Come creare un cristallo

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Fare un regalo davvero apprezzato è molto difficili e richiede dedizione di tempo, nonché tante doti come soprattutto la fantasia. Tuttavia è molto piacevole riuscire a fare felici parenti e amici, il che ci porta alla ricerca della trovata più originale e potenzialmente accettata. L'idea che oggi vi proponiamo è quella di provare a creare dei cristalli in casa seguendo questa nostra rapida e semplice guida, che richiede la sola accortezza verso i materiali usati, in quanto potenzialmente dannosi. Allora cosa aspettate? A noi non resta che augurarvi buona lettura!

26

Occorrente

  • Solfato di Rame
  • un recipiente di metallo
  • Acqua demineralizzata
  • Una fonte di calore
36

Le dosi

Per realizzare il vostro cristallo fatto in casa ci occorrono 100 g di Solfato di Rame, e 300 ml di acqua, oppure aumentare le dosi per ottenere cristalli di dimensioni maggiori, mantenendo sempre le proporzioni di 1 a 3.
Se avete problemi con la reperibilità del solfato di rame, è possibile trovarlo in qualsiasi negozio che fornisca prodotti per l'agricoltura.
Dunque iniziamo col mettere la quantità d'acqua in una bacinella di ferro dopodichè versiamo il solfato di rame al suo interno e infine mettiamo la bacinella a cuocere su una fiamma o fornetto.

46

Il procedimento

Lasciate la bacinella a fuoco lento per circa 30 minuti continuando a mescolare per bene con un cucchiaino o un mestolo da cucina in legno ricordando sempre di utilizzare i guanti.
Continuate a girare scrupolosamente affinché tutte le particelle del solfato non si saranno completamente sciolte e quindi che il livello dell'acqua nella bacinella scenda.
Trascorsi i minuti necessari spegniamo la fiamma e lasciamo la bacinella da parte per qualche giorno in un posto caldo e possibilmente umido; il consiglio è di coprire la bacinella con un foglio di carta per evitare che la polvere possa mescolarsi con la sostanza ricavata, si consiglia, quindi, di usare soltanto un semplice foglio di carta in modo che l'aria possa filtrare comunque.

Continua la lettura
56

Le fasi conclusive

Trascorso qualche giorno, infine, riprendete di nuovo la bacinella e, facendo molta attenzione, scolate l'acqua in un recipiente che poi provvederete a smaltire.
Una volta scolata tutta l'acqua rimasta, ci accorgeremo del miracolo avvenuto, ecco infatti comparire sul fondo del contenitore dei pezzi solidificati di cristallo!
Non ci rimane altro che tirarli fuori e ammirarli in tutto il loro splendore, apprezzando la varietà dei colori che saremo in grado di realizzare, dando sfogo alla nostra fantasia. Dunque non esistate a provare a stupire il vostro festeggiato e provate a realizzare questi bellissimi cristalli. A presto.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per dimensioni maggiore aumentare le dosi con la stessa proporzione

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Appunti di chimica: la concentrazione e le soluzioni sature

Lo studio della chimica può essere molto divertente ed è applicabile alla vita di tutti i giorni. In questi appunti, cercheremo di fornire un quadro dettagliato di un argomento fondamentale per l'apprendimento della materia, chiarendo il concetto di...
Superiori

Appunti di elettronica: il diodo

L'elettronica è quella branca della tecnica che fa uso dei principi teorici della fisica dei semiconduttori per la realizzazione di dispositivi lineari e non lineari, utilissimi in svariate applicazioni tecniche e scientifiche. I diodi, detti anche "dispositivi...
Superiori

Fisica: il terzo principio della termodinamica

In fisica, il terzo Principio della termodinamica, noto anche come principio di Nernst, correla la temperatura assoluta di un sistema all'entropia. L'entropia è una funzione di stato, e dal secondo principio della termodinamica sappiamo che, i sistemi...
Superiori

Appunti di fisica sull'elettricità

L'elettricità e l' energia elettrica sono argomenti che vengono trattati nelle scuole durante le ore di fisica, ma spesso agli studenti questa materia non è del tutto chiara, perché ricevono troppe informazioni e in poco tempo. Per fare chiarezza...
Superiori

Fisica: la legge di Bragg

Ecco una semplice ed utilissima guida, mediante cui poter capire qualcosa di più sulla fisica ed in particolar modo sulla legge di Bragg, in modo tale da poterne sapere di più e poter utilizzare queste nozioni nel momento in cui ci serviranno! I cristalli,...
Superiori

Eventi storici: la notte dei cristalli

Il 9 novembre del 1938, sancisce una data storica ancora drammaticamente ricordata ai nostri giorni. Proprio durante la notte di quel fatidico giorno, in Germania si verificò una vicenda che passò nella storia con il nome di "Notte dei cristalli". Tale...
Superiori

Scienze: la vita di un vulcano

L'attività vulcanica si verifica per tre fenomeni. Le placche con margini divergenti in cui la crosta si frattura diventando sempre meno spessa. Si apre una fessura e tramite una decompressione si ha la formazione del magma. La fessura continua ad allargarsi...
Superiori

Appunti di scienze: il magma

Il Magma è una miscela di roccia fusa (o semi-fusa) di detriti volatili e solidi, che si trovano sotto la superficie della Terra. Oltre roccia fusa, il magma può contenere anche cristalli sospesi e gas disciolti; spesso si raccoglie in camere magmatiche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.