Come determinare zuccheri e saccarosio tramite misura polarimetrica

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

L'alimentazione definisce le nostre energie fisiche, muscolari, energetiche, componenti di totale importanza per essere efficienti e forti. In queste poche righe, cercheremo di capire: come determinare zuccheri e saccarosio tramite misura polarimetrica. Cominciamo col dire che l'alimentazione è fatta di cibi solidi e bevande, ognuna con componenti differenti a livello di nutrimento e di vitamine, nelle bevande alcoliche come vini e liquori ci sono aggiunte di zuccheri riducenti oppure del cosiddetto saccarosio, ci sono procedure analitiche che determinano ulteriori componenti.

26

Occorrente

  • matraccio tarato da 100 ml e un'altro tarato da 200 ml
  • becher da 250 ml e pipetta da 100 ml, solfato di sodio
  • Pentolino per bagnomaria
  • Vino
36

Questa procedura, è molto semplice e non richiede attrezzature o laboratori troppo sofisticati e non comportano particolari rischi durante la sua esecuzione, questa misura è utilizzata molto spesso nello svolgimento delle analisi richieste per il controllo di vini o altre bevande sospette di aggiunte, che sappiamo non fanno bene al nostro organismo. Prendiamo in considerazione una bevanda alcolica e andiamo a sottoporla a tale misura, la teoria applicata a questa procedura è legata ad analisi di tipo ottico (tramite indicatori), e viene svolta inserendo una pipetta di 100ml nel vino, poi inserirla nel becher da 250ml e neutralizzarla con una soluzione di KOH 1 M, facciamo evaporare l'alcool tenendo a bagnomaria con acqua molto calda.

46

Procedure semplici, ma richiedono sempre l'occhio attento di esperti e professionisti del campo. Continuiamo a travasare il liquido nel matraccio tarato da 200 ml e dopo questi passaggi, ricordiamoci di risciacquare accuratamente l'attrezzatura che siamo andati ad utilizzare lasciandola ad asciugare per bene, aggiungiamo ancora nel matraccio 5 ml di piombo acetato, a questo punto, procediamo aggiungendo goccia per goccia, la soluzione satura di solfato di sodio, in modo tale che l'eccesso di piombo possa facilmente precipitare sul fondo ed essere rimosso o comunque in modo che non intralci l'esperimento e l'analisi in corso.

Continua la lettura
56

Se le aspettative non sono quelle attese, dobbiamo portare il contenuto a volume con acqua e quindi agitare energicamente la soluzione per qualche minuto, filtriamo per bene la soluzione ottenuta mediante l'utilizzo di un filtro a pieghe, (facendo attenzione che esso sia ben asciutto al momento dell'uso), per determinare un'inversione del saccarosio, inseriamo tramite pipetta 50 ml di filtrato in un matraccio da 100 ml e aggiungiamo 5 ml di acido cloridrico d= 1,10 g/ml, scaldiamo a bagnomaria per 15 minuti per poi farla raffreddare sotto un getto di acqua corrente. Concludere in poche righe non è giusto nei confronti di chi ha studiato e lavora per noi, ma documentarsi ci torna utile per non perdere passaggi importanti non visti da noi.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Usiamo sempre guanti protettivi e teniamo il materiale fuori dalla portata dei bambini
  • Dopo l'esperimento ripuliamo con cura l'attrezzatura

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Biologia: proteine, zuccheri e grassi

La Biologia è lo studio della vita (Bio = vita e Logos = studio), essa studia le sostanze organiche e inorganiche. Le sostanze organiche principali sono: gli zuccheri, le proteine, gli alcoli o idrocarburi, i grassi e gli acidi nucleici (DNA e RNA)....
Superiori

Appunti di chimica: la fermentazione alcolica

La fermentazione alcolica è un processo di fermentazione anaerobica che richiede undici enzimi che degradano nell'acido lattico. La fermentazione alcolica segue la stessa via enzimatica per i primi dieci enzimi; l'ultimo enzima, il lattato deidrogenasi,...
Superiori

Come calcolare il punto di congelamento

Le proprietà colligative sono quelle proprietà di soluzioni che dipendono dal numero di particelle disciolte in una soluzione ma non sulle identità dei soluti. Per una buona approssimazione, non importa se il sale disciolto in acqua è il cloruro di...
Superiori

Come calcolare il punto di congelamento e di ebollizione

All'interno della presente guida andremo ad occuparci di calcoli, e più specificatamente, ci occuperemo di comprendere il metodo che ci permetta di capire come andare a calcolare sia il punto di congelamento e sia il punto di ebollizione.Lo faremo in...
Università e Master

Come Fare Un Elettroforesi Su Gel Di Poliacrilammide

L'elettroforesi è una tecnica analitica e separativa, basata sul movimento di particelle elettricamente caricate immerse in un fluido, per effetto di un campo elettrico applicato mediante una coppia di elettrodi al fluido stesso. In questa guida, in...
Università e Master

Come ottenere una soluzione chimica Meno Concentrata

La chimica è una delle materie più importanti per tutti coloro che decidono di intraprendere gli studi scientifici, ovvero che decidono di frequentare un istituto tecnico industriale oppure un liceo scientifico. Uno degli elementi fondamentali su cui...
Università e Master

Come fare un'elettroforesi orizzontale

L’elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l’influenza di un campo elettrico. La mobilità della particella dipende dalla forza elettrostatica netta che agisce sulla particella. Nell’elettroforesi su gel c’è un mezzo di...
Superiori

Chimica: le sostanze pure

In chimica una sostanza pura è formata da materia che presenta una composizione costante con delle proprietà caratteristiche; non può essere separata in componenti con metodi di separazione fisica (vale a dire senza rompere legami chimici). Può essere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.