Come diagonalizzare una matrice

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

A chiunque di noi abbia compiuto degli studi superiori o universitari nel campo della matematica o delle scienze applicate alla matematica (ad esempio studi ingegneristici o relativi all'architettura) sarà senz'altro capitato di imbattersi nello studio delle Geometria analitica e delle matrici e sistemi di matrici. La loro soluzione prevede una serie di operazioni matematiche, tra cui la diagonalizzazione di una matrice. Diagonalizzare una matrice A comporta ottenere una matrice affine in cui gli unici elementi non nulli si trovano sulla diagonale. Ma quali e come sono questi elementi? Sono derivati dagli autovettori, ottenuti tramite gli autovalori, ossia valori per i quali: |A-kB|=0, dove k è uno scalare e B è la matrice identica.

26

Occorrente

  • Nozioni basilari sugli autovalori e gli autovettori.
  • Saper calcolare il determinante di una matrice.
  • Saper trovare una base di un sottospazio.
36

Facciamo un esempi pratico per illustrare questa procedura rosolutiva prendendo un esame un comune esercizio esemplificativo: dato il seguente endomorfismo: a (x, y, z)=(-x z, -y-2z, 2x-y-z), dire se è diagonalizzabile e trovare la matrice che diagonalizza e quella diagonalizzata. La risoluzione di questo esercizio è possibile in maniera semplice e corretta seguendo la metodologia illustrata qui di seguito:. Costruiamo la matrice associata all'endomorfismo esprimendola come vettori, e in cui ogni vettore rappresenta una riga: A=[(-1,0,1); (0,-1,-2); (2,-1,-1)]. Costruiamo, ora, la matrice identica B moltiplicata allo scalare k: kB=[(k,0,0); (0, k,0); (0,0, k)]. Per diagonalizzare la matrice, deve accadere che il determinante di A-kB sia uguale a 0.

46

|A-kB|= |(-1-k,0,1); (0,-1-k,-2); (2,-1,-1-k)|=(-1-k)*(1 k^2 2k-2)-2*(-1-k). Mettendo a fattor comune, si ottiene: (-1-k)(k^2 2k-3). Da qui si ottengono tre autovalori differenti, k (1)=-1, k (2)=1 e k (3)=-3, che hanno tutti molteplicità algebrica uguale a 1. Per questo motivo, dato che vale la relazione: 1<=molteplicità geometrica<=molteplicità algebrica, e visto che, per essere diagonalizzabile deve essere: molteplicità algebrica=molteplicità geometrica, risulta banalmente che, in questo caso, molteplicità algebrica=molteplicità geometrica, visto che quest'ultima risulta compresa tra 1 e 1 e perciò è uguale a 1. La matrice, quindi, risulta essere diagonalizzabile.

Continua la lettura
56

La matrice che diagonalizza è formata dagli autovettori, perciò dobbiamo calcolare questi ultimi, andando a sostituire nella matrice (A-kB) ogni autovalore. Calcoliamo l'autovettore associato all'autovalore k (1)=-1. V (-1)=[(0,0,1); (0,0,-2); (2,-1,0)]. Questa matrice ha rango 2, quindi ha dimensione: dim[V (-1)]=3-2=1. Una base è, ad esempio, B[V (-1)]=[(1,2,0)]. Calcoliamo l'autovettore associato all'autovalore k (2)=1. V (1)=[(-2,0,1); (0,-2,-2); (2,-1,-2)]. Questa matrice ha dimensione 1, e una sua base è, ad esempio, B[V (1)]=[(-1,-2,2)]. Operando nello stesso modo per l'ultimo autovalore, si ottiene che: B[V (-3)]=[(-1,2,2)]. La matrice che diagonalizza, chiamata P, è data dagli autovettori (le basi calcolate) messe in colonna: P=[(1,-1,-1); (2,-2,2); (0,2,2)]. La matrice diagonalizzata, invece, per le disposizioni nella matrice che diagonalizza, è: D=[(-1,0,0); (0,1,0); (0,0,-3)]. Tramite il procedimento illustrato in precedenza potrete diagonalizare con successo una matrice ogniqualvolta ne abbiate la necessità a patto che non vengano saltati passaggi a causa di una eccessiva fretta nella risoluzione e che non vi siano errori intrinsechi nello svolgimento dell'esercizio, nel qual caso l'intero risulttao finale risulterà compromesso e conseguentemente errato.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Prima di fare esercizi sulla diagonalizzazione, esercitarsi sul calcolo di dimensione e base di endomorfismi.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come risolvere una matrice con il metodo di Kramer

Il metodo di Cramer, o regola di Cramer, a volte anche metodo o regola di Kramer, è un procedimento inventato dal matematico Gabriel Cramer nel XVIII secolo che può essere utilizzato per risolvere sistemi di equazioni lineari. Più precisamente, il...
Università e Master

Come ridurre una quadrica in forma canonica

Una quadrica, nel linguaggio " geometrico", è la superficie di uno spazio dimensionale rappresentato da un'equazione polinomiale nelle coordinate spaziali, ed è rappresentata da un’equazione di secondo grado in coordinate cartesiane nello spazio....
Università e Master

Teorema di Laplace: dimostrazione

Lo studio è stato parte integrante durante la nostra adolescenza, materie che si intrecciavano tra loro facendoci a volte palpitare, ma nello stesso tempo incuriosire e affascinare, in questa guida cerchiamo di capire Teorema di Laplace: dimostrazione,...
Università e Master

Teorema di diagonalizzabilità: dimostrazione

Il teorema di diagonalizzabilità è un pilastro dell'algebra lineare che ci aiuta a dare spiegazioni di tipo pratico in altri campi dello studio moderno come la meccanica strutturale o semplicemente a chiarirci come un comportamento fisico, descritto...
Università e Master

Come trovare gli estremi liberi in una funzione

In questa guida spiegherò come trovare gli estremi liberi, relativi o assoluti, di una funzione in due o più variabili. È' una nozione fondamentale per lo studio di alcuni esami universitari, in particolare Analisi 2. Non è un argomento estremamente...
Università e Master

Il Teorema di Rouché-Capelli

In Algebra lineare, il Teorema di Rouché-Capelli enuncia che un sistema lineare di m equazioni a n incognite ha soluzione, se e solo se, il rango della matrice incompleta è uguale al rango della matrice completa del sistema (Definizione Geometria Lineare)....
Università e Master

Come calcolare la traccia del prodotto di matrici di Dirac

Se state studiando presso l'università di fisica, molto probabilmente il vostro corso di studi sarà osteggiato dalle matrici di Dirac. Riuscire a calcolare questo prodotto è, infatti, estremamente complesso, e proprio per questo motivo, nei passi seguenti...
Università e Master

Teorema di Hamilton-Cayley: dimostrazione

Il Teorema di Hamilton-Cayley si esprime nella seguente modalità: se "T: V --> V" rappresenta un endomorfismo di uno spazio vettoriale su "R", il polinomio caratteristico "p (T)" è nullo. Ciò significa che, qualora si consideri una matrice quadrata...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.