Come dimostrare il teorema di Pitagora con un semplice disegno

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Il teorema di Pitagora è sicuramente uno dei più noti teoremi della geometria, nonché uno dei più utili. Viene infatti utilizzato per risolvere i problemi più basilari così come quelli di grado avanzato. Il suo scopo è quello di fornire la dimostrazione della relazione esistente tra i lati di un triangolo rettangolo. Il teorema afferma che la somma delle aree dei quadrati costruiti sui cateti equilvale all'area del quadrato costruito sull'ipotenusa. Per essere in grado di dimostrare il teorema di Pitagora con un disegno semplice e chiaro, prosegui nella lettura di questa guida.

27

Occorrente

  • Foglio di carta
  • Matita o penna
  • Righello o squadra
37

Lato AB

Disegna un triangolo rettangolo e denominane gli angoli A, B e C. Il lato AB deve misurare 3 centimetri, il lato BC 4 centimetri e il lato CA 5 centimetri. Per dimostrare il teorema, comincia disegnando un quadrato sul lato AB (cioè sul primo cateto). Il quadrato che costruirai avrà l'area di 9 centimetri quadrati. Se per ogni centimetro disegni un quadratino di 1 centimetro di lato potrai vedere che l'area del quadrato costruito sul cateto AB sarà formata da 9 quadratini.

47

Lato BC

Adesso, disegna un quadrato sul secondo cateto (BC), che misura 4 centimetri. Disegna un quadratino per ogni centimetro. Alla fine, nell'area del quadrato, potrai contare 16 quadratini che corrispondono a 16 centimetri quadrati (ovvero 4 centimetri per 4).

Continua la lettura
57

Lato CA

Per finire, devi disegnare un quadrato sull'ipotenusa (CA), che misura 5 centimetri. Anche questa volta, disegna una griglia composta di quadratini della misura di un centimetro ciascuno. Otterrai 25 quadratini, che corrispondono a 25 centimetri quadrati.

67

Dimostrazione

Quindi, sommando ai 9 quadratini del primo quadrato costruito sul primo cateto i 16 quadratini del secondo otterrai 25 quadratini, tanti quanti quelli del terzo quadrato che hai disegnato sull'ipotenusa. È dunque dimostrata la validità del teorema.

77

Chiarimenti

Al fine di garantire una maggiore chiarezza, precisiamo che parlando di cateti si intendono i lati più corti del triangolo che, unendosi, vanno a formare l'angolo retto all'interno del triangolo. Mentre con il termine ipotenusa ci si riferisce è al lato più lungo, che va da un cateto all'altro. Il punto di partenza per il nostro disegno è un triangolo rettangolo, e cioè un triangolo che tra i tre angoli ne ha uno che misura 90°, detto angolo retto (proprio quello formato dai due cateti, come precedentemente spiegato). Nel disegno, il primo cateto (AB) ha una lunghezza di 3 centimetri, il secondo (BC) è lungo 4 centimetri e infine l'ipotenusa (CA) ha una lunghezza di 5 centimetri.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come dimostrare il teorema dei seni

Il teorema dei seni (conosciuto anche come Teorema di Eulero) consente la risoluzione dei triangoli qualunque. Per riuscire a dimostrarlo in maniera efficace bisogna però possedere i "giusti" requisiti ossia le corrette nozioni di base. In questo senso...
Superiori

Come dimostrare il teorema di Lagrange

Il Teorema di Lagrange è un teorema che si incontra durante lo studio delle derivate. Esso trae origine dal nome del matematico che lo ha enunciato e afferma che, data una Funzione qualsiasi f (x), "continua e derivabile" in un intervallo chiuso da "a"...
Superiori

Come dimostrare il teorema di Weierstrass

Discipline scolastiche come la matematica, la fisica o ancora la chimica sono molto interessanti, ma anche complicate. Le argomentazioni spiegano le dinamiche quotidiane. Tuttavia, non per tutti sono di facile comprensione. Alcuni concetti più di altri...
Superiori

come dimostrare il teorema delle tre perpendicolari

Il teorema delle tre perpendicolari si occupa di studiare alcune caratteristiche della posizione di due linee rette e delle sue perpendicolari. Nel piano due rette sono perpendicolari, se si incontrano formando angoli uguali, che si possono definire così...
Superiori

Come dimostrare il secondo teorema di Euclide

I teoremi di Euclide sono una delle basi fondamentali della geometria, utili per capire e svolgere un problema incentrato sui triangoli rettangoli. Solitamente vengono spiegati nelle scuole medie, tuttavia risultano essere importanti anche nelle classi...
Superiori

Filosofia: il pensiero di Pitagora

Tra i maggiori esponenti della filosofia greca antica si colloca senza dubbio Pitagora. Egli rappresenta sicuramente anche uno dei filosofi più conosciuti al giorno d'oggi grazie alle sue teorie e alle sue opere. Pitagora è inoltre noto in modo particolare...
Superiori

Teorema sugli archi congruenti: dimostrazione

Il teorema sugli archi congruenti è un teorema che afferma che "ad archi congruenti corrispondono corde parallele". Per farne una dimostrazione abbiamo bisogno di un' ipotesi, ossia i dati forniti dallo stesso teorema e una tesi, ossia quello che va...
Superiori

Come calcolare le proiezioni dei cateti sull'ipotenusa

In un triangolo rettangolo, viene definito specificatamente cateto ciascuno dei due lati a ridosso precisamente all'angolo retto. Invece, il lato che risulta essere situato precisamente all'opposto dell'angolo retto, assume la denominazione di ipotenusa....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.