Come dimostrare che due piani sono perpendicolari

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Con la fine della scuola, tutti i bambini e i ragazzi sono pronti a posare libri e quaderni in cantina. L'estate è la stagione del relax, del divertimento e del mare! Ma non per tutti!! Chi è alle prese con esami o test di preparazione agli studi universitari deve continuare a studiare a casa. E poi c'è chi è particolarmente nostalgico della classe, degli insegnanti, della scuola in generale, magari perché molto studioso e quindi dedito alla propria formazione ed istruzione. È importante il giusto mezzo: anche durante l'estate è opportuno continuare a leggere, scrivere e magari usare come guida i classici "libri delle vacanze", che si dimostrano un valido supporto nella ripetizione dei contenuti delle varie discipline. In questa guida perciò facciamo un po' di geometria, e quindi andremo a dimostrare, in modo molto semplice a abbastanza comprensivo, in che modo due piani sono perpendicolari.

26

Occorrente

  • Per la dimostrazione è utile una foglio a quadretti, due squadre, una gomma, una matita e possibilmente un goniometro per misurare gli angoli!
36

Una breve parentesi è utile a dimostrare come due piani sono perpendicolari. Ricordiamo insieme che un piano è una base circoscritta da un perimetro, posto in uno spazio di lavoro. E che due rette si dicono perpendicolari tra loro quando si incontrano in un punto, formando una croce, che avrà quattro angoli di 90° e quindi un angolo giro di 360°. Fatto questo piccolo promemoria, un primo passo è considerare due piani in uno spazio di lavoro: Z e X. Questi due piani si taglieranno tra loro! In che modo? Disegniamo un piano in verticale e un piano in orizzontale. Ora immaginiamo, e quindi disegniamo su un altro foglio, che il piano verticale tagli quello orizzontale, formando una croce tridimensionale.

46

Avete disegnato la croce tridimensionale? Bene, un secondo passo per dimostrare che due piani sono perpendicolari è il concetto di perpendicolarità. I due piani, come potete notare, si incontrano quindi in un punto. Nel caso dei piani questo punto è una retta immaginaria che taglia i due piani in due parti perfettamente uguali. Quindi otterremo quattro zone, tutte uguali tra loro, perché i due piani sono perpendicolari e intersecati tra loro.

Continua la lettura
56

Ultimo passo per dimostrare che due piani sono perpendicolari tra di loro è che l'intersezione creerà degli angoli retti, cioè di 90°. Sulla base del piano, avremo ovviamente due angoli di 180°, che tagliati dall'altro piano saranno di 90°. Pertanto al centro in cui i due piani si sono intersecati si formano quattro angoli di 90°. La stessa cosa accade se osserviamo i due piani dal basso, immaginando siano di vetro.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Un consiglio molto utile per comprendere la perpendicolarità di due piani è quello di immaginare il pavimento e la parete! Entrambi si intersecano, avendo in comune una retta immaginaria e formando angoli di 90°!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Teorema della farfalla: dimostrazione

Secondo Coxeter e Greitzer, una delle soluzioni per il teorema della farfalla è stato presentato nel 1815 da WG Horner. Più di recente, una dimostrazione risalente al 1805 di William Wallace è stata scoperta negli archivi della famiglia di Wallace....
Superiori

Come raccordare due segmenti perpendicolari

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i nostri lettori, a capire, come poter raccordare circa due segmenti perpendicolari. Cercheremo di eseguire il tutto, mediante il classico metodo del fai da te, in modo da essere in grado di mettere in pratica...
Superiori

Come tracciare un raccordo tra due rette perpendicolari

La geometria è una parte della matematica che studia le figure piane e solide. Tracciare un raccordo tra due rette perpendicolari è uno dei primi argomenti trattati e studiati durante durante un corso di geometria o di disegno: in questa semplice e...
Superiori

Come trovare il punto di intersezione tra due rette perpendicolari

La matematica è una delle materie più complesse, gli esercizi affinché vengano fatti bene è necessario studiare la teoria, che poi collegata a tanti esercizi, quindi messa in pratica, risulterà del tutto semplice e piacevole oltre che gratificante...
Superiori

Come determinare un sottospazio vettoriale

In ambito algebrico si ha spesso a che fare con vettori, ovvero elementi matematici n-dimensionali caratterizzati da un modulo e un verso. I vettori sono, quindi, appartenenti ad una struttura detta "spazio vettoriale", la quale può essere suddivisa...
Superiori

Come eseguire una proiezione ortogonale di un cono

L'attenzione in classe semplifica molto la comprensione di concetti complessi, come quelli matematici. Dovrai prendere appunti nonché chiedere chiarimenti all'insegnante o ad un compagno in gamba. Tuttavia, puoi anche consultare internet. Il web è una...
Superiori

Come calcolare la distanza tra due rette parallele in un piano

La geometria è un ramo della matematica, in cui vengono studiate le figure piane geometriche oppure le figure solide e tridimensionali. Attraverso la geometria si studiano anche i perimetri, le aree e i volumi delle figure geometriche. Un altro studio...
Elementari e Medie

Come costruire un ovolo conoscendo i due assi

La geometria è una branca della matematica che ci consente di utilizzare strumenti per creare forme complesse partendo da esempi di figure geometriche semplici. Tra le varie forme, prendiamo come riferimento l'ovolo, ossia una figura geometrica piana...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.