Come conoscere il Ps delle sostanze

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Il peso specifico di una sostanza è per definizione il suo peso (equivalente alla sua massa per l'accelerazione di gravità) diviso per il suo volume. Generalmente viene espresso come newton diviso decimetri cubi. Per capire come riuscire a calcolare il peso specifico (Ps) di sostanze solide o liquide, vi suggerisco di leggere e mettere in atto le semplici indicazioni procedurali qui illustrate. Si tratta di dar luogo ad una semplice prova sperimentale, al fine di constatare, determinare e conoscerne il peso specifico.
Vediamo quindi come conoscere il peso specifico di alcune sostanze.

25

Occorrente

  • Bilancia
  • Pannello di legno di abete
  • Sega
  • Olio d'oliva
  • Bottiglie
  • Calcolatrice
35

Partiamo con il parlare delle sostanze solide. Prima di tutto, per verificarne il peso specifico, è necessario tagliare con estrema cura, uno o più cubi della sostanza desiderata; è consigliabile creare dei cubi il cui spigolo sia lungo 1 decimetro. A questo punto basterà pesare un cubo su una bilancia per poter poi ottenere il suo peso specifico.
Se per esempio utilizzassimo del legno di pino, otterremmo dei cubi di spigolo di 1 decimetro e dal peso di 0,65 kilogrammi. In questo caso, ciò che viene indicato come peso è in realtà la massa. Moltiplichiamo a questo punto per il valore dell'accelerazione di gravità (pari a 9,81) ottenendo così un valore di 6,38N.
Il peso specifico del legno di pino è dunque 6,38 newton su decimetro cubo.

45

Se invece volessimo trovare il peso specifico di una sostanza liquida procederemo nel seguente modo.
Prendiamo una bottiglia vuota, possibilmente con la capienza di un litro, e la pesiamo su una bilancia. Successivamente la riempiamo con cura con 1 litro della sostanza di cui vogliamo conoscere il peso specifico. A questo punto ripesiamo la bottiglia piena e, per differenza, ricaviamo la massa del liquido contenuto. Da qui potremo calcolarne il peso specifico.
Se prendiamo per esempio dell'olio di oliva. Partiamo pesando una bottiglia vuota da 1 litro e supponiamo che questa pesi 0,5 kilogrammi. La riempiamo con 1 litro esatto di olio e la ripesiamo. Sulla bilancia leggiamo che tutto il sistema (bottiglia più olio) pesa 1,41 kilogrammi. Ricaviamo per differenza tra il peso lordo e la tara, il peso netto dell'olio, che risulta essere di 0,91 kilogrammi. Moltiplichiamo questo valore per l'accelerazione di gravità e otteniamo un valore di 8,93 newton.
L'olio ha dunque un peso specifico di 8,93 newton su decimetro cubo (infatti un decimetro cubo equivale ad un litro).

Continua la lettura
55

Per le sostanze gassose, non è invece possibile valutare il peso specifico. Si può invece valutarne la densità; tuttavia questa dipende anche dalle condizioni di temperatura e pressione del gas stesso e non è quindi costante per una data sostanza.
Lo è invece se consideriamo sostanze solide o liquide. In questo caso per calcolare la densità, basterà riprodurre gli stessi esperimenti suggeriti sopra, con l'unica differenza che non si dovrà moltiplicare per l'accelerazione di gravità.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Appunti di tossicologia

La tossicologia è un ramo della farmacologia che si occupa degli effetti negativi di determinate sostanze sull'organismo. Chi deve sostenere un esame o, semplicemente vuol conoscere qualche nozione di tossicologia, nella guida che segue potrà trovare...
Università e Master

Come risolvere le reazioni chimiche con i rapporti ponderali

In natura nulla si crea e nulla si distrugge: è un principio incontrovertibile che governa tutte le reazioni chimiche dell'universo. Nella natura delle stesse c'è una trasformazione, ma il peso iniziale degli elementi coinvolti dovrà corrispondere...
Università e Master

Come Trasformare Il 2-propanolo In Propene

Quasi tutti i bambini hanno voglia di mescolare le sostanze per scoprire cosa succede. Questa procedura diventa pericolosa quando vengono mescolate sostanze che messe insieme diventano tossiche. Per tale motivo è consigliabile conoscere come reagiscono...
Università e Master

Come trattare acque di scarico contaminate

Le acque reflue, chiamate anche acque di scarico, in base alla loro origine vengono contaminate da diverse tipologie di sostanze organiche e inorganiche, pericolose per la salute e anche per l'ambiente. Per questo motivo è da escludere che possano essere...
Università e Master

Come analizzare dei campioni di terreno

Per una totale produttività delle piante che coltiviamo è opportuno conoscere e curare per bene i proprio terreni. Il terreno infatti è la fonte principale di approvvigionamento da parte della pianta, da esso infatti le radici assorbono acqua e nutrienti...
Università e Master

Appunti di laboratorio di chimica

L'attività di laboratorio è assolutamente necessaria per chi studia e si occupa della chimica. Questa disciplina ha l'obbiettivo di analizzare la materia con particolare riferimento alla struttura microscopica che la compone. A tal proposito, la sperimentazione...
Università e Master

Chimica: come eseguire una cromatografia su strato sottile

La cromatografia eseguita su strato sottile, TLC acronimo di Thin Layer Chromatography, viene ampiamente usata presso i laboratori di chimica organica, per la valutazione dello stadio di avanzamento di una reazione chimica. Questa tecnica è basata sull'idea...
Università e Master

Come verificare il PH di una sostanza

Misurare il pH di una sostanza è una procedura molto comune in chimica. In generale il pH puo' essere valutato sperimentalmente attraverso varie tecniche oppure è possibile valutare teoricamente quale composto sia più acido di un altro attraverso varie...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.