Come dimostrare il teorema dell'angolo esterno

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La geometria comprende lo studio delle figure geometriche piane e solide e anche delle rette, degli angoli, dei perimetri, dei volumi e delle aree che in questa guida sarà illustrato. Il teorema dell'angolo esterno riveste una notevole importanza nel sistema della geometria di Euclide; in particolare è essenziale per dimostrare alcuni risultati riguardanti le rette parallele. Questo teorema esprime una disuguaglianza e precisamente il fatto che in un triangolo l?angolo esterno (quello formato da un lato e dal prolungamento di un altro lato) sia maggiore degli altri due angoli interni. La dimostrazione, si basa su una costruzione geometrica e richiede il primo criterio di uguaglianza dei triangoli. Ecco come dimostrare correttamente il teorema dell'angolo esterno.

26

Enunciato del Teorema

Un angolo esterno di un triangolo forma una coppia lineare con l'angolo interno adiacente. I due non adiacenti interni sono chiamati remoti. La misura dell'angolo esterno di un triangolo è uguale alla somma della misura dei suoi angoli interni. Per dimostrare il teorema degli angoli esterni generati da due parallele tagliate da una trasversale è necessario compiere un percorso che inizia col teorema degli angoli opposti e che prosegue con il criterio di parallelismo. Osserverete anche come l?affermazione che gli angoli esterni sono uguali.

36

Disegno dei triangoli

Disegnate un triangolo qualsiasi, che chiamerete ABC. Ora scegliete uno dei tre lati e prolungatelo: ad esempio, il lato BC. Individuate il punto medio del lato AC, cioè il punto che divide in due la linea retta che passa dal punto A al punto C. Lo chiamerete E. Ora, tracciate una retta BF che passa dal punto B al punto E e prolungatela finché il lato BE non risulta uguale a EF. Tracciate il triangolo EFC tracciando una linea che unisce i punti F e C.
Esiste anche un secondo teorema dell'angolo esterno, che afferma che in un triangolo ogni angolo esterno è uguale alla somma dei due angoli interni non adiacenti ad esso. Prendete un triangolo isoscele ABC il cui lato AC è uguale a BC, mentre gli angoli BAC e ABC sono congruenti. Ora prolungate la base del triangolo AB, ottenendo la nuova retta BD. Costruite un nuovo triangolo collegando i punti C e D.

Continua la lettura
46

Dimostrazione del teorema

Osservando i due triangoli ABE e EFC potete trarre due osservazioni. I lati AE e EC hanno la stessa lunghezza, poiché E è il punto medio che divide la retta AC in due parti uguali.
Essendo i due triangoli congruenti, l'angolo EAB è uguale all'angolo ECF. Possiamo dimostrare così che l'angolo esterno ECD è maggiore dell'angolo interno non adiacente EAB.

56

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

come dimostrare il teorema delle tre perpendicolari

Il teorema delle tre perpendicolari si occupa di studiare alcune caratteristiche della posizione di due linee rette e delle sue perpendicolari. Nel piano due rette sono perpendicolari, se si incontrano formando angoli uguali, che si possono definire così...
Superiori

Come dimostrare il teorema di Weierstrass

Discipline scolastiche come la matematica, la fisica o ancora la chimica sono molto interessanti, ma anche complicate. Le argomentazioni spiegano le dinamiche quotidiane. Tuttavia, non per tutti sono di facile comprensione. Alcuni concetti più di altri...
Superiori

Come dimostrare il teorema di Lagrange

Il teorema che affronteremo in questa guida, ovvero il teorema di Lagrange (detto anche teorema del valor medio), fu formulato e dimostrato nella sua forma moderna da Cauchy nel 1823, inizialmente descritto da Parameshvara, dalla scuola del https://it.m.wikipedia.org/wiki/Scuola_del_Kerala...
Superiori

Come dimostrare il secondo teorema di Euclide

I teoremi di Euclide sono una delle basi fondamentali della geometria, utili per capire e svolgere un problema incentrato sui triangoli rettangoli. Solitamente vengono spiegati nelle scuole medie, tuttavia risultano essere importanti anche nelle classi...
Superiori

Teorema degli angoli al centro e alla circonferenza

Il teorema degli angoli al centro ed alla circonferenza rappresenta uno dei capisaldi della geometria piana. Per applicarlo in modo corretto, comprendi il concetto alla perfezione. Pertanto, presta molta attenzione in classe e prendi appunti. Chiedi eventuali...
Superiori

Teorema sugli archi congruenti: dimostrazione

Il teorema sugli archi congruenti è un teorema che afferma che "ad archi congruenti corrispondono corde parallele". Per farne una dimostrazione abbiamo bisogno di un' ipotesi, ossia i dati forniti dallo stesso teorema e una tesi, ossia quello che va...
Superiori

Come dimostrare che una funzione è derivabile in un intervallo

Assai di frequente capita che uno studente di scuola superiore ma anche universitario sia chiamato a dimostrare la derivabilità di una funzione data in un determinato intervallo. Per riuscire nella prova è necessario padroneggiare con abilità concetti...
Superiori

Come dimostrare che la somma degli angoli interni di un triangolo è 180°

Se prendete in esame un triangolo immaginario, considerate uno dei suoi lati, tracciate una retta che sia parallela a questo lato e scoprirete che la somma degli angoli interni di un triangolo è 180°. In questa utilissima guida vi spiego come dovete...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.