Come determinare l'analisi dei protidi grezzi con il metodo Kjeldhal

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Il metodo Kjeldahl è un metodo analitico messo a punto dal chimico danese Johan Kjeldahl che permette di determinare il contenuto in azoto di sostanze organiche e inorganiche. Il campione (0,5-5 g) viene riscaldato tramite piastra riscaldante ad alta temperatura (~400 °C) dopo essere stato miscelato con acido solforico (18-25 ml) concentrato al 96-98% e con l'aggiunta di Na2SO4 o K2SO4 quale coadiuvante (permette di elevare il punto di ebollizione dell'acido solforico) e di un catalizzatore. Questo processo trasforma tutto il materiale organico in anidride carbonica e acqua (quest'ultima ad alta temperatura evapora), tutti i sali trasformati in solfati (spostati dall'acido solforico), tutto l'azoto proteico (-NH2) presente si trasforma in solfato di ammonio ((NH4)2SO4). È di fondamentale importanza in campo alimentare conoscere sia la qualità che la quantità dei principi nutritivi presenti negli alimenti. Si ricorre, pertanto, ad una serie di procedure di laboratorio note nell'insieme con il nome di analisi chimica standard degli alimenti. Di questa serie di procedure sperimentali fa parte il metodo di Kjeldhal per l'analisi dei protidi grezzi. È il metodo usato ufficialmente per determinare la quantità di azoto presente negli alimenti e prevede le seguenti fasi: digestione, distillazione e titolazione. Nei passi della guida a seguire sarà illustrato come determinare l'analisi sei protodi grezzi con il metodo Kjeldhal.

25

Occorrente

  • campione da analizzare finemente macinato
  • pallone Kjeldhal
  • bilancia analitica
  • miscela di catalizzatori
  • acido solforico concentrato
  • acido borico
  • digestore
  • raccoglitore dei fumi
  • beuta da 250 ml
  • pipetta da 10 ml
  • indicatore
  • apparecchiatura per la distillazione
  • pallone 40 ml
  • soda al 32%
  • cartina al tornasole
35

Per cominciare il procedimento, è opportuno che tu pesi il campione finemente macinato e che lo introduca quantitativamente nel pallone Kjeldhal. Prosegui pesando indicativamente sull'apposita bilancia analitica un grammo per prodotti contenenti circa il 10% di proteine. A seguire, aggiungi circa cinque - otto grammi della miscela dei catalizzatori e poi quindici ml di acido solforico concentrato.

45

Nella seconda fase, poni il pallone Kjeldhal nel digestore, o su fiamma sigillando bene il raccoglitore dei fumi ed azionando la pompa per la loro raccolta. Riscalda prima piano, fino alla formazione dei fumi, poi più intensamente. A digestione ultimata il contenuto del pallone diventerà limpido, passando dalla colorazione nera, evidenziata dalla presenza di residui carboniosi, ad una verdastra, dovuta ai sali di rame.

Continua la lettura
55

A questo punto prosegui l'ebollizione per ancora altri 10 minuti e poi lascia tranquillamente raffreddare. In seguito, in una beuta da 250 ml, pipetta 10 ml di acido borico ed aggiungi qualche goccia di indicatore. Addiziona acqua a sufficienza nel pallone Kjeldhal, circa 400 ml per distillazione diretta ed inseriscilo nel distillatore. Aggiungi attraverso l'apposito distributore sovrastante il pallone 40 ml di soda al 32%: si sviluppa ammoniaca gassosa. Essa deve essere poi raccolta in una soluzione di acido solforico. Procedi, infine alla titolazione con soda. In base alla quantità di ammoniaca liberata è possibile calcolare la quantità di azoto. Moltiplicando il valore in azoto per il coefficiente 6,25 ottieni la concentrazione di proteine presenti nell'alimento.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come determinare il genotipo degli zigoti con il metodo del quadrato di Punnett

Per zigote si intende la cellula diploide che si forma dalla fecondazione del gamete femminile (cellula uovo) da parte del gamete maschile (spermatozoo).Entrambi i gameti sono cellule aploidi. Ovvero, possiedono una sola copia del corredo cromosomico...
Università e Master

Come applicare il metodo di Ritter

Quando si rivela necessario effettuare il calcolo di una travatura reticolare isostatica, possiamo ricorrere al metodo relativo alle sezioni di Ritter. Si tratta sostanzialmente di un teorema analitico che ci consente di determinare l'entità dello sforzo...
Università e Master

Come Effettuare l'analisi dei polifenoli dell'olio extravergine di oliva

L'olio extravergine d'oliva, è il condimento più sano che esiste in natura. Difatti è consigliato ed inserito in tutti i piani alimentari, a scapito di altri meno nobili. Per altro, la nostra nazione ha il vanto di averne la maggiore produzione sia...
Università e Master

Dosaggio Del Dna Con Metodo Colorimetrico

Il dosaggio del Dna è un passo importante dell'analisi scientifica, perché permette di specificare la quantità di materiale genetico estratto da una determinata cellula. Attraverso questo metodo, potremo capire come fare per calcolare la sua concentrazione...
Università e Master

Come passare l’esame di analisi matematica I

Tutti i percorsi di laurea riguardanti discipline tecnico-scientifiche come Ingegneria, Informatica, Scienze naturali ed Economia prevedono un corso di una disciplina che funge da base per l'insegnamento di Analisi Matematica I. Quest'ultima introduce...
Università e Master

Calcolo delle rimanenze: metodo del lifo

Il metodo del lifo valuta l'ammontare dell'inventario finale in un periodo di reporting. Questo è utile nelle seguenti situazioni: per periodi di intervalli tra i conteggi dell'inventario fisico e quando non è più presente l'inventario ed è necessario...
Università e Master

Come determinare le caratteristiche chimiche degli elementi

Gentili lettori, all'interno della guida che seguirà, mi dedicherò a parlare di una materia specifica: la chimica. Nel particolare, questa sarà l'occasione per scrivere qualcosa sulla determinazione delle caratteristiche chimiche degli elementi.Ma...
Università e Master

Come determinare zuccheri e saccarosio tramite misura polarimetrica

L'alimentazione definisce le nostre energie fisiche, muscolari, energetiche, componenti di totale importanza per essere efficienti e forti. In queste poche righe, cercheremo di capire: come determinare zuccheri e saccarosio tramite misura polarimetrica....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.