Come Costruire I Verbi "Doceo" E "Celo"

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

La grammatica latina si presenta vasta e particolareggiata, quindi imparare alcune regole universali consente di svolgere speditamente traduzioni corrette. Una casistica da manuale è certamente rappresentata dai verbi DOCEO e CELO. Memorizzate, dunque, come costruire i due verbi anche ponendo attenzione alle frasi/esempio.

25

DOCEO, doces, docui, docere (insegnare, informare): in primo luogo prefigurate una distinzione tra la forma attiva e quella passiva.  
ATTIVO: si delineano due casi 1) Nell'accezione di insegnare. Il verbo regge il doppio accusativo (quello della persona e della cosa).  
ESEMPIO: Socrates discipulos philosophiam docet = Socrate insegna la filosofia agli allievi; 2) Nel senso di informare: si compone con accusativo della persona e de + ablativo della cosa.  
ESEMPIO: Praefecti de victoria senatum docuerunt = i governatori informarono della vittoria il senato.  
PASSIVO: è necessario che rileviate 2 indicazioni fondamentali. 1) il participio "doctus" non risulta essere molto utilizzato e frequentemente viene sostituito da imbuor, instituor, erudior (sono istruito) con l'ablativo della cosa e a, ab + ablativo della persona da cui si riceve l'istruzione.  
ESEMPIO: Plato imbutis est de philosophia a Socrate = Platone fu istruito nella filosofia da Socrate; 2) considerate anche il verbo disco, discis, didici, discere = imparare (ricevere un insegnamento): si adotta l'accusativo della cosa che si impara e a, ab + ablativo della persona che impara.  
ESEMPIO: latinas litteras a te disco = imparo il latino da te.

35

La schedulazione del verbo CELO, celas, celavi, celatum, celare = nascondere è, invece, più sintetica. Anche in questo caso separiamo la forma attiva da quella passiva. ATTIVO: associate l'accusativo della persona a cui si nasconde e l'accusativo della cosa che si nasconde (è possibile anche indicare la cosa con de + ablativo).  
ESEMPIO: te celavi mortem regis oppure te celavi de morte regis = ti nascosi la morte del re.

Continua la lettura
45

PASSIVO: la figura a cui viene celata qualcosa diventa, in latino, il soggetto della frase (soggetto - verbo "celo" - de + ablativo della cosa nascosta).  
ESEMPIO: puer celatus est de morte patre = al fanciullo fu tenuta nascosta la morte del padre (il fanciullo fu tenuto all'oscuro della morte del padre). Le didascalie sono terminate; potete anche facilmente reperirle su qualsiasi testo di grammatica latina. Attenzione, ovviamente non sono presenti sui dizionari.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • la stesura di un semplice schema vi gioverà per mettere a fuoco le nozioni acquisite

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come utilizzare i paradagmi dei verbi latini

I verbi latino sono un argomento difficile da imparare, soprattutto se abbiamo una conoscenza non ben approfondita della grammatica italiana. Magari con un po' di pratica riusciamo a riconoscere i verbi quando li troviamo in latino. Ma quando dobbiamo...
Superiori

latino: sintassi dei casi

Il latino è una lingua molto antica che non viene più parlata oggi. Nonostante la sua importanza, in alcune scuole non viene studiato in quanto reputato una lingua "morta", al contrario è strutturato in modo minuzioso e ha la funzione di esercitare...
Superiori

Il dativo latino: guida al suo utilizzo

Nella lingua latina, i casi sono sei e si distinguono in diretti ed indiretti: nominativo, accusativo e vocativo fanno parte della prima categoria mentre genitivo, dativo ed ablativo fanno parte della seconda. Il dativo è il caso del complemento di termine...
Superiori

Come tradurre il supino in latino

Quando osserviamo un paradigma di un verbo in latino, oltre a trovare la forma della prima persona del presente indicativo, la seconda dello stesso tempo, la prima del perfetto e l'infinito del verbo, troviamo anche un nome verbale denominato supino....
Superiori

L'accusativo latino: guida al suo utilizzo

La grammatica latina è abbastanza particolare e il suo studio può, a volte, risultare di difficile comprensione. Tra le prime cose che si imparano vi sono i casi e le declinazioni. Proprio dei cosiddetti "casi" fa parte l'accusativo, insieme a nominativo,...
Superiori

Grammatica latina: il supino

In questo articolo vedremo "il supino" appunto nella grammatica latina.Il latino è, senza dubbio, la lingua madre di tutte le lingue europee, e l'italiano deriva proprio da essa. Ricordiamo che anche il francese e lo spagnolo derivano dalla lingua latina....
Superiori

Costruzioni latine: l'ablativo assoluto

Sciolta da legami grammaticali con la proposizione reggente l’ablativo assoluto è formato dall'unione di un nome e da un participio presente o perfetto. Nell'ablativo assoluto, il nome ha la funzione di soggetto logico del participio. La caratteristica...
Superiori

Come coniugare i verbi deponenti in Latino

Mentre in italiano i verbi sono o di forma attiva (es. Io lodo) o di forma passiva (es. Io sono lodato), in latino esistono anche verbi di forma passiva, ma di significato attivo: i verbi deponenti. I grammatici li hanno chiamati così pensando erroneamente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.