come dimostrare il teorema delle tre perpendicolari

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Il teorema delle tre perpendicolari si occupa di studiare alcune caratteristiche della posizione di due linee rette e delle sue perpendicolari. Nel piano due rette sono perpendicolari, se si incontrano formando angoli uguali, che si possono definire così retti. Due segmenti si dicono perpendicolari se tali sono le rette cui essi appartengono. Nel caso di rette nello spazio, esse sono incidenti se esiste un piano (unico) che le contiene entrambe. Vediamo allora come dimostrare il teorema delle tre perpendicolari.

27

Occorrente

  • Foglio
  • Penna
37

Molti teoremi geometrici e trigonometrici studiano delle proprietà collegate alla perpendicolarità. In un sistema di coordinate cartesiane ortogonali gli assi di riferimento (x, y, z), potranno essere mutuamente perpendicolari. Ogni triangolo rettangolo è definito da due segmenti perpendicolari, i suoi cateti: i cateti di triangoli rettangoli servono a definire alcune funzioni angolari che andremo così a studiare con questo teorema.


Per mostrare che la retta r è perpendicolare al piano individuato dai punti ABC, essendo r per ipotesi già perpendicolare a BC, basterà mostrare che è anche perpendicolare ad un'altra retta del piano, cioè alla retta AC sulla retta r da parti opposte rispetto a C. Consideriamo due punti D ed E tali che DC = CE. Consideriamo il triangolo BDE, esso ha l'altezza BC che è anche mediana e quindi è un triangolo isoscele ed avrò BD = BE. Ora i triangoli rettangoli ABD ed ABE: sono rettangoli perché le rette BD e BE passano per il punto d'incontro tra la perpendicolare ed il piano. Posseggono inoltre AB in comune.

47

Per un criterio di congruenza dei triangoli rettangoli avremo che i due triangoli sono congruenti ed in particolare avranno AD = AE. Il triangolo ADE; avendo due lati uguali AD = AE sarà isoscele e quindi la sua mediana AC sarà anche l'altezza; quindi AC è perpendicolare a DE cioè ad r. Essendo r perpendicolare a due diverse rette AC ed AD del piano individuato da ABC per il criterio di perpendicolarità la retta r sarà perpendicolare al piano.

Continua la lettura
57

Avendo definito la perpendicolarità fra due rette, possiamo dunque estendere la definizione ai piani. In particolare, una retta ed un piano incidenti si dicono perpendicolari se la retta è perpendicolare a qualsiasi retta del piano passante per il punto in comune con la retta data. Affinché la condizione sia soddisfatta, è sufficiente che la retta data sia perpendicolare a due di queste, dimostrando la validità del teorema.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Possiamo dimostrare il teorema anche sul piano cartesiano
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come dimostrare che due rette sono perpendicolari

In geometria analitica, una delle prime curve che viene trattata appena si inizia a lavorare con i piani cartesiani è la retta. La retta, ente geometrico fondamentale, è la base sia della geometria piana che dell'analisi matematica. Per affrontare,...
Superiori

Come dimostrare il teorema dell'angolo esterno

La geometria comprende lo studio delle figure geometriche piane e solide e anche delle rette, degli angoli, dei perimetri, dei volumi e delle aree che in questa guida sarà illustrato. Il teorema dell'angolo esterno riveste una notevole importanza nel...
Superiori

Come dimostrare il teorema dei seni

Il teorema dei seni (conosciuto anche come Teorema di Eulero) consente la risoluzione dei triangoli qualunque. Per riuscire a dimostrarlo in maniera efficace bisogna però possedere i "giusti" requisiti ossia le corrette nozioni di base. In questo senso...
Superiori

Come dimostrare il teorema di Lagrange

Il Teorema di Lagrange è un teorema che si incontra durante lo studio delle derivate. Esso trae origine dal nome del matematico che lo ha enunciato e afferma che, data una Funzione qualsiasi f (x), "continua e derivabile" in un intervallo chiuso da "a"...
Superiori

Come dimostrare il teorema di Weierstrass

Discipline scolastiche come la matematica, la fisica o ancora la chimica sono molto interessanti, ma anche complicate. Le argomentazioni spiegano le dinamiche quotidiane. Tuttavia, non per tutti sono di facile comprensione. Alcuni concetti più di altri...
Superiori

Come dimostrare il teorema di Pitagora con un semplice disegno

Il teorema di Pitagora è sicuramente uno dei più noti teoremi della geometria, nonché uno dei più utili. Viene infatti utilizzato per risolvere i problemi più basilari così come quelli di grado avanzato. Il suo scopo è quello di fornire la dimostrazione...
Superiori

Come dimostrare il secondo teorema di Euclide

I teoremi di Euclide sono una delle basi fondamentali della geometria, utili per capire e svolgere un problema incentrato sui triangoli rettangoli. Solitamente vengono spiegati nelle scuole medie, tuttavia risultano essere importanti anche nelle classi...
Superiori

Come raccordare due segmenti perpendicolari

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i nostri lettori, a capire, come poter raccordare circa due segmenti perpendicolari. Cercheremo di eseguire il tutto, mediante il classico metodo del fai da te, in modo da essere in grado di mettere in pratica...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.