Come diluire le soluzioni In laboratorio

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Spesso ti sarà capitato, se lavori in un laboratorio, di dover preparare una nuova soluzione partendo da una soluzione madre di partenza, mediamente più concentrata. Nei passaggi successivi di questa guida ci occuperemo di illustrarvi come farlo in modo semplice e immediato, sia che si parli di concentrazione molare che di concentrazione percentuale. Diluire è quel processo mediante il quale una soluzione concentrata viene resa meno concentrata. Ci sono molte ragioni per cui risulta essere necessario effettuare una diluizione, dalle più serie alle più casuali. Per esempio, i biochimici diluiscono le soluzioni dalla loro forma concentrata per andare a creare nuove soluzioni da usare nei loro esperimenti, mentre, dall'altra parte dello spettro, ci sono i baristi che spesso hanno il compito di diluire il liquore con dei drink leggeri o del succo di frutta, in modo tale da poter creare così un cocktail più degustabile. La formula appropriata per calcolare una diluizione è C1V1 = C2V2, dove C1 e C2 rappresentano le concentrazioni rispettive delle soluzioni iniziale e finale, e V1 and V2 rappresenta i loro volumi. Vediamo dunque come bisogna procedere per diluire le soluzioni in laboratorio.

26

Innanzitutto è bene chiarire che effettuare una diluizione, in Chimica, spesso significa prendere una piccola dose di soluzione di cui conosci la concentrazione, e quindi andare ad aggiungere un liquido neutrale (come l'acqua) per poter creare una nuova soluzione dal volume più ampio, ma a una concentrazione inferiore. Questo procedimento viene effettuato molto di frequente nei laboratori chimici dove, per questioni di efficienza, i reagenti sono spesso conservati ad alte concentrazioni, che devono essere poi diluite per poter venire utilizzate nei vari esperimenti. Di solito, nella maggior parte delle situazioni del mondo reale, conoscerai sicuramente sia la concentrazione della tua soluzione di partenza, sia la concentrazione e il volume che vuoi ottenere nella seconda soluzione, ma non il "volume della prima soluzione che ti occorre per ottenerla". Ad ogni modo, in altre situazioni (soprattutto nei problemi di esercitazioni scolastiche), potresti avere bisogno di trovare gli altri tasselli del puzzle: per esempio, potrebbero venirti forniti una concentrazione e un volume iniziali, e potrebbe venirti richiesto di trovare la concentrazione finale se diluisci la soluzione a un determinato volume. Per qualsiasi diluizione, bisogna ricordarsi che è importante prendere nota delle variabili note e di quelle sconosciute, prima di cominciare il procedimento. Consideriamo un problema di esempio: supponiamo che ci venga richiesto di diluire una soluzione a 5M con dell'acqua per ottenere 1 litro di soluzione a 1 "mM". In questo caso, conosciamo quella che è la concentrazione della soluzione di partenza e il volume e la concentrazione che vogliamo ottenere, ma non sappiamo qual è la quantità della soluzione di partenza a cui dobbiamo aggiungere l'acqua per ottenerli. È fondamentale ricordare che, in Chimica, M rappresenta una misura di concentrazione chiamata "Molarità", che indica le moli di una sostanza per litro.

36

Inserisci dunque i tuoi valori nella formula C1V1 = C2V2. In questa formula, C1 sta a indicare la concentrazione della soluzione di partenza, V1 indica il suo volume, C2 indica la concentrazione della soluzione finale, e V2 indica il suo volume. A questo punto bisognerà procedere con l'inserire i valori conosciuti in questa equazione, e questo passaggio dovrebbe permetterti di ricavare il valore sconosciuto con poca difficoltà. Potrebbe esserti d'aiuto, inoltre, mettere un punto di domanda davanti all'unità che vuoi determinare, in modo tale da aiutarti a risolvere l'equazione. Continuiamo quindi con il nostro esempio, e dovremo andare a inserire i nostri valori conosciuti nel modo che segue: C1V1 = C2V2 (5 M) V1 = (1 mM)(1 L). Le nostre due concentrazioni hanno diverse unità. Ora fermiamoci qui e procediamo col prossimo passaggio, ne quale andremo a trovare proprio il valore che stiamo cercando.

Continua la lettura
46

È dunque arrivato il momento di risolvere il problema, quindi, quando tutte le unità corrispondono, procedi col risolvere la tua equazione. Solitamente può essere fatto applicando delle semplici formule di algebra. Abbiamo lasciato il nostro problema a questo punto: (5 M) V1 = (1 mM)(1 L). Risolviamo per V1 con le nuove unità di misura. (5 M) V1 = (0.001 M)(1 L) V1 = (0.001 M)(1 L)/(5 M). V1 = 0.0002 L., o 0.2 mL. Quello che dovrai fare ora è imparare come usare le tue risposte in modo pratico, ovvero capire come si deve procedere quando si deve eseguire questa procedura concretamente. Diciamo che hai trovato il tuo valore mancante, ma non sei sicuro su come applicare questa nuova informazione in una diluizione che devi effettuare in quello che è il mondo reale. Ciò è assolutamente comprensibile, in quanto il linguaggio della matematica e della scienza, a volte, non si presta facilmente a situazioni concrete. Quando conosci tutti e quattro i valori nell'equazione C1V1 = C2V2, dovrai effettuare la diluizione nel modo che segue: misura il volume V1 della soluzione con concentrazione C1, quindi vai ad aggiungere abbastanza diluente (acqua, ecc.) in maniera tale da creare un volume totale V2. Questa nuova soluzione avrà la concentrazione desiderata (C2). Nel nostro esempio, dovremo prima di tutto misurare 0.2 mL dalla nostra soluzione di 5 M. Successivamente, dovremo andare ad aggiungere abbastanza acqua da far aumentare il volume della soluzione fino a 1 L: 1 L - 0.0002 L = 0.9998 L, o 999.8 mL. In altre parole, dovremo aggiungere 999.8 mL d'acqua alla nostro piccolo campione di soluzione. La nostra nuova soluzione diluita, a questo punto, avrà una concentrazione di 1mM, che era proprio quello che volevamo ottenere fin dall'inizio. Come avrete notato, si tratta di una procedura piuttosto semplice: basta applicare correttamente le formule e si riuscirà a diluire le soluzioni senza alcun problema.

56

Guarda il video

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come Realizzare Un Alimentatore Da Laboratorio Con Un Comune Atx

Per i lavori in laboratorio è spesso necessaria una certa quantità di energia elettrica per alimentare gli strumenti elettronici. In questa guida descriverò come costruire passo-passo un alimentatore da banco (o da laboratorio) utilizzando comunissimi...
Università e Master

Appunti di chimica: soluzioni tampone

Molte soluzioni acquose sono capaci di mantenere inalterato il proprio pH anche dopo l'aggiunta di piccole quantità di acidi o di basi e vengono definite soluzioni tampone. Questi tipi di analisi chimiche vengono utilizzate molto non solo per le analisi...
Università e Master

Come verificare sperimentalmente il principio di Archimede

Archimede da Siracusa fu probabilmente il più famoso matematico, fisico ed inventore di tutta l'antichità. Egli si ricorda anche per l'invenzione degli specchi ustori che vennero adoperati durante la guerra per bruciare le vele delle navi nemiche. La...
Università e Master

Come scrivere una relazione scientifica

Scrivere una relazione scientifica vuol dire creare un testo avente l'obiettivo di informare sui risultati di studi ed esperimenti, mediante una struttura fissa ed un metodo definito appunto scientifico. I destinatari di questa informazione sono gli addetti...
Università e Master

Come superare l'esame di patologia clinica

La patologia clinica (o medicina di laboratorio) rappresenta un esame che richiede la conoscenza molto approfondita della disciplina universitaria patologia generale: infatti, si tratta di due materie accademiche strettamente correlate ed interdipendenti....
Università e Master

Come prevenire il tumore al seno

Per sconfiggere il temuto tumore al seno, oggi si hanno a disposizione nuove e raffinate indagini di laboratorio, utili sia per "scovarlo" al suo esordio sia per frenare la sua avanzata, con probabilità di successo sempre più elevate. In questa guida...
Università e Master

Come Conservare Le Cellule Competenti

Le cellule competenti sono indispensabili nel corpo umano, in quanto in grado di far penetrare del DNA al proprio interno, consentendo quindi di trasformarle. Tuttavia molte specie batteriche possono essere modificate anche artificialmente in laboratorio,...
Università e Master

Come preparare un gel di agarosio

L'agarosio è un poligalattoside estratto dalle alghe rosse marine. Si solubilizza in fase acquosa solo scaldando, e prende consistenza gelatinosa dopo il raffreddamento a temperature inferiori ai 45-50°C. Questo ciclo è reversibile, è possibile infatti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.