Come determinare la capacità termica di un calorimetro

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il calorimetro è lo strumento con il quale si possono misurare quantità di calore, ma anche di calori specifici e le capacità termiche. Questo viene utilizzato principalmente per misurare il flusso di calore durante una trasformazione e questa fase risulta essere molto importante in quanto si può stabilire con precisione quanto calore viene assorbito dai componenti stessi come le pareti del recipiente, lo stesso coperchio, ma anche il termometro e l' agitatore. In questa guida spiegherò come determinare la capacità termica di un calorimetro.

27

Occorrente

  • calorimetro
  • termometri di diversa portata e sensibilità
  • fornello elettrico (o bunsen)
37

Per prima cosa occorre precisare che esistono vari tipi di calorimetri, ma quello più importante è "la bomba di Mahler" con il quale si stabilisce il calore di combustione di sostanze liquide e solide. Per iniziare si potrà porre un'uguale quantità d'acqua nel calorimetro in un apposito recipiente posizionato sul fornello. Procedere successivamente all'accensione del fornello: occorre cercare di riscaldare l'acqua fino ad una temperatura di circa 50-60 °C e rilevare con cura e attenzione sia la temperatura dell'acqua nel calorimetro (t1) sia che dell'acqua riscaldata (t2).

47

A questo punto si dovrà cercare di versare all'interno del calorimetro l'acqua calda: chiudendolo rapidamente e mescolando l'acqua contenuta all'interno con l'apposito miscelatore di cui il calorimetro è provvisto. Dopo qualche minuto, si avrà anche modo di notare come il livello del termometro, inserito nel tappo calorimetro, si sia fermato. Il calore della reazione viene assorbito quasi tutto dalla quantità di acqua presente all'interno. Tale livello corrisponde alla temperatura di equilibrio dell'intero sistema (tE): rileviamola con estrema cura ed anche attenzione! La capacità termica terrà conto anche del fatto che le sue componenti potrebbero assorbire il calore.

Continua la lettura
57

A questo punto occorre determinare la capacità termica del calorimetro utilizzando una formula tratta da un' equazione fondamentale della calorimetria: C (cal) = [m (calda) * c (acqua) * (t2 - tE) - m (fredda) * c (acqua) * (tE - t1)]/(tE - t1) dove C (cal) indica la capacità termica del calorimetro, m (calda) la massa di acqua calda, c (acqua) calore specifico dell'acqua, m (fredda) la massa di acqua fredda. Se se decide anche di impiegare per effettuare il calcolo le unità di misura del Sistema Internazionale, non bisogna mai dimenticare di utilizzare per il calore specifico dell'acqua il valore 4186 J/(kg * °C) e per le masse i chilogrammi.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Con la buona volontà e voglia di fare, grazie al metodo del fai da te, saremo in grado di realizzare, con le nostre mani, qualcosa di davvero unico e molto speciale, diverso dal comune!
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Fisica: dalla temperatura al calore

Tra gli argomenti più interessanti di fisica c'è sicuramente la spiegazione del come si fa ad arrivare dalla temperatura al calore. L'energia termica è più intensa in sostanze le cui molecole si muovono velocemente in un modo molto disordinato. Tale...
Superiori

Come capire la differenza tra calore e temperatura

Chiunque abbia intrapreso un indirizzo scientifico, potrà trovarsi nel proprio corso di studio a dover chiarire la differenza tra calore e temperatura. I due termini, il più delle volte considerati erroneamente sinonimi, si riferiscono a due nozioni...
Superiori

Come calcolare la capacità termica di un corpo

La capacità termica specifica è la quantità di calore necessaria per modificare la temperatura di una sostanza. L'acqua ad esempio, per aumentare la sua temperatura, richiede più tempo a bollire rispetto all'alcol. In altre parole, l'acqua ha una...
Superiori

Appunti di fisica: la dilatazione termica

La scuola è un luogo fondamentale dove poter studiare e approfondire le varie materie. Tra le tantissime materie troviamo l'italiano, la storia, la geografia, l'arte e la matematica. Quest'ultima è importante per calcolare al meglio qualsiasi cosa....
Superiori

Come studiare la conducibilità termica dei metalli

La chimica e la fisica sono due discipline che consentono di conoscere e di studiare i vari fenomeni che accadono ogni giorno in natura e tramite esse è possibile anche riprodurli in laboratorio o attraverso dei semplici esperimenti. Tra le tante nozioni...
Superiori

Come calcolare il coefficiente di dilatazione termica

In ingegneria e scienza dei materiali, l'espansione termica si riferisce al fenomeno attraverso il quale molti materiali ed alcune sostanze, come l'acciaio, si espandono con l'aumento della temperatura interna. Il coefficiente di dilatazione lineare misura...
Superiori

Come Calcolare la dilatazione termica di un corpo

Tutti i corpi, sottoposti ad una variazione di temperatura, subiscono deformazioni più o meno evidenti. Qualitativamente questo fenomeno si può giustificare nel seguente modo: qualsiasi aumento di temperatura di un corpo materiale è accompagnato da...
Superiori

Come avviene la propagazione del calore

Lo studio della propagazione è un importantissimo ramo della scienza che si occupa di studiare il flusso di energia termica nella materia, causato principalmente dalla differenza di temperatura. Infatti il colore, sia sotto forma di mori molecolari che...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.