Come dare ripetizioni efficacemente

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Dare ripetizioni agli studenti è un modo abbastanza efficace per guadagnare qualcosina, soprattutto per i gli studenti universitari o per i neo-laureati, in attesa di un'occupazione vera e propria. Questo, però, non significa che si tratti di un'attività poco impegnativa: anche in questo campo, infatti, la concorrenza è spietata ed è necessario dare il massimo affinché l'aspirante diplomato o laureato si trovi bene con noi e riesca a raggiungere i propri obiettivi superando qualsiasi difficoltà. Vediamo allora come condividere il proprio sapere nel migliore dei modi, dando efficacemente delle ripetizioni scolastiche.

27

Capire in cosa si è bravi

Per prima cosa è importante capire in che materie siamo più ferrati, e quindi quali competenze potremmo essere più bravi a passare ai nostri "studenti". È chiaro che le conoscenze che servono per aiutare un ragazzo che frequenta le superiori o l'università sono diverse da quelle richieste per aiutare un bambino delle elementari. Ripensa quindi al tuo percorso formativo e delle attività che hai svolto negli anni, naturalmente se offri aiuto per una materia che ami e nella quale hai sempre avuto ottimi risultati potrai essere più incisivo ed utile.

37

Trovare ragazzi interessati

Dopo aver capito in che ambito potremmo aiutare gli altri sarà necessario trovare degli studenti interessati a ricevere ripetizioni. Individua il tipo di studente adatto a te: ti troverai meglio con un bambino delle elementari, magari con qualche difficoltà, o con un ragazzino distratto delle medie? O ancora, le tue conoscenze ti permettono di aiutare ragazzi più grandi, delle superiori o addirittura dell'università? Una volta deciso che fascia d'età seguire, spargi la voce tra tutti i tuoi conoscenti, chiedi ai tuoi amici se hanno fratelli o conoscono qualcuno che abbia bisogno di ripetizioni, prepara dei volantini da affiggere fuori dalle scuole o dalle biblioteche. Oggi anche internet può essere utile: potresti mettere un annuncio sui principali social network oppure iscriverti alle piattaforme dedicate agli annunci in modo tale che il bacino di utenza possa allargarsi.

Continua la lettura
47

Prepararsi alla presentazione

La prima impressione è molto importante: ai genitori dei ragazzi che aiuterai devi dare l'idea di essere una persona affidabile e preparata. Non dire mai che qualcosa non è nelle tue competenze, a meno che non ti chiedano di insegnare materie specifiche che non hai mai approcciato, soprattutto se devi insegnare a ragazzini delle scuole medie o dei primi anni delle superiori. Se anche al liceo non eri un campione di matematica, sarai ormai in grado di andare a rivedere su un libro ciò che allora ti creava delle difficoltà. Tieniti quindi aperte tutte le possibilità ma se sai che in qualche materia hai delle lacune pregresse cerca di colmarle prima di dare ripetizioni.

57

Cercare di creare un rapporto con il ragazzo

Consiglio di utilizzare la prima lezione per conoscersi un po', sia per te che per lo studente. Cerca di capire quali sono i suoi gusti e su cosa potete andare d'accordo. Lascia lo spazio per un po' di chiacchiere a fine lezione o nel passaggio tra una materia e l'altra. In questo modo, le ore saranno meno noiose, sia per te, che per lui. Dovrà essere invogliato a vederti, anche se non ti trovi certo lì per qualcosa che a lui piace fare. Cerca quindi di creare un certo feeling con lo studente ma ricorda che sei li per farlo studiare, se il rapporto diventasse troppo confidenziale potresti avere difficoltà a farti ascoltare e i risultati del ragazzo potrebbero non migliorare nonostante il tuo impegno. Capisci il metodo di studio del ragazzo e cerca di seguirlo anche se per te non è il più congeniale, stravolgere il suo metodo potrebbe essere un grosso errore.

67

Concordare il compenso

Ultimo aspetto, ma non meno importante, è il compenso. Deve essere competitivo, ma comunque adeguato al servizio che offri. Consiglio di mantenerlo costante per qualunque fascia di età e di informarsi prima su quanto mediamente gli altri professori della zona richiedono. Ovviamente, con un alto livello di istruzione e diversi titoli di studio potrai richiedere un compenso maggiore. Decidi se dare lezioni a casa tua o dallo studente, se sarai tu ad andare dallo studente potrai richiedere un compenso leggermente maggiore di quello che potresti chiedere se fosse lui a venire da te. Il compenso medio si aggira tra gli 8 e i 15 euro all'ora: l'importante è non svendere il proprio lavoro. Soprattutto all'inizio è meglio farsi pagare volta per volta in modo tale da non incorrere in situazioni spiacevoli.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Sii sempre te stesso ed impegnati in quello che fai, non c'è modo per migliore per raggiungere qualunque obiettivo.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come dare il nome ai derivati polisostituiti del benzene

La chimica rappresenta una delle materie più ostiche da affrontare per uno studente: a prescindere dal percorso e dal grado di studi, questa materia richiede un'attenzione ed un approccio particolare. Ciò diventa più chiaro soprattutto quando lo studio...
Università e Master

Come trovare il giusto metodo di studio

All'interno della presente guida, andremo a occuparci di studio. Lo faremo, come abbiamo già indicato chiaramente nel titolo che accompagna la guida stessa, per addentrarci su una tematica che ritengo essere d'importanza fondamentale: il metodo di studio....
Università e Master

10 consigli per affrontare uno stage

Quando si terminano gli studi, l'approccio iniziale al mondo del lavoro avviene spesso tramite uno stage. Precisamente si tratta di un periodo di formazione o apprendistato successivo agli studi o che precede l'assunzione. Lo stage è possibile eseguirlo...
Università e Master

Come affrontare un esame non riuscito

Nei diversi corsi di studi universitari, talvolta può succedere di non riuscire in un esame, magari ricevendo una bocciatura o anche un voto troppo basso che va a rovinare la media.Purtroppo, in questi casi, uno studio intenso e tanto impegno non riescono...
Università e Master

Come analizzare dei dati genetici con il test del chi-quadrato

Un'analisi statistica semplice che devi utilizzare per saggiare l'ipotesi nulla è chiamata test del chi-quadrato, che essenzialmente è un test di bontà dell'adattamento. Nella guida seguente ti spiego brevemente come analizzare dei dati genetici col...
Università e Master

Come prepararsi a sostenere un esame universitario

Nella seguente semplice e rapida guida che enuncerò nei passaggi successivi, vi indicherò brevemente i migliori consigli che vi aiuteranno nello studio e, quindi, vi consentiranno di sostenere, brillantemente e con una maggiore tranquillità, un qualsiasi...
Università e Master

Come e quante volte ripetere una materia in vista dell'esame

Studiare una materia per un esame è certamente faticoso. Ma forse ancor più faticoso risulta ripetere in vista dell'esame. Ripetere può essere molto noioso. Ma in realtà è molto utile. Possiamo avere l'illusione di conoscere bene la materia. Magari...
Università e Master

Come scrivere la tesi di laurea

La fine del percorso di studi è segnato solitamente dalla discussione della propria tesi di laurea, un esame finale che prevede di raccontare e spiegare il proprio lavoro che raccoglie in se tutto ciò che si è studiato durante il percorso di studi....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.