Come Determinare Le Ceneri Insolubili In Acido Cloridrico

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

L'acido cloridrico è un acido minerale forte, monoprotico, ed è il principale costituente del succo gastrico. L'acido cloridrico è uno dei liquidi più corrosivi esistenti, quindi deve essere maneggiato con attenzione. Merceologicamente al nome di acido muriatico corrisponde una soluzione di HCl a concentrazione 10%, spesso di colore giallo per via della presenza di ioni di ferro (II). Sono moltissime le cose da sapere per quanto riguarda questo particolare e specifico argomento, ma leggendo con molta attenzione riuscirai sicuramente a memorizzare ogni cosa senza troppe difficoltà. In questo modo, potrai evitare di rivolerti ad un professionista, per farti impartire costose lezioni private. Così facendo, riucirai a risparmiare una certa somma di denaro, cosa che al giorno d'oggi risulta essere fondamentale. A questo punto, non ti rimane che continuare a leggere con molta attenzione le interessanti informazioni riportate nei successivi passi, per comprendere in modo facile e veloce come determinare le ceneri insolubili in acido cloridrico.

26

Occorrente

  • capsula di quarzo
  • muffola
  • essiccatore
  • bilancia analitica
  • frangifiamma
  • triangolo refrattario
  • acqua ossigenata al 3,5%
  • acido nitrico concentrato
  • acido cloridrico HCl al 10%,
  • vetro da orologio
  • filtro di carta
36

Dunque, la prima cosa che dovrai fare, risulta essere precisamente quella di calcinare una capsula di quarzo in muffola a 550 °C per circa un'ora. Fai poi raffreddare perfettamente in essiccatore e procedi alla pesata su bilancia analitica. A questo punto devi pesare nella capsula tarata, all'incirca cinque grammi di prodotto macinato finemente. Subito dopo procedi esattamente all'incenerimento su fiamma diretta, prima in maniera lenta, impiegando un frangifiamma, e poi con un triangolo refrattario. Esegui questa operazione fin quando i fumi bianchi non saranno scomparsi.

46

Per continuare metti in muffola la capsula a 550 °C. Il campione va lasciato in muffola per almeno sei ore. Nel caso in cui le ceneri, dopo aver subito tale trattamento, non dovessero essere completamente bianche ma presentassero invece un colore grigiastro dovrai aggiungere alcune gocce di acqua ossigenata al 3,5% oppure di acido nitrico concentrato quanto basta ad umettarle completamente. Prosegui poi portando a secco su piastra riscaldante oppure a bagnomaria. Poni in muffola per almeno un'ora.

Continua la lettura
56

Dopo aver tolto le ceneri dalla muffola, falle raffreddare accuratamente e successivamente aggiungi ad esse 25 mldi HCl al 10%. Copri poi tutto con un vetrino da orologio, metti a bagnomaria e lascia bollire per circa cinque minuti. Successivamente procedi alla filtrazione su un filtro di carta senza ceneri e poni il filtro nella capsula originaria. È il momento di far incenerire lentamente il filtro e di mettere in muffola alla temperatura di 700 °C per almeno un'ora. Prosegui raffreddando nell'essiccatore e pesando su bilancia analitica.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come convertire l'acido maleico in acido fumarico

Veramente interessante da conoscere quando si frequenta un istituto scolastico riguardano le nozioni riguardanti la chimica. Durante le ore riservate alla presente materia, vengono trattate le caratteristiche fondamentali della materia e le sue diverse...
Università e Master

Come Effettuare Una Titolazione Acido-base

Una titolazione acido-base, è un procedimento che permette di determinare la quantità di acido (o base) presente in una soluzione misurando il volume di una soluzione a concentrazione nota di base (o acido), necessario per raggiungere la neutralizzazione...
Università e Master

Come sintetizzare l'acido acetilsalicilico

Sintetizzare l'acido Acetilsalicilico sappiamo bene che non è un'operazione facile e potremmo aver bisogno di aiuto nel farlo. Questo è ciò che si propone questa guida, infatti. Darvi degli aiuti e dei consigli per rendere quest'operazione nel modo...
Università e Master

Come eseguire un'apertura dell'epossido in acqua e acido

Gli epossidi sono Eteri ciclici con anelli a tre termini. Precisamente, l'anello è costituito da due atomi di carbonio e un atomo di ossigeno. Il ciclo può essere aperto ponendo la molecola in acqua in presenza di un acido. La molecola di H2O è fondamentale...
Università e Master

Come Fare Una Idratazione Acido Catalizzata Di Un Alchene

In questa guida andrete a capire come fare una idratazione acido catalizzata di un alchene. Per l'appunto si tratta di una reazione chimica. E come in tutte le reazioni chimiche si ha uno scambio di energie chimiche. Pertanto ci sono scambi di elettroni...
Università e Master

Come determinare il contenuto in grasso nel latte

Il latte è un alimento eccezionale. Completo e gustoso, nutre i mammiferi nel loro primo stadio di vita. Ricco di calcio, vitamine A, B e D, contiene i principali amminoacidi indispensabili all'organismo. Il latte si presenta come un liquido opaco, di...
Università e Master

Come determinare sperimentalmente il grado di acidità di un olio d'oliva

Quando si parla di olio extravergine di oliva molto spesso si fa riferimento alla sua acidità ed in effetti tale parametro è importante perché è un indicatore che riesce a sintetizzare una valutazione complessiva sulla qualità chimica. Il problema...
Università e Master

Come determinare le caratteristiche chimiche degli elementi

Gentili lettori, all'interno della guida che seguirà, mi dedicherò a parlare di una materia specifica: la chimica. Nel particolare, questa sarà l'occasione per scrivere qualcosa sulla determinazione delle caratteristiche chimiche degli elementi.Ma...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.