Come Determinare Il Punto Di Fusione Di Composti Organici Cristallini

Di: R. C.
Tramite: O2O 06/05/2018
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il punto di fusione è di fondamentale importanza per le sostanze chimiche e fisiche. Esso, insieme al punto di ebollizione e al punto di solidificazione, costituisce l'indice termico del composto. Il punto di fusione è la temperatura alla quale un solido ed un liquido sono in equilibrio a 1 atm di pressione. In parole semplici rappresenta il passaggio dallo stato solido ordinato allo stato liquido disordinato. Per alcune sostanze, tra cui i composti organici cristallini, la determinazione del punto di fusione si può effettuare con grande precisione. Leggendo il tutorial si possono avere delle utili indicazioni su come è possibile determinare il punto di fusione di composti organici cristallini. Non sarà una guida approfondita come un manuale di chimica, ma verranno comunicate tutte le informazioni basilari e necessarie a conoscere l'argomento e a renderlo più fruibile.

27

Occorrente

  • Conoscenze basi di chimica organica
  • Laboratorio di chimica
  • Manuale di chimica
37

Informazioni preliminari

I composti organici cristallini presentano generalmente punti di fusione caratteristici e sufficientemente bassi (compresi tra 50 e 300 °C). Per questo motivo si possono determinare utilizzando una semplice apparecchiatura fornita a qualsiasi laboratorio o, addirittura, fabbricabile in casa. In chimica organica i punti di fusione sono abbastanza importanti in quanto danno la possibilità di avere un'indicazione sulla purezza dei composti cristallini e quindi di procedere alla loro identificazione. La purezza è una proprietà molto ricercata in ambito tecnico, in quanto consente di ottenere prodotti e composti di qualità superiore alla media.

47

Inserimento del materiale

Per determinare il punto di fusione di un composto organico cristallino bisogna introdurre una piccola quantità del materiale, ridotto in polvere finissima, in un tubicino capillare che è chiuso ad una delle estremità. Successivamente bisogna inserire il tubicino nello strumento per poter determinare il punto di fusione e procedere con il riscaldamento. È opportuno registrare due temperature: quella alla quale comincia formarsi il liquido e quella alla quale la sostanza in esame risulta essere completamente liquida. È noto, infatti, che tutti i materiali iniziano a fondere ad una temperatura, ma completano la fusione ad una temperatura leggermente differente, a seconda delle caratteristiche del materiale e dalla dimensione del campione.

Continua la lettura
57

Operazioni pratiche

L'intervallo di fusione è quello compreso tra queste due temperature. Se si deve determinare il punto di fusione dell'urea bisogna polverizzare in becher 50 o 100 milligrammi di urea. Per eseguire questa operazione basta pestare con una spatola contro le pareti del becher. Per riempire il capillare con l'urea si deve introdurre diverse volte nella polvere l'estremità aperta del capillare. Per fare arrivare sul fondo il solido si deve battere l'estremità chiusa del capillare sul banco. Bisogna essere molto rigidi e precisi in questo procedimento, altrimenti i nostri risultati non avranno valore, in quanto più esposti a potenziali errori dello strumento.

67

Introduzione del calore

Successivamente bisogna inserire il capillare nell'apparato per la determinazione del punto di fusione, poi si comincia a scaldare. È possibile far aumentare la temperatura rapidamente fino a circa 15/20 °C al di sotto del punto di fusione che bisogna trovare. È consigliabile, comunque, non superare la velocità di riscaldamento di 1/2 °C al minuto. Un aumento troppo repentino, infatti, potrebbe causare uno shock termico e rovinare il campione del materiale in oggetto. Per l'urea, protagonista del nostro esempio, il punto di fusione è approssimativamente a 130 °C. Buono studio a tutti!

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Provate a farvi affiancare da persone esperte in questo campo, a volte può essere molto pericoloso!
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come determinare il genotipo degli zigoti con il metodo del quadrato di Punnett

Per zigote si intende la cellula diploide che si forma dalla fecondazione del gamete femminile (cellula uovo) da parte del gamete maschile (spermatozoo).Entrambi i gameti sono cellule aploidi. Ovvero, possiedono una sola copia del corredo cromosomico...
Università e Master

Come determinare i genotipi dei gameti

Una tra le scoperte più importanti dal punto di vista scientifico riguarda i genotipi dei gameti. I genotipi rappresentano l'insieme di tutti i geni che compongono il DNA di un essere vivente e che determinano lo sviluppo di un organismo. Gli individui...
Università e Master

Come determinare il contenuto in grasso nel latte

Il latte è un alimento eccezionale. Completo e gustoso, nutre i mammiferi nel loro primo stadio di vita. Ricco di calcio, vitamine A, B e D, contiene i principali amminoacidi indispensabili all'organismo. Il latte si presenta come un liquido opaco, di...
Università e Master

Come Determinare L'Ellisse E Il Nocciolo Centrale Di Inerzia

Iniziamo con una definizione di nocciolo ed ellisse: esse sono delle proprietà inerziali che dipendono dalla geometria di una sezione. L'ellisse centrale di inerzia è quell'ellisse che si forma nel baricentro della sezione, ma la sua funzione principale...
Università e Master

Come determinare sperimentalmente il grado di acidità di un olio d'oliva

Quando si parla di olio extravergine di oliva molto spesso si fa riferimento alla sua acidità ed in effetti tale parametro è importante perché è un indicatore che riesce a sintetizzare una valutazione complessiva sulla qualità chimica. Il problema...
Università e Master

Come determinare il proprio quoziente intellettivo

Per Intelligenza si intende si intende quel complesso di funzioni psichico-mentali che consente ad un individuo o ad un animale di comprendere cose ed eventi, di metterli in relazione tra loro e di arrivare ad una conoscenza concettuale e/o razionale....
Università e Master

Come Effettuare La Riduzione Di Aldeidi E Chetoni

Le aldeidi sono dei composti organici caratterizzati nella loro struttura dalla presenza del gruppo funzionale formile ( -CHO ). Quest'ultimo costituisce semplicemente l'acile ( acido carbossilico privo del gruppo OH ) dell'acido formico. Questi composti...
Università e Master

Come Determinare La Dilatazione Volumica Di Un Solido

Riuscire ad ottenere buoni risultati nelle materie scientifiche non è un'operazione facile per tutti: molte volte difatti è proprio in tale ambito che si prendono i voti peggiori, che vanno ad impattare negativamente sulla media dei voti. Tra i molteplici...