro per forma e per la funzione che svolgono. L'apparato digerente è un sistema complesso formato da più organi e ghiandole: il cavo orale, l'esofago, lo stomaco, il pancreas, il fegato, l'intestino. Con questa guida vi illustreremo come dimostrare ai bambini le fasi della digestione e l'importanza di ogni porzione del tratto digerente. Per iniziare spiegate ai bambini in modo semplice l'utilità di questo apparato: il cibo si trasforma in energia e questa dà la forza ai bambini di giocare, disegnare, correre. Non parlate di energia utilizzata per andare a scuola o fare i compiti. Potreste perdere facilmente la loro attenzione. Insegnare qualcosa ai bambini potrebbe rivelarsi un compito piuttosto complicato, per questo è necessaria molta preparazione, ma soprattutto molta esperienza. Se siete dei genitori alle prime armi o anche degli insegnanti al vostro primo incarico e ancora la vostra esperienza non è sufficiente, leggere i consigli di questa guida potrebbe fare al caso vostro. Avrete un metodo e dei consigli da seguire per riuscire ad insegnare ai vostri bambini un argomento non particolarmente semplice da spiegare e alle volte anche piuttosto noioso.
Vediamo quindi come dimostrare la digestione ai bambini, attraverso i pochi e semplici passaggi di questa guida. Ci serviremo di un paio di esperimenti pratici in modo da rendere la lezione più partecipativa.

27

Occorrente

  • becher o pentolina
  • provette o bicchierini piccoli in vetro
  • acqua distillata
  • colla d'amido
  • soluzione iodurata
  • carne magra macinata o carne di pesce
  • pepsina e acido cloridrico
  • soluzione pancreatica
  • formaggio
  • soluzione di lugol
  • fiele di bue
  • olio di oliva
  • fiamma di cucina o fornelletto elettrico
37

Le proteine

Il cibo attraverso la trasformazione diventa bolo alimentare. Dalla bocca, dopo la masticazione, tramite i movimenti dei muscoli dell'esofago arriva nello stomaco dove continua la digestione attraverso la pepsina. Questa sostanza serve a scindere le molecole del bolo. Per farlo, decompone le proteine che si trovano in esso. Come possiamo dimostrarlo ai bambini? Innanzitutto prendete due provette e inserite sul fondo dei minuscoli pezzi di bue macinato o carne di pesce. Versate nella prima provetta una soluzione contenete 10 cc di pepsina e 1 cc di acido cloridrico al 5%. Mi raccomando fatevi sempre aiutare dai bambini in ogni attività. Aiutateli a calcolare i cc e a riempire le provette delle diverse sostanze. Nella seconda provetta versate una soluzione contenete 10 cc di pepsina e 1 cc di acqua distillata. Lasciate entrambe le provette a bagnomaria. Quando raggiungono la temperatura corporea media di 37°C potete toglierle. Continuate poi con la spiegazione della digestione. Dopo 1 ora osservate le provette assieme ai bambini. Noterete che nella provetta in cui avete aggiunto alla pepsina l'acido cloridrico, i pezzetti di carne cominciano a decomporsi lentamente. Invece nella provetta in cui avete posto pepsina e acqua distillata i pezzetti di carne rimangono intatti.
Questo avviene perché le sostanze proteiche contenute negli alimenti vengono decomposte dalla pepsina solo in presenza di acido cloridrico. Potete quindi spiegare ai bambini che la decomposizione degli alimenti avviene innanzitutto nello stomaco dove si trovano i succhi gastrici. I succhi gastrici infatti contengono acido cloridrico.

47

I grassi e gli zuccheri

Terminata la digestione delle proteine all'interno dello stomaco il resto delle sostanze raggiunge l'intestino, prima quello tenue e poi quello crasso. Qui intervengono gli enzimi pancreatici, che arrivano da una ghiandola, il pancreas, per digerire il resto delle sostanze e suddividere definitivamente gli alimenti ingeriti. Spiegare anche questo processo sarà molto semplice. Prendete tre cilindri di dimensioni uguali e versate 10 cc di soluzione pancreatica. Nel primo cilindro ponete un pezzetto di carne di pesce o di bue (proteine), nel secondo cilindro un pezzetto di formaggio (grassi), nel terzo cilindro mettete invece colla di amido (glucidi) ed alcune gocce di soluzione di Lugol. Il Lugol farà molto effetto sui bambini perché colorerà immediatamente in azzurro l'amido. Mettete quindi i tre cilindri a bagnomaria fino a che non raggiungono la temperatura di 37°C. Dopo un po' nel terzo cilindro osserverete la scomparsa del colore blu, e negli altri due cilindri inizierà la decomposizione delle sostanze poste. I bambini potranno quindi vedere con i loro occhi le diverse sostanze (grassi, glucidi e proteine) che si separano.

Continua la lettura
57

La bile

L'unica sostanza ancora non assimilata è il grasso. Questo continua il suo viaggio nell'intestino finché non viene scisso dalla bile, sostanza prodotta dal fegato,un altra ghiandola. Versate in due provette 1 cc di olio di oliva. Nella prima provetta aggiungete 10 cc di acqua distillata, e nell'altra 10 cc di fiele di bue che contiene la bile. Agitate per più volte le due provette. Dopo un po' di tempo osserverete che nella provetta contenete olio e acqua distillata si sono create due parti separate: quella oleosa che rimane a galla perché è più leggera, e quella acquosa sottostante, più pesante. Invece nella provetta contente olio e fiele di bue non c'è stata separazione. La scissione non avviene perché la bile, contenuta nel fiele di bue, ha provocato la scissione dell'olio in piccolissime goccioline. L'azione della bile è infatti proprio questa: scindere i grassi in piccole goccioline. In questo modo anche i grassi, dopo le proteine e gli zuccheri, possono servire al nostro organismo.
Tramite questi piccoli esperimenti avrete quindi dimostrato le fasi più importanti della digestione ai bambini. Vedere e giocare con le provette e le sostanze colorate è un metodo perfetto! Raccogliete tutto il materiale e coinvolgete i vostri bambini. Buon divertimento e buona fortuna!

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • E' sempre importante far partecipare i bambini all'attività
  • Durante l'esecuzione dell'esperimento mettete anche il video aggiunto nella guida. Le immagini tramite cartoni animati restano sempre molto impresse ai bambini.
  • Ogni fase dell'esperimento è molto importante, se è il caso ripetetelo più volte se qualche bimbo non capisce o ha dubbi
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come dimostrare le proprietà delle ossa ai nostri bimbi

Le ossa sono costituite precisamente da tessuto osseo, un particolare tipo di tessuto connettivo caratterizzato dalla mineralizzazione della sostanza fondamentale che presenta due tipi di struttura: una lamellare ed una non lamellare. La composizione...
Elementari e Medie

Come dimostrare il primo teorema di Euclide

Tra i matematici più importanti e che hanno contribuito a fondare le basi della geometria piana, un posto fondamentale è occupato da Euclide. Fu proprio il matematico greco a teorizzare due teoremi importantissimi che permettono di mettere in relazione...
Elementari e Medie

Come dimostrare che l'aria ha un peso con un esperimento

L'aria è una miscela di sostanze aeriformi che costituisce l'atmosfera terrestre. È un componente essenziale per la vita della maggior parte degli organismi animali e vegetali e in particolare per la vita umana, per cui la sua salvaguardia è fondamentale...
Elementari e Medie

3 esperimenti scientifici da fare con i bambini

Volete meravigliare i vostri bambini con giochi utili e accattivanti? Niente di più semplice! Vi basterà organizzare degli esperimenti scientifici da fare insieme a loro. Per raggiungere il vostro scopo non bisogna acquistare materiali costosi. Sarà...
Elementari e Medie

5 tecniche di disegno per bambini facili da apprendere

I bambini, fin dalla più tenera età, dispongono di moltissima creatività, e hanno perciò bisogno di occasioni in cui poterla esercitare. I bambini sono estremamente attratti dall'arte e dal disegno, che rappresenta un mondo in cui possono creare...
Elementari e Medie

Come aiutare i bambini a studiare storia

Aiutare i bambini a studiare ed a svolgere i compiti per la scuola non è sempre necessario: alcuni bambini riescono, fin dai primi anni della scuola elementare, a sviluppare un proprio, semplice metodo di studio, con il supporto e le direttive dell'insegnante....
Elementari e Medie

Come insegnare la grammatica italiana ai bambini

Una delle materie più difficili per ogni bambino è certamente la grammatica. Impararla richiede molto tempo e molta pazienza, e bisogna essere particolarmente bravi ad insegnarla, altrimenti i bambini crescendo potrebbero avere difficoltà a comunicare...
Elementari e Medie

Come aiutare i bambini nel disegno

L'attività grafica di una persona si manifesta principalmente attraverso il disegno, espressione autentica e originale sia dei grandi che dei bambini. Non sempre i nostri piccoli sono portati o interessati a quest'arte, magari perché poco indirizzati...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.