Come determinare il sottospazio ortogonale

Tramite: O2O 01/10/2018
Difficoltà: media
16

Introduzione

In geometria, cioè nella disciplina che studia gli spazi, si devono definire sistemi di rifermento per poter proseguire nelle indagini. In generale in uno spazio a N dimensioni si può definire un sottospazio che possieda fino a N assi, anche se naturalmente se ne possono costruire di più piccoli. Non esiste una regola generale su come devono essere gli assi. Potrebbero formare angoli di ogni tipo fra loro, ed avere suddivisioni arbitrarie. Per comodità se ne usano ortogonali con suddivisioni tutte uguali per non dover fare troppi calcoli. Vediamo come si fa a determinare il sottospazio ortogonale.

26

Occorrente

  • Prontuario di algebra lineare
36

Sottospazio vettoriale

Dato uno spazio vettoriale V, in algebra lineare si ha sottospazio vettoriale, se si può estrarre un sottoinsieme di quello originale, che abbia proprietà tali da farne a sua volta uno spazio vettoriale. Per esempio sottospazi vettoriali sono le rette e i piani di uno spazio euclideo che passano per l'origine. Si definisca un campo K, uno spazio vettoriale V, ed un sottoinsieme non vuoto W di V. W è un sottospazio vettoriale di V su K se le operazioni di somma e moltiplicazione per scalare sono definite e W risulta chiuso rispetto ad esse. Se W è sottospazio vettoriale e "u" e "v" sono suoi elementi, la loro somma s=u+v è un elemento di W. Se c è uno scalare in K, c+u è un elemento di W se u è un elemento di W. Le condizioni di somma e moltiplicazione per scalare possono essere combinate e danno esiti in W. Si dicono "sottospazi banali" V e {0}.

46

Sottospazio ortogonale

Definito uno spazio vettoriale V se può estrarre un sottospazio W, come visto sopra con le stesse proprietà algebriche di quello originale. Da questo sottospazio W se ne può ricavare uno nuovo che chiameremo U, detto sottospazio ortogonale. Il sottospazio ortogonale è munito di prodotto scalare, e quando questo è definito positivo, si chiama complemento ortogonale. In parole povere il sottospazio ortogonale U è formato da vettori tutti ortogonali rispetto a W, che si calcolano con un processo algebrico lineare. La condizione di ortogonalità fra vettori si traduce in un prodotto scalare nullo, ossia v*u=0 dove v ed u sono vettori appartenenti al sottospazio e al complemento rispettivamente.

Continua la lettura
56

Calcolo del sottospazio ortogonale

Per calcolare il sottospazio ortogonale per prima cosa se ne deve determinare una base, cioè una N-upla di vettori di riferimento. Si parte dalla base S del sottospazio originale che definiamo come S=[s1....sn] dove gli "si" sono vettori che possono essere esplicitati nello spazio V. Si prende quindi la base S che è una matrice, e la si moltiplica per un vettore colonna C=[x...z] che definisce la base ortogonale. Il prodotto scalare S*C=0 risolto rispetto alle incognite espresse in C ci fornirà la base ortogonale che stiamo cercando.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Evitate l'uso di basi non ortogonali per i sottospazi da complementare
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come determinare un sottospazio vettoriale

In ambito algebrico si ha spesso a che fare con vettori, ovvero elementi matematici n-dimensionali caratterizzati da un modulo e un verso. I vettori sono, quindi, appartenenti ad una struttura detta "spazio vettoriale", la quale può essere suddivisa...
Superiori

Come disegnare la proiezione ortogonale di un parallelepipedo

Senza dubbio, disegnare la proiezione ortogonale di un parallelepipedo non è così facile. Tuttavia, nel tutorial che segue vi indicheremo tutte le linee guida per eseguire il disegno correttamente. Prima di iniziare, comunque, dovete avere chiaro il...
Superiori

Come eseguire una proiezione ortogonale di un cono

L'attenzione in classe semplifica molto la comprensione di concetti complessi, come quelli matematici. Dovrai prendere appunti nonché chiedere chiarimenti all'insegnante o ad un compagno in gamba. Tuttavia, puoi anche consultare internet. Il web è una...
Superiori

Come Disegnare Una Retta Ortogonale Ad Un Segmento Passante Per Un Punto

Nell'ambito del disegno, e più precisamente del disegno industriale, la costruzione di una retta normale ad un segmento dato, passante per un punto precedentemente fissato, rappresenta una delle costruzioni fondamentali. Nella seguente guida vengono...
Superiori

Come disegnare la proiezione ortogonale di un prisma triangolare

La proiezione ortogonale è un tipo di disegno tecnico che consente di avere una visione generale di una forma geometrica, attraverso la rappresentazione su tre piani diversi, che sono il Piano Verticale, dove si proietta il prospetto della forma da analizzare;...
Superiori

Come eseguire la proiezione ortogonale di un cilindro

Hai dimenticato la spiegazione che ha fatto la tua insegnante o non hai capito bene come eseguire una proiezione ortogonale di un cilindro? Bene, sei arrivato nel sito giusto! Seguimi, e riuscirai a portare a termine il tuo compito! La proiezione ortogonale...
Superiori

Come disegnare la proiezione ortogonale di un tronco di cono

Tra le proiezioni ortogonali più insidiose c'è da fare i conti con una in particolare: quella riguardante il tronco di cono. Il processo per completare un esercizio del genere, però, è tutt'altro che impossibile e, anzi, con un po di esercizio può...
Superiori

Come fare la proiezione ortogonale di un prisma esagonale

Il disegno tecnico può spesso presentare delle difficoltà, soprattutto se non si conosce bene il procedimento da seguire per la realizzazione del lavoro. Occorre una buona precisione e un notevole ordine. Tra gli esercizi che spesso attanagliano gli...