Come Determinare Il Punto Di Fusione Di Composti Organici Cristallini

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il punto di fusione è abbastanza importante per le sostanze chimiche. Esso, insieme al punto di ebollizione e al punto di solidificazione, costituisce l'indice termico del composto. Il punto di fusione è la temperatura alla quale un solido ed un liquido sono in equilibrio a 1 atm di pressione. In parole semplici rappresenta il passaggio dallo stato solido ordinato allo stato liquido disordinato. Per alcune sostanze, tra cui i composti organici cristallini, la determinazione del punto di fusione si può effettuare con grande precisione. Leggendo il tutorial si possono avere delle utili indicazioni su come è possibile determinare il punto di fusione di composti organici cristallini.

25

Essi presentano generalmente punti di fusione caratteristici e sufficientemente bassi (compresi tra 50 e 300 °C). Per questo motivo si possono determinare utilizzando una semplice apparecchiatura. In chimica organica i punti di fusione sono abbastanza importanti in quanto danno la possibilità di avere un'indicazione sulla purezza dei composti cristallini e quindi di procedere alla loro identificazione.

35

Per determinare il punto di fusione di un composto organico cristallino bisogna introdurre una piccola quantità del materiale, ridotto in polvere finissima, in un tubicino capillare che è chiuso ad una delle estremità. Successivamente bisogna inserire il tubicino nello strumento per poter determinare il punto di fusione e procedere con il riscaldamento. È opportuno registrare due temperature: quella alla quale comincia formarsi il liquido e quando la sostanza in esame risulta essere completamente liquida.

Continua la lettura
45

L'intervallo di fusione è quello compreso tra queste due temperature. Se si deve determinare il punto di fusione dell'urea bisogna polverizzare in becher 50 o 100 milligrammi di urea. Per eseguire questa operazione basta pestare con una spatola contro le pareti del becher. Per riempire il capillare con l'urea si deve introdurre diverse volte nella polvere l'estremità aperta del capillare. Per fare arrivare sul fondo il solido si deve battere l'estremità chiusa del capillare sul banco.

55

Successivamente bisogna inserire il capillare nell'apparato per la determinazione del punto di fusione; poi, si comincia a scaldare. È possibile far aumentare la temperatura rapidamente fino a circa 15/20 °C al di sotto del punto di fusione che bisogna trovare. È consigliabile comunque non superare la velocità di riscaldamento di 1/2 °C al minuto. Per l'urea il punto di fusione è approssimativamente a 130 °C.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come analizzare la fusione e la solidificazione di una sostanza

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i nostri lettori a capire come poter analizzare la fusione ed anche la solidificazione di una sostanza. Ed ecco che grazie ai nostri semplici consigli, contenuti in questa guida, potremo di certo mettere in pratica...
Università e Master

Trasformazione, fusione, scissione delle società: appunti

Generalmente le leggi che riguardano le società sono orientate verso le combinazioni, oppure le trasformazioni delle aziende. Più precisamente si parlerà di scissione, fusione, trasformazione e Spin-off. Da parte delle imprese, lo spin-off non è applicabile...
Università e Master

Appunti di chimica inorganica: i composti di coordinazione

Studiare la chimica fin dagli anni del liceo, può creare parecchi dubbi e parecchie perplessità. Molti infatti amano studiare le varie composizioni chimiche, i vari composti e lo studio della materia in generale, altri invece fin dagli inizi dello studio...
Università e Master

Come dare la nomenclatura Iupac ai composti ossidi

Durante i cinque anni di liceo tutti gli alunni, specialmente coloro che frequentano il liceo scientifico, devono affrontare il tanto temuto capitolo della Nomenclatura, cioè del dare i nomi specifici ad ogni elemento e composto chimico. Esistono diversi...
Università e Master

Come Determinare La Composizione Di Miscele Gassose Con Il Metodo Di Assorbimento

I metodi di cui la chimica analitica si avvale per determinare la composizione di miscele gassose sono sostanzialmente due: il metodo di assorbimento e il metodo di combustione. Generalmente i gas inerti, quali l'azoto e i gas nobili (ad esempio elio,...
Università e Master

Come determinare le caratteristiche chimiche degli elementi

Gentili lettori, all'interno della guida che seguirà, mi dedicherò a parlare di una materia specifica: la chimica. Nel particolare, questa sarà l'occasione per scrivere qualcosa sulla determinazione delle caratteristiche chimiche degli elementi.Ma...
Università e Master

Come determinare il genotipo degli zigoti con il metodo del quadrato di Punnett

Per zigote si intende la cellula diploide che si forma dalla fecondazione del gamete femminile (cellula uovo) da parte del gamete maschile (spermatozoo).Entrambi i gameti sono cellule aploidi. Ovvero, possiedono una sola copia del corredo cromosomico...
Università e Master

Come determinare i genotipi dei gameti

Una tra le scoperte più importanti dal punto di vista scientifico riguarda i genotipi dei gameti. I genotipi rappresentano l'insieme di tutti i geni che compongono il DNA di un essere vivente e che determinano lo sviluppo di un organismo. Gli individui...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.