Come condurre un esperimento scientifico

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'esperimento scientifico è finalizzato a confutare o confermare una tesi. Si tratta di riprodurre un particolare evento naturale in laboratorio, tenendo così sotto controllo le variabili. Con Galileo Galilei l'esperimento divenne centrale: egli si rese conto dell'importanza legata alla fase induttiva del metodo scientifico nella quale, partendo dall'osservazione o esperienza, si ricavano determinati principi. In questa guida vedremo come si fa a condurre in maniera esatta le tappe salienti di un esperimento scientifico. Emozionante vero? Anzi, di più, elettrizzante direi!

26

Osservazione

Incominciamo dall'osservazione, quella che ci consentirà di formulare un'ipotesi. In seguito il nostro compito sarà quello di verificarla in laboratorio attraverso l'esperimento. La metteremo alla prova, scoprendo se si scioglierà come neve al sole alla prima difficoltà o se "terrà botta". Le ipotesi possono altresì derivare da un ragionamento, piuttosto che direttamente dall'esperienza. In entrambi i casi, avendo formulata un'ipotesi, lo step successivo sarà quello di cimentarci in un esperimento.

36

Informazioni

Mentre saremo impegnati a portare a termine il nostro esperimento nel modo migliore, sarà necessario trascrivere accuratamente il maggior numero di informazioni indispensabili per stendere la relazione finale, perciò registreremo lunghezze, intervalli di tempo, pesi. Non trascuriamo di prestare particolare attenzione all'esperienza, in modo da riuscire a percepire qualsiasi cambiamento. Esso infatti potrebbe essere fondamentale rilievo per la confutazione o la confermazione della tesi, che è quello che ci interessa, il motivo del nostro esperimento. Per operare con ordine, sintesi e praticità, potremmo trascrivere le misure dell'esperimento in una tabella, davvero funzionale per un rapido confronto dei dettagli ottenuti.

Continua la lettura
46

Relazione

Siamo infine giunti al momento clou, della rielaborazione chiara delle info ottenute, in una modalità che sia poi facilmente verificabile da tutti. Alludo alla fase finale, che consiste in una relazione, in cui esplicitare le diverse fasi dell'esperimento, incominciando dalla formulazione dell'ipotesi, per giungere alla conclusione dell'esperimento. Questa relazione riporterà le misure calcolate o rilevate durante il test, proprio per consentire agevolmente al lettore di ottenere il medesimo risultato. Importante che la relazione metta in rilievo il successo o meno della nostra ipotesi iniziale. Può succedere infatti che l'esperimento abbia smentito categoricamente la nostra ipotesi, falsificandola, quindi dovremo procedere ancora, modificando l'ipotesi alla luce dei nuovi risultati e mettendola nuovamente alla prova.

56

Guarda il video

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • neo-scienziati, armatevi di pazienza e di grande attenzione, no alle distrazioni, rischierebbero di inficiare tutto il vostro lavoro
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come scrivere un saggio scientifico

Un saggio scientifico è un genere letterario a tutti gli effetti poiché la sua stesura è deve rispettare delle regole formali che sono state codificate già da tempo. Lo scopo di questo particolare saggio consiste nel divulgare la propria scoperta...
Università e Master

Come realizzare una cromatografia su carta

La chimica è una materia piuttosto interessante quanto complessa, che richiede molto tempo e molta pazienza per essere appresa al meglio. Affinché ciò avvenga è necessario avere delle buone basi di partenza, in modo da poter comprendere al meglio...
Superiori

Come funzionano le forze parallele e concordi

La fisica è sempre stata una delle materie più difficili per gli studenti. Regole apparentemente senza logica da imparare a memoria, fenomeni di cui non si è mi sentito parlare. Riuscire a capire i fenomeni è un modo per imparare al meglio le cose...
Università e Master

Come scrivere una relazione scientifica

Scrivere una relazione scientifica vuol dire creare un testo avente l'obiettivo di informare sui risultati di studi ed esperimenti, mediante una struttura fissa ed un metodo definito appunto scientifico. I destinatari di questa informazione sono gli addetti...
Superiori

Come svolgere una relazione di laboratorio

Per alcune materie, ad esempio la chimica, è importante integrare lo studio della teoria con la messa in pratica di alcuni esperimenti, da svolgersi in laboratorio. In seguito ad un'esercitazione in laboratorio, molti insegnanti chiedono di redigere...
Superiori

Come realizzare l'esperimento di Venturi

La guida che segue ha come scopo cercare di dare una mano a capire come e cosa fare per poter realizzare, magari anche comodamente a casa propria, l'esperimento di Venturi. Nello specifico, possiamo dire che in questa breve guida imparerete per bene a...
Università e Master

Come effettuare l'esperimento di riconoscimento degli anioni

L'anione è un elemento chimico formato da degli atomi che hanno acquisito uno o più elettroni che l'hanno trasformato in uno ione negativo: infatti il loro nome deriva appunto dalla migrazione del loro anodo quando si trovano all'interno di un campo...
Superiori

Fisica: l'esperimento di Young

Thomas Young, nato nel giugno del 1773, è stato un importante scienziato inglese, divenuto celebre per i suoi studi in fisica. Egli si concentrò sui temi della meccanica dei solidi e sulla luce ed è inoltre ricordato anche per i suoi studi in ottica....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.