Come dare il nome ai derivati polisostituiti del benzene

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

La chimica rappresenta una delle materie più ostiche da affrontare per uno studente: a prescindere dal percorso e dal grado di studi, questa materia richiede un'attenzione ed un approccio particolare. Ciò diventa più chiaro soprattutto quando lo studio si sposta dalla chimica inorganica a quella organica: sono due sfaccettature diverse dalla stessa materia, e pertanto diverse conoscenze e formule opportunamente corrette sono applicabili ad entrambi gli ambiti. Tutto si complica quando si arriva alla nomenclatura, in particolare delle molecole contenenti carbonio e del benzene, componente coinvolto nella maggior parte delle reazioni di combustione. A questo punto si pone il seguente problema: data la vastità di composti del benzene risulta complicato classificarne e nominarne tutti i polisostituiti, ma non temete: in questo articolo proveremo a risolvere questo problema: ecco a voi una guida su come dare il nome ai derivati polisostituiti del benzene.

26

Occorrente

  • carta, penna e tavola periodica
36

Il primo passo da fare è considerare i sostituenti: se uno di essi caratterizza il composto dandogli un nome particolare, esso è da considerarsi derivato da quel composto. Se nessuno dei composti dà un nome particolare, la molecola è da considerarsi e nominarsi considerando la posizione dei sostituenti, andando a cercare anche la numerazione che li contraddistingue. Dopo che avrete individuato i sostituenti non dovrete far altro che nominare prima in ordine prioritario e poi scrivere la formula in ordine alfabetico.

46

Distinguiamo in base alle priorità dei sostituenti due tipi di composti polisostituiti: composti ortopara e meta orientanti. Questi sostituenti favoriscono alternativamente conformazioni Orto o para (primo tipo ortopara) o di tipo meta (meta orientanti). In entrambi i casi si tratta di compiere una sostituzione elettrofila aromatica e quindi la denominazione che sarà attribuita al polisostituto varerà a seconda della maggiore o minore acidità del composto attaccante (elettrofilicità) e quindi il composto sostituente considerato.

Continua la lettura
56

Gli idrocarburi aromatici polinucleari contengono due o più anelli aromatici: ciascuna coppia di essi contiene due atomi di carbonio dell'anello e hanno nomi comuni. Tra di essi ricordiamo quindi il Naftalene (due anelli aromatici fusi insieme), l'Antracene (tre anelli carboniosi fusi insieme) e il Fenantrene. Questi si ricavano formalmente per sostituzione di uno ione idrogeno con un anello benzenico.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come dare ripetizioni efficacemente

Dare ripetizioni agli studenti è un modo abbastanza efficace per guadagnare qualcosina, soprattutto per i gli studenti universitari o per i neo-laureati, in attesa di un'occupazione vera e propria. Questo, però, non significa che si tratti di un'attività...
Università e Master

Come Dare Lezioni Di Ripetizione In Base Alle Proprie Competenze

Nel corso della vita scolastica, circa la metà degli studenti necessita di un sostegno adeguato per migliorare i propri voti. Se siete diplomati, laureati, possedete una certificazione valida professionale e desiderate guadagnare qualche soldino extra,...
Università e Master

Come effettuare l'achilazione di Friedel-Crafts

L'achilazione di Friedel-Crafts è una reazione chimica che consente di introdurre nell'anello degli idrocarburi aromatici un gruppo alchilico. Per idrocarburo aromatico si intende un composto organico che contiene come unità strutturale un anello a...
Università e Master

Come riconoscere gli anelli aromatici

In questo capitolo cercheremo di riconoscere gli anelli aromatici, che vengono anche riconosciuti come composti aromatici semplici, questi composti organici aromatici che sono formati da un sistema ciclico a struttura planare in cui tutti gli atomi che...
Università e Master

come riconoscere le tipologie dei nomi deverbali

Per verbi deverbali (VDev) si intendono, in base ai comportamenti morfologicidell’italiano, verbi formati a partire da una base verbale mediante opportuni suffissi (conl’eventuale concomitante comparsa del prefisso s-, che connota come parasintetico...
Università e Master

Programmazione in C++: le classi

La tecnologia sta prendendo via via sempre più piede e quindi risulta negativo non conoscere almeno un linguaggio di programmazione. Tra i linguaggi più diffusi si trova sicuramente Java, ad esso è secondo C++, un mix tra linguaggio procedurale (ad...
Università e Master

Come fare la preparazione e le reazioni delle ammidi

Un gruppo molto importante di composti chimici, che appartiene a quello più grande e vasto dei derivati acilici degli acidi carbossilici, è rappresentato dalle ammidi. Queste, tra tutti, sono sicuramente i composti più stabili e quindi meno reattivi,...
Università e Master

5 buoni consigli per iniziare lo studio della fisica quantistica

La fisica quantistica, detta più precisamente meccanica quantistica, è la branca della fisica che studia il comportamento della materia, dell'energia e delle interazioni tra loro. Questa teoria è stata il punto di svolta principale dalla fisica classica....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.