Come creare una custodia per i libri fotocopiati

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Avete presente tutte quelle fotocopie che intasano la vostra scrivania, stipate dentro cartellette voluminose con o senza anelli e super raccoglitori fuori misura che scoppiano sopra gli scaffali? Spesso, quando si hanno dei libri fotocopiati, si rischia di rovinarli in borsa o nel continuo tragitto tra casa e università. Per prevenire il fatto che si sciupino oppure che si ammacchino, basta costruire delle semplici custodie per i libri fotocopiati. Vi insegnerò a fare una custodia per tenere le vostre fotocopie rilegandole a formare un libro.

26

Occorrente

  • Cartoncino colorato
  • Forbici
  • Nastro adesivo
  • colla pritt
36

Se avete un po’ di tempo, un po’ di pazienza e un briciolo di manualità, potrete ovviare, almeno in parte, a questo problema, trasformando delle brutte fotocopie in dignitosi libri rilegati. Ecco i passaggi da seguire. È un lavoro più facile di quel che sembra e si velocizza man mano che si impara. Prendete ogni singola fotocopia e piegatela al contrario, la parte bianca deve restare esterna e quella scritta interna. Fate in modo che la piega sia netta, aiutandovi con un tagliacarte o con un oggetto simile che possa appiattire bene lo spessore che si crea. Attenzione a disporre tutte le fotocopie una sopra l’altra, in ordine di pagina.

46

È arrivato il momento della colla. La migliore è la Pritt, che attacca bene e non bagna la carta. Passare la colla sul lato piegato di ogni fotocopia, in lungo. Attenzione: basta un solo lato e non bisogna incollare tutta la superficie. La fotocopia piegata su cui avete appena passato la colla va perfettamente sovrapposta e incollata a quella successiva. Man mano che incollate, il vostro libro prende forma nella sua parte interna. Quando avete finito, per far sì che la colla aderisca bene alla carta e faccia il suo dovere il più a lungo possibile, potete usare delle pinze per tenere unite tutte le pagine incollate. Queste pinze, di diverse dimensioni, si trovano in cartoleria. Analoga funzione potrebbero avere delle mollette da bucato, ma la loro presa sarebbe troppo blanda e non reggerebbero lo spessore del volume.

Continua la lettura
56

A questo punto bisogna pensare alla copertina, prendete un foglio in A4 di cartoncino un po' rigido, e sagomatelo attorno del libro che avete appena realizzato incollando le fotocopie piegate. Due sono le pieghe che dovete dare al cartoncino, ovvero quelle che aderiscono alla costa (il bordo) del volume. Una volta data la forma al cartoncino che fungerà da copertina, prendete due fogli in A4 bianchi: servono a unire la copertina all'interno del libro. Sistemate accuratamente la copertina intorno al libro, poi apritene una parte e incollate il foglio bianco, disposto orizzontalmente, in parte al cartoncino, in parte al libro. Poi fate lo stesso con l’altro lato. Questa volta incollate tutta la superficie dei fogli bianchi per farla aderire perfettamente sia al libro, che alla copertina. La costa della copertina non va incollata, ma rimane staccata dal libro. Ora potete divertirvi a decorare la copertina, che sarà bianca o del colore del cartoncino che avete utilizzato. Potete servirvi anche dello scotch telato colorato per rifinire gli angoli o utilizzare della carta decorata o entrambe le cose.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Fate attenzione ai particolari.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come realizzare la copertina della tesi

La discussione di una tesi di laurea rappresenta quel passo che corona l'intero percorso di studi, dall'inizio alla fine. Per questo motivo è importante che ogni cosa sia curata fin nei minimi dettagli e per fare ciò è indispensabile, innanzitutto,...
Superiori

Come organizzare un quaderno di appunti

Generalmente tutto comincia con gli appunti. Il capo che ci spiega il lavoro da fare; l'analista che tiene una conferenza sul nostro settore di mercato; i nostri collaboratori più stretti; riuniti intorno ad un tavolo per una riunione. Nonostante oggi...
Università e Master

Come impaginare una tesi di laurea

Una volta scritto la tesi di laurea, è importante passare all'impaginazione. Impaginare la tesi di laurea in modo corretto è importante. Ciò vi permette di presentare un lavoro ben fatto. Cià vale sia dal punto di vista del contenuto, sia da quello...
Maturità

Come rilegare una tesina

Tutti gli studenti prima o poi si trovano a dover affrontare la realizzazione di una tesina. Naturalmente perché sia apprezzata dai professori è necessario che sia ben fatta e curata in tutti i suoi aspetti. Naturalmente la cosa principale e forse più...
Elementari e Medie

10 cose che non possono mancare nello zaino di scuola

Con l'approssimarsi dell'inizio del nuovo anno scolastico, in tutte le case nelle quali vivono degli studenti c'è fermento per i preparativi. Il corredo relativo agli studi è di fondamentale importanza per giungere pronti a cominciare bene; perché...
Superiori

5 oggetti fondamentali nello zaino scolastico

Al termine delle vacanze estive bisogna pensare a come organizzare il ritorno a scuola. Tra le tante cose a cui pensare, la preparazione dello zaino scolastico è una di quelle più importanti. Prima di tutto anche se sembra scontato dirlo, bisogna controllare...
Elementari e Medie

Come realizzare un lapbook sulle tabelline

Il termine lapbook viene impiegato per indicare una cartellina contenente alcuni mini libri di diversi formati. E colori. Si tratta sostanzialmente di un lavoro creativo che raccoglie nozioni scolastiche di vario tipo e che viene realizzato da insegnanti...
Superiori

10 errori da evitare per non rovinare i libri

I libri non sono dei semplici oggetti, ma sono il mezzo più diffuso per tramandare il sapere, per rilassarsi, per evadere dalla routine, per studiare; racchiudono emozioni e comunicano con noi. Purtroppo a furia di essere maneggiati, sfogliati, letti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.