Come dimostrare che una funzione è derivabile in un intervallo

Tramite: O2O 16/06/2016
Difficoltà: media
16

Introduzione

Assai di frequente capita che uno studente di scuola superiore ma anche universitario sia chiamato a dimostrare la derivabilità di una funzione data in un determinato intervallo. Per riuscire nella prova è necessario padroneggiare con abilità concetti quali funzione derivabile e condizione di derivabilità, nonché la conoscenza di alcuni teoremi dei quali è opportuno avvalersi per riuscire nella dimostrazione. In questa guida, attingendo proprio ad alcuni di essi, vi spiegheremo come dimostrare che una funzione è derivabile in un intervallo.

26

Occorrente

  • Teorema di Rolle, funzione di Lagrange
36

Per dimostrare che una funzione è derivabile in un intervallo occorre utilizzare alcuni basilari teoremi matematici. Nello specifico, i teoremi di Rolle, Lagrange e Cauchy. La dimostrazione si evince, pertanto, attingendo alle norme che regolano uno di questi tre teoremi. In questa guida abbiamo deciso di utilizzarne uno dei tre, quello che riteniamo possa, a scopo esemplificativo, rappresentare il teorema che meglio degli altri riesce a dimostrare l'enunciato per semplicità e chiarezza. Ci stiamo riferendo al teorema di Rolle. Occorre proseguire nel modo che segue.

46

Iniziamo sostenendo che una funzione definita e continua in un intervallo [a, b] e derivabile in ]a, b[ è detta funzione di Lagrange [a, b]. A questo punto occorre enunciare il teorema di Rolle. Stabiliamo che f sia una funzione di Lagrange in [a, b] e per assurdo ragioniamo che f (a) sia uguale a f (b). Allora deve per forza esistere un punto x2]a, b[ tale che sia f0(x) uguale a 0. Date siffatte premesse, andiamo ora a dimostrare che una funzione è derivabile in un intervallo.

Continua la lettura
56

Ragioniamo come sempre per assurdo. Se fosse f (a) uguale a f (b) per ognuno di x 2 [a, b], di certo si potrebbe concludere che f0(x) sia uguale a 0 per ogni x 2]a, b[ e che quindi l'affermazione sarebbe vera e dimostrata. Ora supponiamo che f non sia però costante. In questo caso, in virtù dell'enunciato sancito dal teorema di Weierstrass, si deve ammettere un massimo e un minimo in [a, b]. Se poi un punto di massimo e un altro di minimo cadessero tutti e due ai punti estremi dell'intervallo e partendo dall'enunciato che f (a) è uguale a f (b), ne conseguirebbe facilmente che f' sia una costante in [a, b]. Ma questa affermazione andrebbe a contestare la nostra ipotesi. Quindi va da sé che uno dei tre i punti di massimo e minimo cadrà per forza all'interno dell'intervallo sopra descritto. Chiamiamo ora questo punto x. Quindi, grazie al teorema di Fermat, potremmo dire che f0(x) è uguale a 0. Ecco quindi dimostrato che una funzione è derivabile all'interno di un intervallo.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Prima della dimostrazione studiate bene i concetti di funzione derivabile e condizione di derivabilità
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Dimostrazione della continuità di una funzione derivabile

La funzione è una applicazione matematica formata da x argomento o valore della variabile indipendente detto dominio della funzione e y valore della variabile dipendente, detto condominio della funzione. In esami o compiti in classe, spesso capita agli...
Superiori

Come dimostrare una funzione suriettiva

La matematica, come detto moltissime volte, è una materia tanto affascinante quanto difficile da apprendere. Non sono pochi, infatti, gli studenti che, durante i loro anni di studio, si ritrovano a doversi barcamenare con l'apprendimento di questa materia....
Superiori

Come calcolare le primitive di una funzione

La matematica è sicuramente una delle materie più difficili da studiare e da comprendere e anche se siamo degli appassionati di questa materia, ci sarà sempre qualche argomento che non riusciremo a comprendere perfettamente. Fortunatamente grazie ad...
Superiori

Come dimostrare il teorema di Lagrange

Il teorema che affronteremo in questa guida, ovvero il teorema di Lagrange (detto anche teorema del valor medio), fu formulato e dimostrato nella sua forma moderna da Cauchy nel 1823, inizialmente descritto da Parameshvara, dalla scuola del https://it.m.wikipedia.org/wiki/Scuola_del_Kerala...
Superiori

Come calcolare il differenziale di una funzione in un punto

La matematica è una delle materie scolastiche più ostiche in assoluto. Per un gran numero di studenti, infatti, confrontarsi con concetti sempre più complessi e articolati può rappresentare un vero e proprio ostacolo all'apprendimento. Tra gli argomenti...
Superiori

Come determinare la derivabilità di una funzione

In questa guida vediamo come determinare la derivabilità di una funzione. Si tratta di capire se una funzione in un punto è derivabile devono esistere e coincidere il limite destro e sinistro del rapporto incrementale calcolati nel punto. Individuata...
Superiori

Algoritmi per l'approssimazione degli zeri di una funzione

Calcolare uno zero in una funzione a variabile reale, nella forma f (x) o in una forma equivalente, è un problema matematico che si presenta spesso nei laboratori di informatica. In un’equazione nella forma f (x)=0 trovare una radice reale, significa...
Superiori

Come dimostrare il teorema di Weierstrass

Discipline scolastiche come la matematica, la fisica o ancora la chimica sono molto interessanti, ma anche complicate. Le argomentazioni spiegano le dinamiche quotidiane. Tuttavia, non per tutti sono di facile comprensione. Alcuni concetti più di altri...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.