Come determinare l'umidità di un alimento

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

In chimica ci sono moltissimi metodi ed esperimenti che ci consentono di controllare di tutto dalle molecole d'aria che ci circondano all'umidità, e in riferimento a quest'ultima grazie a questi studi è possibile anche conoscere quanta se ne trova negli alimenti. Per determinare ciò è necessario adottare alcune tecniche specifiche, per cui nei passi successivi troviamo una guida che ci consente di sapere come ottimizzare il risultato.

25

Occorrente

  • Stufa
  • Omogeneizzatore (o mortaio di porcellana)
  • Essiccatore
  • Bilancia analitica (precisione 1 mg)
  • Pinze di acciaio
  • Becher da 50 ml (o vaschetta di alluminio); oppure recipienti di metallo inossidabile a chiusura ermetica e provvisti di coperchio
  • Alimento solido (Pane, farina, caffè)
  • Acqua di grado analitico
  • Coperchio
35

Il procedimento di determinazione dell'umidità è un metodo abbastanza semplice e che consente di determinare la perdita di massa dopo il processo di essiccazione. La prima cosa che bisogna fare è scegliere il contenitore adatto e pulirlo in maniera accurata, sciacquandolo poi con acqua distillata cioè pura. Dopo aver fatto ciò è importante sottolineare che per maneggiare il contenitore bisogna usare esclusivamente le pinze. Adesso il contenitore da voi scelto va posto nella stufa preriscaldata a 105° per 30 minuti. Trascorso tale tempo bisogna lasciarlo raffreddare per almeno 10 minuti nell'essiccatore. Adesso si deve determinare la tara di 0,5 mg, mediante un'apposita bilancia da laboratorio.

45

A questo punto bisogna triturare finemente o macinare l'alimento da analizzare scelto (se utilizzate l'omogeneizzatore bisogna evitare di far surriscaldare l'alimento). Sempre con l'ausilio di una bilancia analitica, pesate 5 grammi del prodotto macinato all'interno del recipiente tarato, con 1 mg di approssimazione. Ripartirlo in modo uniforme. Il recipiente va posto ora in una stufa preriscaldata a 130°C per almeno due ore. Controlla la perfetta tenuta dell'essiccatore: eventualmente puoi spalmare un sottile strato di silicone sui bordi del coperchio per farlo aderire meglio. Controlla con attenzione lo stato del disseccante: è importante assicurarsi che il cloruro di calcio non risulti eccessivamente liquido. Non dimenticare di controllare anche il gel di silice, che dovrà risultare di colore azzurro (in caso contrario va messo in stufa a 105°C).

Continua la lettura
55

Mettete ora il coperchio sul contenitore ed estraetelo delicatamente dalla stufa e lasciatelo poi raffreddare nell'essiccatore per 30/40 minuti. A questo punto pesate di nuovo il campione avente un'approssimazione di 1 mg. Il contenuto dell'umidità (X) viene determinato nel seguente modo ed è espresso in percentuale: X = (m - m0) / m x 100 Dove: m è il peso iniziale della quantità di prodotto scelto per l'analisi, e m0 è il peso del campione dopo essere stato sottoposto all'essiccazione. Con questi passaggi siamo stati quindi in grado di determinare con estrema precisione l'umidità presente nell'alimento esaminato.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come Determinare La Percentuale In Ceneri Di Un Alimento

Il valore delle ceneri si ottiene bruciando un campione di prodotto sotto determinate condizioni, ottenendo un residuo inorganico. In questo modo si può avere un’idea della quantità di sostanza minerale. L’utilità di questo valore dipende dalla...
Università e Master

Come includere in paraffina un preparato istologico

Prima di procedere al taglio al microtomo, quando si effettuano in laboratorio dei prelievi di campioni istologici, bisogna necessariamente includerli per renderli solidi. Spesso le difficoltà principali sono quelle che derivano dall'inclusione di pezzi...
Università e Master

Come Fare Un Immunocitochimica Indiretta

La reazione di immunocitochimica (ICC) permette di localizzare sostanze nelle cellule e nei tessuti mediante reazioni tra antigeni e anticorpi opportunamente marcati; grazie alle proprietà di determinati reagenti si formeranno prodotti di reazione colorati...
Università e Master

Come Affettare Al Microtomo Un Campione Di Tessuto Incluso In Paraffina

Perché un tessuto possa essere osservato al microscopio ottico deve essere sufficientemente sottile da permettere alla luce di attraversarlo. Per questo motivo, prima dell'esame microscopico, i tessuti vengono sempre suddivisi in sezioni sottilissime,...
Università e Master

Come Determinare gli acidi grassi dell'olio

Nella seguente semplice e rapida guida che vi andrò ad enunciare immediatamente nei passaggi successivi, vi spiegherò molto brevemente, ma comunque dettagliatamente, qual è la procedura maggiormente opportuna che bisogna assolutamente seguire per riuscire...
Superiori

Algoritmi per l'approssimazione degli zeri di una funzione

Calcolare uno zero in una funzione a variabile reale, nella forma f (x) o in una forma equivalente, è un problema matematico che si presenta spesso nei laboratori di informatica. In un’equazione nella forma f (x)=0 trovare una radice reale, significa...
Elementari e Medie

Come approssimare un numero decimale

I numeri che tutti conosciamo sono distinti in vari insiemi. I numeri decimali, in particolare, fanno parte dell'insieme dei numeri reali che comprende tutti i numeri esprimibili: positivi e negativi, con e senza virgola. I numeri decimali possono avere...
Superiori

Teorema di approssimazione di Weierstrass: dimostrazione

Per il teorema di limitatezza delle funzioni continue (che dice che presa una funzione continua su un intervallo chiuso, essa è limitata nell'intervallo, ovvero ammette un numero C>0 tale che la funzione è minore o uguale a C per ogni punto dell'intervallo),...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.