Come dimostrare il volo planato

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

È opinione comune credere che un velivolo stia in aria grazie al suo motore; questo non è propriamente vero: il propulsore è necessario per alzarsi in volo, per seguire una determinata rotta e così via, è necessario, insomma, per la condotta corretta di un viaggio aereo, ma non è lui che permette ad un aereo di volare.

24

Già alla fine del 1400 Leonardo da Vinci, con il suo mirabile genio, aveva gettato i principi dell'aerodinamica moderna. Osservando gli uccelli aveva capito una cosa fondamentale e cioè che il volo poteva avvenire sia battendo le ali che tenendole ferme (si pensi ai gabbiani, capaci di percorrere lunghissimi tratti senza un solo battito di ali), in altre parole sia con il motore che senza. Ma la sua intuizione si era spinta ben oltre, trovando delle analogie di comportamento dell'aria e dell'acqua e trattando quindi la prima, al pari della seconda, come un fluido. In sostanza il genio aveva capito che il volo avviene per l'influenza dell'aria sull'ala, indipendentemente dal fatto che sia l'una o l'altra a muoversi. Ai fini del volo un'ala che scorre in una massa d'aria ferma si comporta nello stesso modo di un'ala ferma che viene investita da un flusso d'aria in movimento. Leonardo credeva, ed in parte si è poi dimostrato vero, che l'ala fosse in qualche modo "sorretta" scorrendo sull'aria ed è chiaro come in quest'ottica sia assolutamente ininfluente chi sia a muoversi: al giorno d'oggi per definire questo fenomeno si parla infatti di "vento relativo". La funzione del battito, nella mente di Leonardo, era di comprimere l'aria la quale poi dilatandosi nuovamente, come una sorta di materiale elastico, avrebbe dato all'ala la spinta verso l'alto (oggi la definiamo "portanza") necessaria al volo.

34

L'importanza della forma.
Che una forma affusolata offra meno resistenza all'avanzamento nell'aria è cosa evidentissima anche empiricamente, non altrettanto intuitivo è il perché l'ala deve avere una forma ben determinata per poter generare la portanza. Se fosse solo un problema di resistenza si potrebbe pensare che un'ala sottilissima sarebbe la scelta migliore, proviamo, con un piccolo esperimento a verificarlo.

Continua la lettura
44

Apriamo il rubinetto della cucina e proviamo ad avvicinare al flusso d'acqua un coltello tenuto delicatamente tra il pollice e l'indice, con la lama penzolante in basso; ripetiamo la stessa cosa ma questa volta con un cucchiaio, avendo l'accortezza di esporre al flusso d'acqua la parte convessa. Nel secondo caso, pur essendo il cucchiaio più spesso come forma del coltello che è invece assolutamente piano, esso verrà attirato verso il flusso d'acqua, e non respinto come ci si potrebbe aspettare. Questo semplice giochino serve a dimostrare quello che dopo quasi trent'anni di studi cominciò a capire anche Leonardo, cioè che la maggior parte della portanza non è determinata dall'aria sotto l'ala ma dalla depressione che si genera al di sopra che è data dall'aumento della velocità che deve subire in quel punto il fluido per "scavalcare" la gobba del profilo alare.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Appunti di teoria del volo

In primis Leonardo da Vinci: il tempo dedicato all'osservazione del volo degli uccelli, lo studio del movimento meccanico dell'ala, le sue riflessioni sulla resistenza dell'aria associate alla sperimentazione lo portarono alla formulazione della prima...
Superiori

Come dimostrare il teorema dei seni

Il teorema dei seni (conosciuto anche come Teorema di Eulero) consente la risoluzione dei triangoli qualunque. Per riuscire a dimostrarlo in maniera efficace bisogna però possedere i "giusti" requisiti ossia le corrette nozioni di base. In questo senso...
Superiori

Come dimostrare il teorema dell'angolo esterno

La geometria comprende lo studio delle figure geometriche piane e solide e anche delle rette, degli angoli, dei perimetri, dei volumi e delle aree che in questa guida sarà illustrato. Il teorema dell'angolo esterno riveste una notevole importanza nel...
Superiori

Come dimostrare una funzione suriettiva

La matematica, come detto moltissime volte, è una materia tanto affascinante quanto difficile da apprendere. Infatti non sono pochi gli studenti che si ritrovano durante i loro anni di studio a doversi barcamenarsi con l'apprendimento di questa materia....
Superiori

Come dimostrare che un punto appartiene ad un piano

La geometria è un ramo della matematica, dove con teoremi e postulati si cerca di dimostrare o risolvere figure di diversa tipologia e complessità. Molto spesso per molti studenti la geometria rappresenta un notevole ostacolo da superare, soprattutto...
Superiori

Come dimostrare che un triangolo è isoscele

Il triangolo Isoscele è una figura geometrica piana avente due lati uguali e una base più piccola rispetto ad ogni singolo lato. Di conseguenza, anche i due angoli della base saranno identici rispetto all'angolo formato tra i due lati, che invece sarà...
Superiori

Come dimostrare che due triangoli sono simili

In questa guida vi spiegherò i teoremi e le principali condizioni che garantiscono che due triangoli sono simili, ovvero, come dimostrare che due triangoli sono simili. Per definizione diremo che due triangoli sono simili se hanno i tre angoli congruenti...
Superiori

Come dimostrare che una successione è limitata

Non tutti possono capire ogni materia che si presenta all'università o a scuola e in molti casi, una delle materie più complesse da studiare sin dalle scuole elementari è sicuramente la matematica. La matematica può mettere spesso in difficoltà a...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.