Come dare il nome agli alogenuri alchilici

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Tra tutte le materie scolastiche la chimica è una di quelle che ad alcuni studenti incute timore: impararla dalle basi non è mai stato semplice per nessun allievo. Alcuni argomenti della suddetta materia infatti possono sembrare particolarmente ostili tanto da scoraggiare davvero tantissimi ragazzi dallo studiare o almeno cercare di capire tale affascinante disciplina. In questa semplicissima e breve guida vi spiego come dare il nome agli alogenuri alchilici, i composti contenenti da un atomo di alogeno legato a un carbonio di tipo sp3. La formula generale è: R-X, dove X rappresenta un alogeno, nella fattispecie F, Cl, Br o I. Seguite quindi questi brevissimi passi dove vi illustro le poche ma fondamentali informazioni necessarie per comprendere tale processo. Sono sicura che grazie a questa guida la chimica risulterà una materia molto facile da comprendere ed anche piacevole. Buona lettura a tutti!

24

La prima regola da memorizzare è la seguente: il nome IUPAC deriva dalla denominazione del suo corrispondente alcano quindi il primo semplice passo che dovete compiere è quello di individuare la catena base e numerarla a partire dall'estremità, poiché essa permette di assegnare al sostituente incontrato per primo il numero più basso. Vi assicuro che questa operazione è molto più facile da svolgere che da spiegare, ed un pizzico di attenzione può davvero aiutarvi a superare questo ostacolo.

34

Una volta individuata la catena base e numerata come vi ho spiegato nel primo passo, Indicate gli atomi di alogeno come sostituenti mediante i prefissi fluoro- bromo- cloro- iodio- ed elencateli in ordine alfabetico insieme agli altri sostituenti.
Usate adesso un numero che precede il nome dell'alogeno per localizzare ciascun atomo presente sulla catena base. Questo concetto ha una sua esatta logica che può essere compresa appena si segue questo procedimento.

Continua la lettura
44

L'ultima regola da tenere a mente è la seguente: i nomi comuni degli alogenoalcani consistono del nome comune del gruppo alchilico preceduto dal nome dell'alogenuro come parola separata. Il nome di alogenuro alchilico deriva proprio da questo tipo di nomenclatura particolare. Alcuni composti infine sono gli Aloformi, di tipo CHX3.
Un esempio molto comune può essere il tricloro etene, anche se ne esistono diverse varietà. Come vedete quindi il tanto agognato e temuto argomento di chimica alla fine non si è rivelato così impossibile da decifrare.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come Eseguire La Carbossilazione Con I Reagenti Di Grignard

Come forse non saprete, qualunque preparazione degli acidi carbossilici, ovvero dei composti organici contenenti il gruppo carbossile (-COOH), è quasi sempre una tappa veramente fondamentale per la sintesi organica, ossia la costruzione delle molecole...
Università e Master

Come Sintetizzare Il Cloruro Di T-butile

Uno dei metodi più seguiti per sintetizzare gli alogenuri alchilici prevede la sostituzione del gruppo ossidrilico (OH) di un alcol con un alogeno. L'alcol reagisce con un acido alogenidrico formando, appunto, l'acido alogenidrico e acqua. In questa...
Università e Master

Come Produrre Le Ammine E Le Enammine

La formazione di ammine ed enammine è senza dubbio una tipica reazione di addizione nucleofila al carbonile di composti quali aldeidi e chetoni da parte di alcuni composti a carattere di nucleofili, rispettivamente, come le ammine primarie o le ammine...
Università e Master

Come Idrolizzare Gli Alogenuri Acidi

L'idrolisi è un processo nel quale le molecole si scindono grazie a particolari forme di reazione determinate dall'acqua. Solitamente quindi, il processo di idrolisi si deve intendere come l'opposto rispetto a quello della condensazione. In questa guida...
Università e Master

Come Effettuare Il Saggio Di Lucas

In chimica analitica classica ed organica, il saggio di Lucas è un saggio chimico per distinguere se un alcol incognito è primario, secondario o terziario. Il saggio funziona solo per gli alcoli a basso peso molecolare solubili nel reattivo di Lucas,...
Superiori

Come dare il nome agli alcoli

La chimica si avvale di una nomenclatura che ci permette di risalire alla composizione di alcune sostanze. Come per tutte le materie scientifiche, ogni elemento è contraddistinto da formule e da schemi che ci permettono di classificarli in determinate...
Università e Master

Come Fare Una Addizione Di Hbr Agli Alchini Secondo Markovnokov

Gli Alchini sono formati da atomi di idrogeno e carbonio uniti tra di loro. Queste unioni sono chiamate legami covalenti e se intendiamo studiarle, ma non conosciamo le basi per comprendere il concetto è importante ricorrere all'addizione dell'HBR sugli...
Università e Master

Chimica: idroborazione di un alchene

Nella chimica organica, moltissime sono le reazioni che coinvolgono gli alcheni. Tra di esse sono particolarmente importanti le reazioni di idratazione che li portano a reagire con diverse sostanze per formare degli alcol. L'idroborazione seguita da ossidazione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.