Come Costruire La Proposizione Completiva Volitiva In Latino

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il latino è la lingua madre degli italiani, difatti l'italiano deriva appunto dal latino; tuttora oggi, alcuni termini sono riportati nella nostra lingua. La grammatica è abbastanza complessa e presenta perlopiù gli stessi termini di quella italiana. Comporre una frase in latino non è molto semplice, se non si è fatto uno studio approfondito sulle basi. I verbi sono coniugati come quelli italiani e ci sono inoltre altre componenti simili come ad esempio: le preposizioni, i nomi, gli articoli, gli aggettivi e gli avverbi. Le frasi in latino vengono analizzate in maniera più approfondita tecnicamente. Purtroppo questa lingua nella maggior parte dei casi è studiata solo in alcuni licei. In questa guida sarà illustrato dettagliatamente come costruire la proposizione completiva volitiva in latino.

24

Le completiva volitive in latino sono le subordinate che corrispondono alle soggettive, oggettive che hanno appunto forma volitiva perché sono rette da un verbo di volontà, di desiderio, di sforzo e di intenzione come ad esempio: ammonire, incitare, ordinare, persuadere, pregare, desiderare, implorare, ecc. La volitiva completiva completa quindi il senso del verbo ed esprime una volontà.
In latino, vediamo questi tipi di proposizione in dipendenza dai verbi cosa significano:
- esortare, consigliare, ordinare (suadeo, moneo, impero);
- pregare, chiedere, domandare (oro, rogo, peto, quaero).

34

Quando ci troviamo in dipendenza di questi verbi, troviamo ut/ne congiuntivo presente / imperfetto.
Per rendere efficacemente in italiano questo costrutto e interpretare al meglio il senso della frase, devi tradurre nel seguente modo:
- forma esplicita: "che" / "che non" congiuntivo;
- forma implicita: "a", "a non" / "di","di non" infinito.

Continua la lettura
44

Solo il contesto e il verbo reggente consentono di capire se ut / ne congiuntivo introducono una proposizione finale o una completiva volitiva.
In generale, la completiva volitiva completa il senso della reggente che da sola non avrebbe senso, mentre nella finale che indica lo scopo per cui si compie l'azione espressa nella reggente, quest'ultima ha senso anche da sola. Infatti le completive volitive fungono da complemento diretto cioè soggetto o oggetto, mentre le finali fungono da complementi circostanziali come il complemento di fine. Per esempio nella frase, "Cura ut valeas" che vuol dire "Cerca di star bene", la reggente da sola non si regge. Invece, nella frase: "Venitis ut ludos videatis" che significa "Venite per vedere i giochi", la reggente si regge da sola.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come Formare Le Proposizioni Interrogative Indirette In Latino

Le proposizioni interrogative indirette sono subordinate di natura completiva, che formulano una domanda in forma indiretta, cioè in dipendenza da un verbo come "chiedere, domandare, interrogare, sapere". Se invece la domanda è formulata in modo diretto...
Superiori

Come costruire le proposizioni causali in Latino

La proposizione causale rappresenta una subordinata che esprime la causa dell'azione della sua reggente. In latino questa deve essere necessariamente differenziata in due tipi: una è la proposizione causale oggettiva, mentre l'altra è quella soggettiva....
Superiori

Come Comporre Una Proposizione Infinitiva In Latino

Uno dei costrutti più importanti da studiare per imparare al meglio la sintassi latina è sicuramente la proposizione infinitiva. Nelle proposizioni infinitive il predicato è costituito dal modo infinito. Una proposizione infinitiva può essere soggettiva...
Superiori

Come tradurre le proposizioni infinitive in latino

In latino, l'infinito oltre ad essere un modo verbale, può fare da soggetto o da oggetto di un'intera proposizione, che, a seconda della sua funzione grammaticale, viene denominata "soggettiva" o "oggettiva". Queste proposizioni in latino vengono definite...
Superiori

Come costruire interest e refert

Il latino è la base di numerose lingue (le cosiddette neolatine). Da sempre, costituisce un cruccio per gli studenti. I verbi, in particolare, con i loro tempi, modi e declinazioni possono confondere i giovani scolari. In genere, sono una parte importante...
Superiori

Come costruire le proposizioni consecutive in Latino

La proposizione consecutiva è una proposizione dipendente in cui viene indicata la conseguenza di ciò che è espresso nella reggente (o proposizione principale). Si traduce in italiano in forma esplicita con la congiunzione ''che'' + indicativo, o in...
Superiori

Latino: proposizioni concessive e avversative

La guida che andremo a sviluppare all'interno dei tre passi che seguiranno questa brevissima introduzione, sarà dedicata a una lingua straniera classica: il latino. Come potrete facilmente comprendere tramite la lettura del titolo che abbiamo impostato...
Superiori

Come Costruire Le Proposizioni Con "Cum Congiuntivo" In Latino

Il latino come si dice comunemente è una lingua morta, perché, come suggeriva una illustre linguista, morti sono coloro che la parlavano, ma non perché sia morta la lingua in sé. Ma In realtà noi studiamo documenti scritti in latino. E questo è...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.