Come derivare una funzione composta con logaritmo

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

I logaritmi sono uno degli argomenti più importanti per imparare a risolvere operazioni più o meno difficili nella fascia delle scuole superiori. Essi possono essere abbinati anche alla geometria, oppure a tante altre equazioni matematiche. Se si imparano bene le regole fondamentali che coinvolgono questo tipo di operazione, poi sarà più facile svolgere tutti gli esercizi collegati. In questa guida ci focalizzeremo in particolare su come derivare una funzione composta con logaritmo, riportando qualche esempio. Vediamo come procedere.

27

Occorrente

  • Un buon manuale di matematica
  • Calcolatrice
  • Teoremi ed esempi di esercizi
37

La funzione composta

Anzitutto dobbiamo definire che cos'è una funzione composta. La funzione composta è una funzione ottenuta attraverso la composizione di due funzioni. Prendendo le immagini della prima funzione, la seconda si applica a queste ultime. In poche parole, si può affermare che "h (x) = g (f (x))". Facciamo ora un esempio concreto. Abbiamo la funzione "y = f (x) = e^x" e "z = g (y) = y + 1". La funzione composta sarà " h (x) = g (f (x)) = e^x + 1.

47

Il teorema per la derivazione di una funzione composta

Un altro punto fondamentale utile per la risoluzione degli esercizi è il teorema. In tal caso prende il nome di teorema per la derivazione di una funzione composta. Esso afferma che la derivata della funzione composta "h (x) = g (f (x))" è data dalla derivata della funzione più "esterna" lasciando invariato l'argomento "f (x)" per la derivata dell'argomento. Lo stesso si può scrivere con linguaggio matematico: definendo le due funzioni "y= f (x)" e "z= g (y)" ottengo che la derivata di "h (x) = g (f (x))" è uguale a "g'(f (x))" che moltiplica "f'(x)".

Continua la lettura
57

La risoluzione di una funzione composta con logaritmo

Il teorema è sempre applicabile, anche se abbiamo un logaritmo. Inoltre, esso è di fondamentale importanza proprio perché la maggior parte delle funzioni che dovranno essere derivate sono composte. Nel caso di una funzione composta con logaritmo, potremmo avere una funzione di questo tipo: "y = ln (x^2 + x)". Si inizia l'esercizio svolgendo la derivata della funzione più esterna, ovvero un logaritmo naturale. La derivata ottenuta lasciando invariato l'argomento è: "1/(x^2 + x)". Si esegue poi la derivata dell'argomento "(x^2 + x)" che, derivato, dà il risultato "2x + 1". Si moltiplicano i due risultati ottenuti e si ottiene la derivata finale della funzione composta di partenza. Quindi il risultato finale è "(2x + 1)/(x^2 + x)". Come si evince dall'esempio, nel derivare una funzione composta con logaritmo non cambia nulla, a patto che si conoscano bene le derivate principali. Per il suddetto motivo, è utile fare molto esercizio in maniera da vedere una casistica più ampia ed acquisire velocità di calcolo.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Studiare le basi, per ogni argomento, facilita la comprensione dei casi di esercizio più difficili.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come risolvere l'integrale del logaritmo

Se dovete risolvere l’integrale di un logaritmo e non sapete proprio da dove iniziare, niente paura! Il simbolo utilizzato in analisi matematica è ∫. Chiariti i concetti fondamentali, in questo tutorial vi illustreremo come risolvere l’integrale...
Superiori

Come integrare un logaritmo

Un esponente che abbia la necessità di avere elevata la base per ottenere un determinato numero, si chiama logaritmo. In altre parole, avendo un numero "x", dato da "a^y", significa che il valore "y", che è l'esponente, la cui base "a" per ottenere...
Superiori

Come derivare una funzione fratta

In matematica, la derivata esprime quanto una funzione vari al variare del suo argomento. Per fare un esempio pratico, in fisica, la velocità è la derivata dello spostamento; essa esprime infatti con quale rapidità avviene la variazione della posizione....
Università e Master

Come calcolare la divergenza di una funzione

La matematica universitaria è un bel po' diversa da quella delle superiori, vero? Sì e no diciamo, molti concetti, anche se all'inizio non sembra, sono semplici ampliamenti di argomenti già visti alle superiori, triti e ritriti. Il segreto per imparare...
Superiori

Come derivare una funzione composta

Le funzioni composte rappresentano il pane quotidiano dell'algebra avanzata in quanto, nella pratica e nella risoluzione degli esercizi, non capiterà quasi mai di ritrovarsi davanti ad una funzione semplice. La caratteristica principale di una funzione...
Superiori

Metodi di derivazione dei polinomi

Per polinomio si intende la somma algebrica di monomi, questi possono essere simili tra loro, ovvero avere uguale parte letterale oppure no (vedi https://it.wikipedia.org/wiki/Polinomio). Nel secondo caso la derivata del polinomio è detta parziale perché...
Superiori

Come calcolare la derivata di funzioni semplici

Calcolare la derivata prima è molto importante nello studio delle funzioni, poiché consente di conoscere gli intervalli in cui queste crescono e/o decrescono ed è possibile calcolarne i massimi e i minimi. Con questi dati essenziali, risulta poi molto...
Maturità

Analisi matematica: le derivate

In matematica, la derivata di una funzione descrive la crescita della funzione stessa in relazione al suo argomento. I campi di applicazione delle funzioni derivate sono davvero tanti, ed essendo alla base dell'analisi matematica, lo studio delle derivate...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.