Come Determinare La Struttura Di Lewis Con La Carica Formale

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

La chimica è una materia molto apprezzata e particolarmente divertente per molti studenti che riescono a vedere come cambi la materia e come le soluzioni possano essere realizzate. Però per riuscire a comprendere in pieno la chimica è necessario conoscere le teoria e soprattutto come studiare le reazioni e particolarmente come indicare i composti e le sostanze. Molto spesso però si manifestano alcune insidie nella scrittura delle formule chimiche. Scrivendo per esempio la struttura di Lewis di alcuni composti, talvolta ci si può ritrovare in situazioni in cui è possibile scrivere due o più strutture, tutte apparentemente corrette. Però si pone il problema di come determinare quale sia quella corretta. Seguendo questa guida si imparerà tramite il criterio della carica formale come capire il procedimento corretto e attraverso lo svolgimento guidato di passo passo di un esercizio sarà possibile apprendere la procedura esatta.

26

Occorrente

  • Nozioni sulla struttura di Lewis.
  • Tavola periodica degli elementi.
36

Per capire come riconoscere la formula esatta si può considerare il seguente esercizio. Si potrebbe partire con lo scrivere la formula di Lewis del metanolo, CH4O. La risoluzione verrà eseguita con il metodo seguente.. Il metanolo è formato da 1 atomo di carbonio, 4 di idrogeno e 1 di ossigeno. Facendo la somma degli elettroni spaiati di tutti gli elementi, si ha che: C=1*4, H=4*1, O=1*6. Pertanto: 4 4 6=14. Questo vuol dire che si devono necessariamente sistemare all'interno della struttura 14 elettroni. Però, in questo caso, è possibile disporli in maniera apparentemente corretta in due modi (dipende anche da come vengono disposti gli atomi).

46

Per procedere si deve scrivere la prima formula di Lewis, legando tre atomi di idrogeno all'atomo di carbonio e legando quest'ultimo all'ossigeno (che ha 4 elettroni di non legame), il quale è legato, a sua volta, ad un atomo di idrogeno: 3H---C---O (4e-)---H. L'altra formula di Lewis che è possibile scrivere prevede l'atomo di carbonio (con due elettroni di non legame) legato a due atomi di idrogeno e all'ossigeno (con due elettroni di non legame), legato ad altri due atomi di idrogeno: 2H---C (2 e-)---O (2e-)---2H.

Continua la lettura
56

Per capire qual è la formula più corretta si deve utilizzare il metodo della carica formale: Cf=n (v)-n (e. A.)-1/2*n (e. L.), dove n°(v) è il numero di elettroni di valenza, n (e. A.) è il numero di elettroni non condivisi e n (e. L.) è il numero di elettroni di legame. Per avere la struttura più corretta, la carica formale deve essere 0, oppure quella in cui le cariche formali negative sono su atomi più elettronegativi. Perciò, nel caso di CH4O si ha: A) Cf (C)=4-1/2*(8)=0; Cf (0)6-4-1/2*4=0. B) Cf (O)= 6-2-1/2*6=1; Cf (C)= 4-2-1/2*6=-1. Quindi, la carica formale corretta è la prima. In questo modo è stato possibile capire semplicemente come riconoscere la carica formale corretta.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Fare molta pratica con le strutture di Lewis, perché molte volte si può arrivare alla formula più corretta utilizzando semplicemente l'elemento intuitivo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Chimica: la teoria degli orbitali di valenza

In chimica il legame di valenza (VB) rappresenta due teorie di base: insieme orbitale (MO) e teoria molecolare; queste teorie sono state sviluppate per utilizzare i metodi della meccanica quantistica per spiegare il legame chimico. Il legame si concentra...
Superiori

Come individuare le formule limite di una molecola

In chimica, viene definita con il nome di "ibrido di risonanza" una molecola la cui struttura reale è intermedia fra due o più possibili strutture di Lewis. Sappiamo infatti che le molecole sono originate dai legami che intercorrono fra gli atomi di...
Superiori

Chimica: regola dell'ottetto ed eccezioni

L'universo della chimica è un mondo pieno di varianti, spiegazioni e regole, nonché di persone, oggi molto famose, che ne hanno delineato i principi fondamentali. Hanno enunciato leggi, dissolto dubbi, scoperto nuove cose. Fra questi chimici c'è anche...
Superiori

Appunti di chimica

La chimica è la scienza che studia la composizione e le proprietà della materia.In particolare, si occupa di studiare le sue componenti microscopiche (atomi e molecole) e leinterazioni fra di esse sotto forma di reazioni chimiche. Due importanti branche...
Superiori

Come calcolare i livelli energetici dell'atomo di ferro

La chimica risulta spesso essere una materia ostica per la maggior parte degli studenti e li mette spesso in crisi durante gli studi. Quando si studia la configurazione elettronica degli atomi si cerca di capire la disposizione degli elettroni ed il loro...
Superiori

I legami chimici

I legami chimici sono forze di tipo elettrostatico che servono per tenere insieme atomi o molecole. Tale aggregazione è spontanea, in quanto gli atomi tendono a legarsi fra loro ogni qualvolta questo processo permette loro di ottenere una condizione...
Università e Master

Chimica: la teoria delle bande

La teoria delle bande riguarda il legame chimico presente nei metalli, elaborata in seguito alla teoria degli orbitali molecolari. Il legame metallico presenta un particolare interesse in quanto il reticolo cristallino di tali aggregati è tale da avere...
Superiori

Come calcolare la carica di uno ione

Gli ioni sono entità molecolari elettricamente cariche che si formano a partire da un atomo che perde o acquista uno o più elettroni. Tale fenomeno viene definito "ionizzazione". Gli atomi che perdono uno o più elettroni presentano una o piu cariche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.