Come determinare i genotipi dei gameti

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Una tra le scoperte più importanti dal punto di vista scientifico riguarda i genotipi dei gameti. I genotipi rappresentano l'insieme di tutti i geni che compongono il DNA di un essere vivente e che determinano lo sviluppo di un organismo. Gli individui che hanno lo stesso genotipo, come ad esempio i gemelli omozigoti, non hanno gli stessi caratteri. Mentre i gameti, detti anche cellule sessuali, sono delle cellule riproduttive che hanno un corredo cromosomico aploide, cioè dimezzato, contenente sono una copia di ciascun gene. Per determinare il genotipo di un gamete che viene prodotto da un organismo diploide, cioè formato da due copie del gene, occorre che ogni gamete contenga almeno una copia di ciascun gene. In questa guida verrà spiegato in pochi e semplici passi come determinare i genotipi dei gameti.

24

La procedura è semplice se consideriamo un solo gene o molti geni in omozigosi che è la condizione in cui ognuno dei due o più alleli dello stesso gene presenti nei cromosomi codificano in maniera identica; per esempio per determinare il genotipo dei gameti prodotto da un omozigote (cioè un organismo che ha due copie uguali di un gene) di genotipo AA o aa la procedura non è molto complessa, poiché produrranno un solo tipo di gamete: I genotipi AA produrranno solo gameti di genotipo A e i genotipi aa produrranno solo gameti di genotipo a, lo stesso vale per un eterozigote per un solo gene di genotipo Aa in questo caso i genotipi dei gameti possibili sono due A e a.

34

La cosa divento più difficile quando dobbiamo calcolare il genotipo dei gameti per doppi e tripli eterozigoti. Per calcolare i genotipi dei gameti per un doppio eterozigote il cui genotipo è AaBb, bisogna incrociare le coppie degli alleli dei due geni in tutti i modi possibili, per generare tutti i possibili genotipi gamatici.

Continua la lettura
44

Il metodo che descriverò è molto semplice e può essere adottato anche per tripli eterozigoti.
Per esempio se vogliamo calcolare il genotipo dei gameti di un doppio eterozigote di genotipo AaBb bisogna procedere in modo ordinato, incrociando il primo allele del primo gene (A) con il primo allele del secondo gene (B), in questo modo ricaviamo il genotipo dei gameti AB, poi bisogna procedere combinando insieme il primo allele sempre del primo gene (A) con il secondo allele del secondo gene (b) ricavando il genotipo Ab, poi incrociamo il secondo allele del primo gene (a) con il primo allele del secondo gene (B) e ricaviamo il genotipo aB, infine combiniamo la seconda copia del primo gene (a) con la seconda copia del secondo gene (b) e otteniamo il genotipo ab. Quindi i gameti prodotti sono AB, Ab, aB, ab.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come Stimare Le Frequenze Alleliche

La legge di Hardy-Weinberg è il fondamento della genetica di popolazioni. Essa infatti sancisce che le leggi di segregazione di Mendel possano estendersi anche a concetti di frequenze alleliche e genotipiche all'interno di una data popolazione. Un'importante...
Università e Master

Come applicare il principio di Hardy-Weinberg

La matematica non è solamente lo studio noioso dei numeri, ma un vero e proprio processo nella comprensione di alcuni principi che riguardano svariate scienze e discipline. Capirla non è semplice, e non tutti sono portati, ma una volta fatti chiari...
Università e Master

Come analizzare un albero genealogico

Analizzare un albero genealogico è un'impresa tanto stimolante quanto impegnativa. Se pensate allo studio della genetica umana, salta subito all'occhio che gli incroci non sono né possibili né programmati. Le modalità di ereditarietà dei caratteri...
Superiori

La teoria dell'evoluzione

Animali e pianti sono organismi viventi, suddivisi in ordini e in famiglie. La loro classificazione è possibile perché esistono le specie che raggruppano gli essere viventi, in modo più o meno omogeneo. Tramite la teoria dell'evoluzione della specie,...
Università e Master

Appunti di genetica

La genetica può essere definita come una materia scientifica, strettamente connessa alla biologia molecolare. Attraverso gli studi di genetica e l'esame dei geni stessi, si comprende e si studia la variabilità degli esseri viventi determinata dai geni....
Superiori

Appunti di scienze: le leggi di Mendel

La guida che vi proporremo nei passi che seguiranno, si concentrerà sulla materia delle scienze, in quanto andremo a darvi una serie di appunti relativi alle leggi di Mendel.Mendel è stato un naturalista, un matematico e un religioso di origine ceca,...
Superiori

La cellula: i processi di mitosi e meiosi

Il tema che tratteremo riguarda l'organizzazione della struttura e della funzione del corpo umano. Nella fattispecie, analizzeremo la cellula nei suoi processi di mitosi e di meiosi. Una caratteristica peculiare della cellula è quella di dividersi. La...
Università e Master

Appunti sulla genetica di Mendel

Gregor Johann Mendel è stato un grande naturalista, nonchè un esperto di matematica ed è proprio a lui che si deve la nascita della genetica moderna: fu proprio lui, infatti, il primo che si dedicò agli studi sui caratteri ereditari. La genetica è...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.