Come costruire le affermazioni contronominali

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Ognuno di noi fa ragionamenti pratici particolari, tutti i giorni. In molte circostanze, specialmente nel corso delle sessioni di studio della logica classica, abbiamo a che fare con sottili argomentazioni dalla validità garantita. Infatti, esse scaturiscono da meccanismi molto efficaci, basati sulla produzione proposizionale. Nella guida seguente, vi mostriamo come costruire le affermazioni contronominali. Stiamo parlando di tecniche molto potenti ed efficaci, tutte da conoscere ed utilizzare.

26

Prima di tutto, scopriamo di cosa si tratta. Per costruire le affermazioni contronominali, dobbiamo sapere quando si parla delle stesse. In tutte le proposizioni logiche, l'enunciato contiene in forma sintetica una determinata formula, del tipo "Se... Allora...". Stiamo parlando di condizioni molto familiari, che leggerete nelle righe seguenti. Per chiarire meglio tale concetto, facciamo un esempio di implicazione logica. Eccolo: "Se Mario è uscito con lo zaino, allora va a scuola". Quest'ultimo è un esempio tipico di implicazione logica. Infatti, se Mario è uscito davvero con lo zaino, è altrettanto appurato che sia andato a scuola. Stiamo parlando di due atti strettamente collegati, l'uno conseguenza dell'altro.

36

Facciamo adesso un ulteriore passo. Ipotizziamo il ragionamento iniziale come logicamente valido. Nel nostro caso, supponiamo che Mario abbia preso lo zaino. Potete ricavare un altro ragionamento completamente equivalente a quello di partenza. Di conseguenza, anch'esso risulta valido. Ecco, quindi, una proposizione contronominale. A questo punto, rispondiamo alla domanda posta all'inizio, sulla quale si basa tutta la guida. Vediamo come costruire le affermazioni contronominali. Per riuscirci, dobbiamo negare la tesi di partenza. Indichiamo che tale negazione porta ad una conseguente negazione dell'ipotesi. Di conseguenza, otterrete una proposizione contronominale di questa forma: "Se non... Allora non". Nell'esempio in questione: "Se mario non ha preso lo zaino, di conseguenza non va a scuola".

Continua la lettura
46

Ora analizziamo un'ulteriore ipotesi. Vediamo come costruire la contronominale di "se non giochi allora non vinci". Prima di tutto, dovete negare la tesi (allora non vinci) e poi l'ipotesi (se non giochi). L'affermazione ottenuta sarà la seguente: se vinci, allora vuol dire che hai giocato. Non confondete mai questa con l'affermazione falsa "Se giochi allora vinci". Se inverti l'ipotesi con la tesi senza la necessaria negazione, riceverai risultati non corretti. Di conseguenza, ogni affermazione sarà falsa. Ecco dunque come costruire le affermazioni contronominali. Speriamo di esservi stati d'aiuto.

56

Guarda il video

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Maturità

Come preparare un percorso multidisciplinare per la maturità

L'esame di maturità è sicuramente uno dei momenti più temuti dagli studenti. Esso può rivelarsi davvero ostico e complicato se non lo si affronta nel modo giusto. L'ostacolo senza dubbio più difficile da superare è l'esame orale nel quale avviene...
Lingue

Come fare la forma interrogativa in tedesco

Quando studiamo una lingua straniera, molto spesso incontriamo qualche piccola difficoltà a livello grammaticale. Soprattutto se ci avviciniamo allo studio delle lingue germaniche, troviamo delle regole abbastanza differenti da quelle della nostra lingua,...
Università e Master

Come scrivere l'elenco fonti in una tesi

Tutti gli studenti universitari si trovano prima o poi alle prese con la stesura di una tesi. E non solo loro. Capita agli studenti del liceo, agli studiosi, ai letterati, ai professori. Una tesi ha una struttura molto simile a quella di un libro di testo....
Università e Master

Teorema di indefinibilità di Tarski: dimostrazione

Il teorema di Tarski sull'indefinibilità della verità dell'aritmetica è strettamente legato ai teoremi di Godel ed ai suoi studi: per questo partiremo dalla sua "matematica" per poi arrivare alle dimostrazioni di Tarski. La dimostrazione del teorema...
Università e Master

Come applicare il teorema di Clapeyron

Il teorema di clapeyron afferma che: "il lavoro di deformazione di un corpo elastico lineare sollecitato da forze agenti staticamente è pari alla metà del lavoro che tali forze compirebbero per gli spostamenti effettivi se conservassero costantemente...
Università e Master

Come individuare i termini maggiori, minori e medi di un sillogismo

Il padre della filosofia greca Aristotele, fu il primo a teorizzare il sillogismo, ossia un tipo di ragionamento dimostrativo che a partire da tre tipi di termini (minore, medio e maggiore) giunge a conclusioni logiche. Un sillogismo, secondo la logica...
Maturità

Cos'è la forza di Lorentz

Si definisce forza di Lorentz quella che si sviluppa tra un corpo carico ed un campo elettromagnetico. Oggi affronteremo per grandi linee il concetto di forza di Lorentz. Per prima cosa notiamo che la forza prende il nome dall'omonimo fisico, Hendrik...
Superiori

Appunti di geografia: diffusione urbana e periurbanizzazione

In questo articolo affronteremo un argomento molto interessante. Quando si parla di diffusione urbana e periurbanizzazione, ci riferiamo ad un fenomeno particolare, riferito all' allargamento delle città inteso come costruzione di nuovi edifici conseguenti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.