Come determinare il segno di una una forma quadratica

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Per gli studenti di facoltà scientifiche, le materie teoriche rappresentano spesso un ostacolo che sembra insormontabile. In particolare, una delle materie che più spaventa gli studenti è l'algebre lineare, spesso associata anche alla geometria. In questo corso vengono studiate le basi della teoria matematica: matrici, spazi vettoriali e autovalori, etc. Per superare l'esame è necessario affrontare una prova scritta, in cui lo studente dovrà risolvere alcuni esercizi. Tra questi capita spesso di incontrare lo studio delle forme quadratiche. Vediamo in questa guida come determinare il segno di una forma quadratica.

27

Occorrente

  • Calcolatrice
  • Foglio
  • Penna
37

Definizione di forma quadratica

La forma quadratica è definita in algebra e geometria analitica come un polinomio omogeneo, cioè in cui tutti gli elementi sono dello stesso grado del polinomio, in questo caso di secondo grado. Il numero di variabili n può essere qualsiasi. Un esempio classico di forma quadratica è l'equazione che determina la distanza tra due punti nello spazio euclideo. Le forme quadratiche godono di diverse proprietà, utili nel loro studio. Esistono inoltre diversi criteri usati per determinare se un polinomio sia o meno una forma quadratica. Le forme quadratiche si dividono in forme quadratiche isotrope e forme quadratiche anisotrope.

47

Calcolo della matrice associata

Il primo passo da fare per poter determinare il segno di una forma quadratica è quello di ricavare la sua matrice associata. La matrice associata non è altro che la matrice dei coefficienti dei vari monomi che compongono il polinomio. Essa sarà quindi una matrice quadrata, cioè in cui il numero di righe è uguale al numero di colonne, di dimensioni m x m, in cui m è il numero di variabili. La matrice associata può essere anche parametrica se nella forma quadratica era parametrizzata. Quando ricavate la matrice associata, ricordate che i doppi prodotti generano un fattore 1/2 nei loro coefficienti all'interno della matrice.

Continua la lettura
57

Studio del segno

A questo punto è possibile studiare il segno della forma quadratica, valutando i determinanti dei minori principali della matrice. La forma quadratica risulterà definita positiva se e soltanto se tutti i minori hanno il determinante maggiore o uguale a zero. È definita negativa se e soltanto se i minori principali di ordine pari hanno il determinante maggiore o uguale a zero. È semidefinita negativa se i minori di ordine pari hanno determinate maggiore o uguale a zero e i minori di ordine dispari lo hanno minore o uguale a zero. Nei restanti casi la forma quadratica è indefinita.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Fate attenzione ai calcoli ed eseguiteli senza fretta
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Equazione quadratica: metodo di calcolo

In matematica, tra le varie equazioni, esistono anche le equazioni dette quadratiche, o di secondo grado. Consistono in equazioni in cui l'esponente massimo è x al quadrato. La formula di base completa di quest'equazione è ax^2 + bx + c = 0, con a diverso...
Università e Master

Come ridurre una quadrica in forma canonica

Una quadrica, nel linguaggio " geometrico", è la superficie di uno spazio dimensionale rappresentato da un'equazione polinomiale nelle coordinate spaziali, ed è rappresentata da un’equazione di secondo grado in coordinate cartesiane nello spazio....
Superiori

Come risolvere un'equazione quadratica

Un'equazione quadratica fa parte della famiglia di quelle di secondo grado, in essa è presente un'incognita, generalmente indicata con la lettera x, elevata alla seconda. La formula canonica è questa ax^2+bx+c=0 dove a, b e c sono i coefficienti dell'equazione...
Superiori

Come Calcolare La Velocità Quadratica Media

Lo studio di alcune materie scientifiche come la chimica, la matematica o la fisica, può risultare in alcuni casi abbastanza complesso e molto spesso senza un aiuto sarà difficile riuscire a comprendere alla perfezione tutti i vari argomenti trattati...
Superiori

Il calcolo della distribuzione di Maxwell nei gas perfetti

La teoria cinetica descrive i gas perfetti come particelle, atomi e molecole costantemente in movimento. James Clerk Maxwell (1831-1879) studiò le velocità di queste particelle, intorno a quella quadratica media. Nel 1859, con un calcolo esponenziale,...
Superiori

Come linearizzare una parabola

La linearizzazione di una curva quadratica è uno strumento utile quando si è impossibilitati ad utilizzare una calcolatrice per ricavare il valore esatto della funzione per una determinata ascissa. Una curva quadratica è caratterizzata da un equazione...
Superiori

Come trovare l'intercetta nelle equazioni di secondo grado

Le equazioni di secondo grado vengono espresse nella forma ax^2+bx+c=0, dove i coefficienti a, b e c sono diversi da 0. Detto questo, immaginiamo di dover rappresentare l'equazione in un grafico cartesiano bidimensionale, avremo quindi l'ascissa x e l'ordinata...
Università e Master

Come si calcola il Coefficiente di Variazione in statistica

Una delle funzioni della statistica è quella di dare indicazioni sintetiche, sulle rilevazioni statistiche effettuate, tramite l'utilizzo di appropriati indici e valori. In questo articolo calcoliamo un indice di variabilità relativa: il coefficiente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.