Come costruire una bobina di valore esatto

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Nel campo dell'elettronica troviamo vari elementi tecnici che rivestono un'importanza notevole per il corretto funzionamento delle varie apparecchiature. Uno di questi è la bobina. Si definisce bobina un insieme di spire. Il loro numero è variabile e può essere compreso tra una frazione di spira e molte migliaia. Tali spire debbono essere realizzate con materiale conduttore. I campi di applicazione della bobina sono diversi, si va dall'elettronica ed elettrotecnica alla meccanica, ma anche in medicina trova il suo impiego, soprattutto nel campo della Risonanza Magnetica. Ha un parametro elettrico principale che viene definito induttanza. Ma ora vediamo come costruire una bobina di valore esatto.

26

Occorrente

  • Filo elettrico, calcolatrice
36

L'utilizzo delle bobine si esplica soprattutto nella costruzione di ricevitori radio. Il loro valore è espresso in Henry, ma spesso si usano anche i suoi sottomultipli, milliHenry e microHenry. Rispettivamente essi sono un millesimo e un milionesimo di Henry. Nel momento in cui si realizza una radio (sia essa ricevitore o trasmettitore) sorge sempre il dubbio di quante spire di filo occorre avvolgere in aria. Per trovare una soluzione soddisfacente solitamente ci si affida a delle formule apposite.

46

Esistono molte formule per calcolare il valore esatto della bobina che stiamo costruendo. Quella che illustro in questa guida è abbastanza semplice e precisa. Viene usata principalmente per creare bobine ad un solo strato, avvolte in aria o su un supporto di plastica o cartone. Essa è la seguente: n = radice quadrata di (25,4 x (4,5d 10 l) x L): (0,5 x d). In questa formula per L si intende l'induttanza espressa in µH, per d si intende il diametro del supporto espresso in millimetri, per l si intende la lunghezza dell'avvolgimento espressa in millimetri, mentre per n si intende il numero delle spire che dobbiamo trovare.

Continua la lettura
56

Facciamo un esempio pratico per meglio spiegare l'utilizzo della formula. Vogliamo costruire una bobina che abbia un'induttanza da 2 µH per un ricevitore radio. Utilizziamo per lo scopo un supporto di 8 mm di diametro (a nostro piacere), come lunghezza dell'avvolgimento (minimo 2/3 di 1) impostiamo 6 mm. La lunghezza è, in pratica, all'incirca quella del tubo. Applichiamo a questo punto la formula di prima e otteniamo il risultato di 17,4 che costituisce il numero di spire da avvolgere al supporto. Tale risultato può essere arrotondato tranquillamente a 17. Abbiamo ottenuto in questo modo una bobina dal valore esatto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come calcolare il valore medio e l'errore massimo

Tra tutte le materie da studiare ed affrontare nel corso degli anni scolastici e non solo, ce ne sono alcune particolarmente ostili. Tra queste c'è sicuramente la fisica che da decenni e decenni terrorizza schiere di studenti impauriti. Imparare questa...
Università e Master

Come costruire un grafico

Costruire un grafico può essere un'operazione abbastanza utile per presentare i dati di una determinata ricerca e per effettuare un confronto fra quest'ultima ed una eseguita precedentemente; può essere utile anche per capire l'andamento di un determinato...
Università e Master

Come costruire un termometro atmosferico ad aria

Considerati i prezzi più che elevati degli strumenti di misura in commercio, è utile tenere presente che nell'ambito del fai da te, è possibile cimentarsi nella realizzazione di vari tipi di strumenti, tra cui i termometri. Quello che ti suggerisco...
Università e Master

Come costruire il diagramma di Bruckner

In questa guida affronteremo un argomento ostico per molti studenti universitari, ovvero il diagramma di Bruckner, utile nell'analisi matematica e per la rappresentazione grafica dei volumi: ne potete osservare un esempio illustrato nell'immagine. La...
Università e Master

Come costruire una diga

All'interno di questa specifica guida, andremo a occuparci di un tema molto interessante, che ha contraddistinto lo sviluppo stesso della civiltà avanzata: la diga. Nello specifico, come avrete avuto l'opportunità di comprendere attraverso la lettura...
Università e Master

Come costruire un Quadrato Di Punnet Con 2 Caratteri

Questa guida vi aiuterà a costruire un quadrato di Punnett per l'analisi di 2 geni che si incrociano per comprendere quali saranno i caratteri dominanti e recessivi nel susseguirsi delle varie generazioni; ovvero permette di "predire" la generazione...
Università e Master

Come Costruire Verbi Parasintetici

La lingua italiana presenta una grammatica abbastanza ricca, infatti sono molte le parti del discorso presenti nel linguaggio, come ad esempio: sostantivi, nomi, aggettivi, articoli, preposizioni, verbi, congiunzioni e avverbi e tutti devono essere analizzati...
Università e Master

Come costruire una cicloide allungata

In geometria, le rulette sono indubbiamente delle figure abbastanza complesse da riprodurre, le quali costituiscono il luogo dei punti di rotazione di un determinato corpo cinematico, in un sistema in movimento. Tra le rulette maggiormente studiate, assume...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.