Come determinare il calcio negli alimenti

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Nella seguente semplice e rapida guida, vi parleremo di un argomento che potrebbe risultarvi molto interessante e cioè la procedura da seguire attentamente per determinare il quantitativo di calcio presente negli alimenti oppure nelle bevande (come, ad esempio, il latte ed il vino). Per poterlo fare, dobbiamo necessariamente fornirci di uno strumento apposito e, nello specifico, dello spettrofotometro di assorbimento atomico ma anche delle soluzioni occorrenti per la completa e corretta riuscita della nostra analisi chimica. Vediamo, quindi, come procedere.

27

Occorrente

  • Spettrofotometro di assorbimento atomico
  • Matracci
  • Pipette
  • Lantanio
  • Calcio
  • Lampada a catodo
  • Acqua distillata
  • Cloruro
  • Forno elettrico a muffola
  • Acqua acidulata
37

Innanzitutto, le semplici operazioni iniziali che dovremo compiere sono le seguenti: mettere in funzione lo spettrofotometro di assorbimento atomico, secondo le apposite modalità che sono riportate nell'allegato manuale d'istruzione; continuare il lavoro poggiando la lampada a catodo nella torretta e poi selezionando una corrente di esercizio che sia all'incirca pari al 70% di quella massima indicata sulla lampada medesima; attendere per almeno dieci minuti che quest'ultima sia condizionata e, come parametri operativi, scegliere "1,00 nm" per lo Slit width e "422,70 nm" per la lunghezza d'onda.
.

47

Adesso, arrivati alla fase successiva, dovremo accendere la fiamma nell'apposito bruciatore (gas - aria - acetilene) ed aspirare l'acqua distillata. Dobbiamo stare molto attenti, qualora lo spettrofotometro di assorbimento atomico non possieda il controllo dei gas, e ricordarci assolutamente di far fluire prima l'ossigeno e successivamente l'acetilene. Pertanto, regoliamo il flusso di quest'ultimo, allo scopo di rendere la fiamma stechiometrica, ovvero di colore bluastro. Dopodichè, non ci resta altro che azzerare tutto.

Continua la lettura
57

Adesso, aspiriamo le soluzioni standard, registriamo i valori di assorbimento nel momento in cui otterremo una lettura stabile oppure un plateau sul registratore e risucchiamo infine il campione. Con riferimento alla preparazione dei campioni stessi: nel caso del vino, preleviamone "1,00 ml" all'interno di un matraccio da "100,00 ml", diluiamolo con l'acqua distillata e poi prepariamo gli standard senza aggiungere il cloruro ed il lantanio; quanto al latte, dopo averne fatto evaporare "5,00 gr", facciamoli incenerire nel forno elettrico a muffola impostato a "500°C", riprendiamoli con l'acqua acidulata, trasportiamoli in un matraccio da "100,00 ml", aggiungiamo "10,00 ml" di soluzione di cloruro di lantanio e portiamo a volume con l'acqua distillata.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come effettuare la riduzione e l'ossidazione dell'oro

L'oro è l'elemento chimico di numero atomico 79. Il suo simbolo è Au (dal latino "aurum"). È un metallo di transizione tenero, pesante, duttile, malleabile di colore giallo, dovuto all'assorbimento delle lunghezze d'onda del blu dalla luce incidente....
Università e Master

Come fare un esame spettrofotometrico dell'olio

L'esame spettrofotometrico dell'olio è un test molto importante in quanto serve per verificare l'assorbanza delle lunghezze d'onda in modo da poter sapere se le sostanze chimiche presenti all'interno rientrano nei parametri stabiliti per legge in termini...
Università e Master

Come Saggiare La Sopravvivenza Cellulare In Colture Cellulari

La biologia è senza dubbio una delle materie più belle e affascinanti che si possa studiare. Tramite il suo studio possiamo comprendere meglio come si sviluppa la vita dalle sue parti più elementari. Ovviamente la biologia ha una vasta gamma di argomenti...
Università e Master

Come ricavare la concentrazione di una soluzione da misure spettrofotometriche

Una tecnica analitica largamente utilizzata sfrutta il fenomeno dell'assorbimento delle radiazioni elettromagnetiche da parte delle soluzioni. Nello specifico prende il nome di spettrofotometria oppure fotometria, a seconda delle condizioni sperimentali...
Superiori

Come calcolare il peso atomico di uno ione

Lo ione, teorizzato per la prima volta dal fisico e chimico britannico Michael Faraday nel 1830, viene definito come "entità molecolare elettricamente carica". Nella sostanza quando un atomo, un gruppo di atomi legati tra loro, od una molecola, cede...
Università e Master

Come ottenere una soluzione chimica Meno Concentrata

La chimica è una delle materie più importanti per tutti coloro che decidono di intraprendere gli studi scientifici, ovvero che decidono di frequentare un istituto tecnico industriale oppure un liceo scientifico. Uno degli elementi fondamentali su cui...
Università e Master

Dosaggio Del Dna Con Metodo Colorimetrico

Il dosaggio del Dna è un passo importante dell'analisi scientifica, perché permette di specificare la quantità di materiale genetico estratto da una determinata cellula. Attraverso questo metodo, potremo capire come fare per calcolare la sua concentrazione...
Superiori

Come calcolare il peso atomico degli isotopi

Iniziamo innanzitutto a definire cos'è il peso atomico di un qualsiasi elemento chimico. Definiamo con "peso atomico" il valore standard del peso atomico dell'elemento stesso determinato dal valore medio dei pesi atomici derivanti da un dato numero di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.