Come determinare un bipolo ideale

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

Il bipolo rappresenta una rete elettrica complessa e di cui non si conosce la composizione interna, che può essere accessibile solo utilizzando una coppia di morsetti. Il risultato interessante è il comportamento attuato esternamente in termini di relazione tensione-corrente. La definizione fornita da Wikipedia, per quanto possa essere corretta e schematica, non è molto intuitiva per coloro che non hanno grandissime conoscenze di elettronica ed è per questo che nella seguente guida proveremo a spiegare questo concetto in termini semplici, in modo da permettere a tutti di capire come determinare un bipolo ideale.

26

Occorrente

  • esperienza
  • studio
36

La prima cosa che dobbiamo fare per cercare di determinare un bipolo, è di certo quella di definire come generatore ideale, quel bipolo che mantiene ai sui capi una tensione costante, indipendentemente dal verso e dalla intensità della corrente che lo attraversa. Il simbolo di un bipolo ideale deriva di certo, da quello del generatore reale, ponendo sempre il caso che ci sia una resistenza interna nulla equivalente a Ri = 0. Pertanto, tale bipolo lo andremo ad indicare con una corrente pari a I0, indipendentemente dal verso ed anche indipendentemente dalla tensione presente ai suoi capi.

46

Come possiamo tranquillamente vedere per bene nella figura, che abbiamo deciso di proporre in questa guida, il simbolo deriva da quello del generatore reale. Il cortocircuito ideale è in pratica un conduttore ideale, pertanto la regola generale che andremo sempre ad applicare in questo tipo di dispositivi riguarda il fatto che ci deve sempre essere una tensione nulla, per qualsiasi tipo di corrente. Graficamente, si rappresenta come nella figura sottostante, qualsiasi sia il valore di Uab.

Continua la lettura
56

Una delle caratteristiche del bipolo è data dalla trasformazione di energia, che può essere calcolata in maniera matematica utilizzando il lavoro compiuto nell'incorporare e nel rilasciare energia. Un bipolo può essere definito ideale se esso risulta lineare a prescindere dai valori di tensione o di corrente che vengono immessi o calcolati. Per un bipolo lineare la figura data dal diagramma del rapporto tra tensione e corrente consiste in una retta passante per l'origine del piano. Un circuito duale è concettualmente paragonabile ad un cortocircuito aperto in quanto, a prescindere dal valore di tensione applicata, la corrente risulta sempre nulla. I bipoli lineari esistono solo in condizioni particolari e sono più che altro utilizzati per fornire una definizione al concetto di bipolo.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come Risolvere Una Trasformazione Isocora Per Un Gas Ideale

La fisica ci insegna che i c. D. "gas ideali" (quelli che rispettano, contemporaneamente, la legge di Boyle-Mariotte e la prima e la seconda legge di Gay-Lussac) nella realtà non esistono. Tuttavia sappiamo che vi sono sostanze gassose che, in particolari...
Università e Master

Come organizzare l'ambiente ideale per lo studio

Organizzare l`ambiente in cui si studia è molto importante, se non indispensabile, per riuscire a concentrarsi nella maniera ottimale. Studiare in ambienti rumorosi, caotici, affollati, così come con la televisione accesa, abbassa notevolmente la qualità...
Università e Master

Come Determinare La Composizione Di Miscele Gassose Con Il Metodo Di Assorbimento

I metodi di cui la chimica analitica si avvale per determinare la composizione di miscele gassose sono sostanzialmente due: il metodo di assorbimento e il metodo di combustione. Generalmente i gas inerti, quali l'azoto e i gas nobili (ad esempio elio,...
Università e Master

Come determinare le caratteristiche chimiche degli elementi

Gentili lettori, all'interno della guida che seguirà, mi dedicherò a parlare di una materia specifica: la chimica. Nel particolare, questa sarà l'occasione per scrivere qualcosa sulla determinazione delle caratteristiche chimiche degli elementi.Ma...
Università e Master

Come Determinare Il Punto Di Fusione Di Composti Organici Cristallini

Il punto di fusione è abbastanza importante per le sostanze chimiche. Esso, insieme al punto di ebollizione e al punto di solidificazione, costituisce l'indice termico del composto. Il punto di fusione è la temperatura alla quale un solido ed un liquido...
Università e Master

Come determinare il genotipo degli zigoti con il metodo del quadrato di Punnett

Per zigote si intende la cellula diploide che si forma dalla fecondazione del gamete femminile (cellula uovo) da parte del gamete maschile (spermatozoo).Entrambi i gameti sono cellule aploidi. Ovvero, possiedono una sola copia del corredo cromosomico...
Università e Master

Come determinare i genotipi dei gameti

Una tra le scoperte più importanti dal punto di vista scientifico riguarda i genotipi dei gameti. I genotipi rappresentano l'insieme di tutti i geni che compongono il DNA di un essere vivente e che determinano lo sviluppo di un organismo. Gli individui...
Università e Master

Come Determinare Il Fruttosio, Il Glucosio E Il Saccarosio In Alcuni Alimenti

Una corretta alimentazione che non sia priva di alcuna sostanza utile al benessere dell'organismo è davvero importante per preservarci dagli attacchi esterni. Molti alimenti sono ricchi di zucchero, come fruttosio, glucosio e saccarosio e spesso dobbiamo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.